GP delle Americhe

MotoGP 2018. Rossi: "Confermo tutto, ma pensiamo ad altro"

- Valentino non cambia idea, rimane sulle sue posizioni (“Ho rivisto la gara, quello che dovevo dire l’ho già detto in Argentina”), ma guarda avanti: “Bisogna preoccuparsi del futuro, non del passato: tornare in pista è la migliore medicina”
MotoGP 2018. Rossi: Confermo tutto, ma pensiamo ad altro

AUSTIN – La sua idea non cambia, lo stato d’animo sì: Valentino Rossi conferma (senza ripeterlo) tutto quello detto su Marc Marquez, ma guarda avanti, apparentemente con grande serenità. Solo parole di circostanza? Forse, però la sensazione è di un Rossi più tranquillo, soprattutto se paragonato a quello del 2015. Ovvio, peraltro: allora c’era di mezzo il mondiale…

«Ho rivisto la gara in televisione: penso esattamente quello che ho detto in Argentina dopo la gara, confermo quelle parole, ma è inutile tornare a parlarne. Meglio guardare al futuro, non al passato, a una gara da fare su una pista per noi sempre complicata».


Qual è il tuo stato d’animo?

«Buono. Tornare in pista è sempre la medicina migliore, ho una gran voglia di lavorare con la mia squadra per provare a sistemare la moto su questo tracciato molto difficile».


La rivalità con Marquez, però, rimane, la tensione è alta.

«Non so cosa dire sulla nostra rivalità, l’importante è pensare a far bene su questa pista. E’ passato un po’ di tempo: rimango della mia idea, ma l’importante è il futuro, non il passato».


Sembra un po’ quanto accadeva tra Senna e Prost.

«La differenza è che loro si giocavano il mondiale, mentre quello che è successo in Argentina non ha alcun senso: Marquez mi poteva tranquillamente passare due curve più avanti».


Domani ne parlerete in Safety Commission?

«Sarebbe bello parlarne tutti insieme, sono curioso di sapere come la pensano gli altri piloti. So che Ezpeleta ci vuole parlare, ma non so se in futuro cambierà il metodo di giudizio».


Dopo l’Argentina hai parlato direttamente con Ezpeleta?

«Lui mi ha mandato un messaggio per dirmi appunto che voleva parlarci e l’ho chiamato: più o meno gli ho ripetuto quello che avevo già detto in Argentina».


Secondo te, Zarco andava punto per il contatto con Pedrosa?

«Quello che è successo tra me e Marquez era sicuramente peggio, ma anche Zarco non è stato proprio pulito con Pedrosa».


Zarco dice che in pista ci sono due “dei”: uno sei tu, per il risultati ottenuti e uno è Marquez per quello che sta facendo e che i trattamenti sono un po’ diversi.

«A me sembra di essere stato penalizzato in passato… Ma il problema non è questo, bisogna essere chiari: a ogni infrazione deve corrispondere una pena certa».

Leggi tutti i commenti 139

Commenti

  • max66665, Gallarate (VA)

    Ormai è uno vecchio per questo sport, la sua forza sono i suoi tifosi (rispettabilissimi), che si continuano a mettersi parrucche varie e fumogeni per fare folclore in tutte le piste del mondiale!!!
  • Sosse

    La cosa più divertente di questa conferenza, è stata che lo stesso signore che ha scritto l’articolo sul clan di Tavullia che comanda in Yamaha (categoricamente distrutto da Valentino a domanda di giornalista spagnolo) ha pubblicato una foto su FB esprimendo la speranza che Valentino, a seguito dei fatti argentini, avesse indetto la conferenza stampa per annunciare il suo ritiro. E lui cosa fa? Fa una conferenza per stemperare gli animi e invitare tutti a guardare avanti. Come sempre molto, molto grande.
Leggi tutti i commenti 139

Commenti

Inserisci il tuo commento