GP di Valencia

MotoGP 2019. Quartararo primo anche nelle FP2

- Fabio Quartararo si conferma il più veloce anche nelle FP2, davanti a Maverick Vinales e Marc Marquez. Quinto Franco Morbidelli, nono Andrea Dovizioso, 12esimo Danilo Petrucci, 13esimo Michele Pirro, 14esimo Valentino Rossi (caduto anche nel pomeriggio), 15esimo Pecco Bagnaia, 21esimo Andrea Iannone
MotoGP 2019. Quartararo primo anche nelle FP2

Valencia - Si alza la temperatura, si abbassano i tempi, ma davanti a tutti rimane Fabio Quartararo, 0”148 più veloce di Maverick Vinales e 0”239 di Marc Marquez: come succede spesso ultimamente, sono loro i piloti più veloci del venerdì.

Non solo sul singolo giro, ma anche sul passo: in questo momento, i tre piloti della prima fila provvisoria hanno qualcosa in più, sia come velocità sia come costanza. Non è una sorpresa, così come non lo è il quarto posto di Jack Miller (scivolato senza conseguenze) e il quinto di Franco Morbidelli: Miller, come accade regolarmente da un po’ di tempo, è sempre il pilota Ducati più veloce in prova, anche se poi in gara fatica a ripetersi a certi livelli; stesso discorso per Morbidelli, spesso costante il venerdì, ma più in affanno il giorno della gara.

ITALIANI IN DIFFICOLTA’
Franco è comunque il migliore tra i piloti italiani, mentre gli altri sembrano faticare più del previsto, in particolare Valentino Rossi, solo 14esimo e caduto anche nelle FP2 alla curva 10, dopo che nelle FP1 era scivolata alla curva 4, sempre una piega a destra.
La caduta di Rossi è stata piuttosto strana, come se avesse messo l’anteriore su un qualcosa di scivoloso: non ha avuto conseguenze per il pilota, ma per il proseguo del turno sì, perché Valentino non è più riuscito a ritrovare velocità, dopo essere stato fermo a lungo al box a cambiarsi la tuta.

Non sorride troppo nemmeno Andrea Dovizioso, nono a 0”616 da Quartararo, anche se Andrea è sempre difficile da valutare in prova: la sensazione - vedremo se sarà confermata dalle sue parole - è che qui sia tornato a faticare un po’ nella gestione di una moto che non si addice molto a questo tracciato.
Solo 12esimo Danilo Petrucci, che ancora una volta non ha sfruttato al meglio la gomma nuova, 15esimo Pecco Bagnaia, che purtroppo non riesce a ripetere le belle prestazioni australiane, 13esimo il collaudatore Michele Pirro .

ZARCO DAVANTI A CRUTCHLOW
In Casa Honda, il migliore dopo Marquez è Johann Zarco, decimo, con Cal Crutchlow 11esimo: la sfida tra i due potrebbe avere un gran valore per il futuro, con Cal che soffre un bel po’ a stare dietro al provvisorio compagno di squadra.
16esimo Jorge Lorenzo staccato di 1”145: il neo “ritirato” è andato un pochino meglio, ma è sempre lontano.

BRAVISSIMO ALEIX ESPARGARO
Molto bravo Aleix Espargaro che ha portato l’Aprilia all’ottavo posto, mentre Andrea Iannone è 21esimo: la differenza tra i due è sempre molto grande, anche se in gara si riduce un po’. Ma Andrea deve fare di più.

I 10 IN Q2
Ecco i 10 piloti al momenti già in Q2: Quartararo, Vinales, Marquez, Miller, Morbidelli, Rins, Mir, A.Espargaro, Dovizioso e Zarco.

  • Luca_tm, Legnago (VR)

    Non penso che qualcuno compri una Tracer perché Rossi corre con la M1. Detto questo, se Rossi ammettesse con franchezza che almeno due piloti vanno più forte con la stessa sua moto, dimostrerebbe di essere un campione completo. Probabilmente non interessa a nessuno, ma tornerei a stimarlo come dieci anni fa.. Si diverte ancora a correre? Allora quando arriva quinto o sesto sia felice, e non cerchi giustificazioni o scuse, in dieci anni se ne sono sentite un po' troppe.
  • Andrea.Turconi, Rho (MI)

    Miller in gara sparisce ... forse se fosse seguito da il team ufficiale ... poi parte sempre con le gomme più morbide ... bhò
Inserisci il tuo commento