GP OLANDA

MotoGP 2019. I commenti dei piloti dopo le FP di Assen

- I commenti di Andrea Iannone, Marc Marquez, Maverick Vinales e Fabio Quartararo dopo il venerdì di prove del GP di Assen 2019
MotoGP 2019. I commenti dei piloti dopo le FP di Assen

Fabio Quartararo: “Alla fine delle FP2 non ero così soddisfatto perché ho fatto degli errori: potevo essere più veloce. La M1 sembra funzionare bene anche su questa pista: sono rimasto sorpreso dalla rapidità con la quale sono riuscito ad adattarmi a questo circuito, particolarmente impegnativo con una MotoGP”. 

Maverick Vinales: “Abbiamo confermato i passi in avanti fatti al Montmelò. E’ soltanto venerdì, ma le sensazioni sono positive ed è bello iniziare con questa velocità. La moto funziona molto bene, posso concentrarmi sul mio stile di guida, provare a migliorarmi ulteriormente. E’ difficile capire il vero valore degli avversari: abbiamo girato tutti con gomme differenti. Ma sono soddisfatto della nostra velocità: già nelle FP1 sono stato più veloce di quanto avessi fatto nel 2018”. 

Marc Marquez: “La caduta di Lorenzo conferma che la Honda non è una moto facile. Però, quando riesci a trovare il limite è vincente e in alcuni circuiti la puoi sfruttare al meglio. Mi spiace per quanto accaduto a Lorenzo, spero si rimetta presto. Oggi per noi è stata una giornata positiva, abbiamo fatto un buon lavoro, provando le gomme soffici e medie e migliorando nel set-up. Come a Barcellona, siamo 4/5 piloti con un buon passo: l’obiettivo per domani è come sempre la prima fila, ma non sarà facile perché le Yamaha e le Ducati vanno molto forte”. 

Andrea Iannone: “Peccato per la caduta alla fine, ma nel complesso è stata una giornata positiva. Sappiamo quali sono i nostri limiti, ma qui possiamo fare bene. Per noi è molto difficile quando bisogna ripartire dalle curve lente, mentre siamo più a posto nei curvoni veloci. Nei test di Barcellona abbiamo fatto dei passi in avanti e stiamo sfruttando questa situazione.
Fin dalle FP1 ho avuto un buon feeling con la moto, mentre nelle FP2, nel finale, abbiamo provato a fare un passo in avanti, ma con la gomma nuova la moto perde un po’ di bilanciamento e per questo sono caduto. Per il momento siamo messi meglio del previsto. Stiamo facendo un lavoro lungo, che richiede pazienza: questo risultato fa bene all’Aprilia, a me, a chi lavora dentro al box.
In MotoGP ci sono solo piloti di talento e bisogna avere una moto competitiva e guidarla con fiducia e divertimento, cosa che sono riuscito a fare oggi. Non ci sono grandi differenze rispetto ai GP precedenti dove ero partito ultimo, ma cambia il feeling con la moto: se non ce l’hai non vai avanti, se ce l’hai riesci a fare cose stupende. Cerchiamo qualcosa che ci faccia restare a questo livello con costanza: al momento non ce l’abbiamo, ma stiamo lavorando per averlo”. 

  • gavo73

    Certo che il commento del 93 non è proprio simpatico subito... Come se solo lui fosse in grado di guidare una motogp. Comunque Lorenzo si è fatto male, e 'sto ragazzo, caduto 170 volte, pare dire che sta in piedi lui, gli altri no. Mah...
Inserisci il tuo commento