GP di Aragón

MotoGP 2018. Márquez vince il GP di Aragón

- Marc Márquez trionfa ad Aragón seguito da Andrea Dovizioso e Andrea Iannone. Caduta per Jorge Lorenzo alla curva 1 subito dopo la partenza, mentre Valentino Rossi si posiziona in ottava piazza
MotoGP 2018. Márquez vince il GP di Aragón

ALCAÑIZ – Strepitosa vittoria di Marc Márquez, davanti ad Andrea Dovizioso e Andrea Iannone. Grandissimo sesto posto per l’Aprilia di Aleix Espargaró, settimo Danilo Petrucci, ottavo Valentino Rossi, miglior pilota Yamaha al traguardo. Caduto alla prima curva Jorge Lorenzo.

E’ stato un grandissimo Marc Márquez, ma Andrea Dovizioso non è stato da meno: i due si sono superati 15 volte tra il 14° e il 22° giro, prima dell’allungo finale nel passaggio conclusivo. Márquez voleva a tutti i costi questa vittoria, e l’ha ottenuta dimostrando tutta la sua classe: ancora una volta è stato capace di fare la differenza. Ma l’ha fatta anche il Dovi, in testa fin dal primo giro, bravo a tenere il ritmo basso per non consumare la gomma posteriore, feroce, ferocissimo nel ribattere colpo su colpo agli attacchi di un Márquez che, a sorpresa, aveva montato la gomma soffice al posteriore. Andrea sapeva che se Marc fosse riuscito a stare davanti, lui avrebbe faticato a stargli in scia, e per questo ha ribattuto colpo su colpo allo spagnolo, per un totale, come detto, di 15 sorpassi. Una sfida di altissimo livello tra due campioni da applaudire per lo spettacolo che hanno offerto.

CHE IANNONE, CHE SUZUKI

Ma bisogna fare milioni di complimenti anche ad Andrea Iannone e alla Suzuki, terza e quarta al traguardo, con Andrea che, per un attimo, al 19° giro è stato anche in testa per qualche metro. Iannone ha sfruttato al meglio il ritmo basso e le qualità ciclistiche della sua moto, visibilmente deficitaria, però, in rettilineo: ma nel resto della pista la sua Suzuki era fenomenale, e Andrea ha finamente guidato come sa: bravo, bravo, bravo. Così come il suo compagno di squadra: il quarto posto di Rins è solido.

CHE APRILIA

Al quinto posto Dani Pedrosa che, per un attimo sembrava averne per lottare per il podio; e al sesto uno strepitosa Aleix Espargaró, che porta l’Aprilia al sesto posto in un GP dove solo Lorenzo è caduto, davanti a lui (quando è scivolato Crutchlow gli era dietro).
E’ quindi un bel sesto posto questo, che fa ben sperare per il futuro, quando su quella moto ci sarà Iannone.

ROSSI MIGLIOR YAMAHA

Pur partendo dalla 17esima posizione (ne ha guadagnata uno sullo schieramento per la penalizzazione dopo le QP di Morbidelli), Rossi è stato comunque il miglior pilota Yamaha al traguardo: ottavo. E’ davvero un campionissimo: nonostante tutto quello che ha vinto, si batte ancora con un ragazzino pur di conquistare anche un ottavo posto. Da applausi.

LORENZO, CHE ERRORE

Partito con la soffice anteriore, unico di tutta la griglia, Jorge era convinto di poter scappare e imporre il suo ritmo, ma Jorge ha commesso un errore alla prima curva: è arrivato troppo largo, non si aspettava forse il sorpasso di Márquez al via, e fuori traiettoria è finito a terra a gas chiuso. La botta è stata tosta, pare se la sia cavata con una piccola frattura a un alluce. La sua scivolata ha cambiato completamente la gara.

CLASSIFICA

Pos. Punti Num. Pilota Nazione Team Moto Km/h Data e ora/Distanza
1 25 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 167.0 41'55.949
2 20 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 167.0 +0.648
3 16 29 Andrea IANNONE ITA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 167.0 +1.259
4 13 42 Alex RINS SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 166.9 +2.638
5 11 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 166.7 +5.274
6 10 41 Aleix ESPARGARO SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 166.4 +9.396
7 9 9 Danilo PETRUCCI ITA Alma Pramac Racing Ducati 166.1 +14.285
8 8 46 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 166.0 +15.199
9 7 43 Jack MILLER AUS Alma Pramac Racing Ducati 166.0 +16.375
10 6 25 Maverick VIÑALES SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 165.6 +22.457
11 5 21 Franco MORBIDELLI ITA EG 0,0 Marc VDS Honda 165.3 +27.025
12 4 30 Takaaki NAKAGAMI JPN LCR Honda IDEMITSU Honda 165.2 +27.957
13 3 38 Bradley SMITH GBR Red Bull KTM Factory Racing KTM 165.1 +28.821
14 2 5 Johann ZARCO FRA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 164.9 +32.345
15 1 17 Karel ABRAHAM CZE Angel Nieto Team Ducati 164.6 +37.639
16   45 Scott REDDING GBR Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 164.4 +39.585
17   12 Thomas LUTHI SWI EG 0,0 Marc VDS Honda 164.4 +40.763
18   55 Hafizh SYAHRIN MAL Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 163.4 +56.296
19   10 Xavier SIMEON BEL Reale Avintia Racing Ducati 163.2 +58.981
20   81 Jordi TORRES SPA Reale Avintia Racing Ducati 163.2 +59.513
Non classificato
    35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda CASTROL Honda 165.7 19 Giri
    19 Alvaro BAUTISTA SPA Angel Nieto Team Ducati 160.9 22 Giri
Primo giro non terminato
    99 Jorge LORENZO SPA Ducati Team Ducati   0 Giro
  • Tiziwind, Riva Ligure (IM)

    @homodormiens ottima analisi....bravo finalmente qualcuno che ne capisce ha voglia di spiegare come sono andate le cose...comunque ,purtroppo ,anche se gliele spieghi non le vogliono capire lo stesso...
  • pio1977, Faenza (RA)

    Chi crede che la Honda sia a livello di Ducati deve bere meno. Lo stesso marquez è stato costretto a più riprese ad ammettere la superiorità ducati.
    Sia l’anno scorso che quest’anno la Honda vince solo perché c’e Marquez altrimenti la Ducati avrebbe vinto entrambi i titoli.
Inserisci il tuo commento