GP di Francia

MotoGP 2018. Lorenzo, senza umiltà e senza moto

- Un’altra gara deludente, un’altra prestazione ben al di sotto del potenziale della moto. Eppure Jorge non si mette in discussione: “Non sbaglio tattica, è giusto provare a forzare dall’inizio. Ma questa moto è troppo faticosa: in Ducati dovrebbero ascoltarmi”. Molte le possibilità che non corra nel 2019
MotoGP 2018. Lorenzo, senza umiltà e senza moto

LE MANS – Ormai siamo ai titoli di coda: le possibilità che Jorge Lorenzo continui con la Ducati sono minime. E non solo perché Danilo Petrucci e Jack Miller, candidati a sostituirlo, costano molto meno, come ironizza efficacemente lo stesso Petrucci. No, dietro alla mancata riconferma c’è la mancanza di risultati: anche a Le Mans, Lorenzo ha preso una bastonata tremenda, nettamente più lento di Dovizioso, Petrucci e Miller, con una moto che su questa pista ha dimostrato di essere il punto di riferimento. Jorge sembra commettere sempre gli stessi errori, ma lui non vuole sentire parlare di tattica sbagliata quando gli si fa notare che, forse, sarebbe il caso di provare a non spingere subito all’inizio, per arrivare più forte alla fine. «Non è una questione di tattica – si altera un po’ -: quando riuscirò a migliorare alcuni aspetti, invece di stare al comando per solo nove giri, come è successo qui e a Jerez, ci riuscirò fino alla bandiera a scacchi. Per migliorare quegli aspetti, però, la Ducati mi deve credere, anche se adesso è complicato che mi credano. Ma è così». Una dichiarazione fuori luogo, visto quanto era competitiva qui la moto di Gigi Dall’Igna, l’ultimo che prova a difenderlo, senza però crederci più nemmeno lui. Inspiegabile anche come, sabato sera, dopo le qualifiche, Lorenzo dichiari di essere «prontissimo fisicamente», per poi affermare domenica dopo la gara: «La moto ha una grande accelerazione ed è stabile in frenata, ma quando cala il grip dobbiamo rallentare tanto in percorrenza. Per essere veloce devo usare troppa energia e dopo sei o sette giri, perdo forza e il cervello non è più lucido». Un’evidente contraddizione, a meno di 24 ore di distanza.


POSIZIONE DI GUIDA

Altro problema: la posizione di guida. Dopo 23 GP disputati con questa moto, Lorenzo ancora non ha trovato la giusta ergonomia di sella e serbatoio. «Nel 2017 la situazione era migliore, ma con questa moto soffro la mancanza di appoggio che avevo nella passata stagione: quando troveremo la giusta soluzione, faremo un bel passo in avanti» afferma lasciando perplessi, ripetendo parole che diceva a suo tempo Marco Melandri nel 2008. Ma quella era tutta un’altra Ducati, una moto veloce con un solo pilota (Stoner), mentre con questa Desmosedici vanno forte – a volte fortissimo – in tanti. Jorge dovrebbe adattarsi a questa moto, invece non ci riesce, sembra ripetere continuamente gli stessi errori.


MANCANZA DI UMILTA’

Altro aspetto che lascia perplessi: Jorge non si mette in discussione. «Tutti nel paddock sanno che con una moto competitiva posso fare la differenza» ripete ancora una volta una frase del tutto fuori luogo, specie nel giorno in cui la Ducati è, in maniera evidente, la moto migliore, perlomeno a Le Mans. Questa mancanza di umiltà viene trasferita anche nelle trattive. Nel 2012, quando Valentino Rossi tornò in contatto con la Yamaha, si preoccupò soltanto di chiedere la disponibilità di una moto per il 2013, senza alcuna pretesa di ingaggio e accettando aspetti mai accettati prima, come per esempio andare più volte durante l’anno in Giappone e o in Thailandia a fini promozionali. Lorenzo no: vorrebbe dalla Suzuki ancora tanti soldi, pensa di avere ancora il coltello dalla parte del manico. Mettendo a rischio la sua carriera: le possibilità che nel 2019 rimanga a piedi crescono giorno dopo giorno. A questo punto, forse, lo può salvare solo Carmelo Ezpeleta, che avrebbe tutto l’interesse a mettere in Suzuki un campionissimo come lui. Forse, è l’ultima speranza perché continui a correre.

Leggi tutti i commenti 526

Commenti

  • thedoc62, Napoli (NA)

    dopo le schifezze fatte nel recente passato si merita questo ed altro
    il prossimo che deve pagare pedaggio però è il nano con la faccia di joker
    p.s. se non ce l'ha fatta Rossi ad andare forte sulla Ducati, cosa lasciava credere che ce l'avrebbe fatta lui ?
  • Bryan.Lic, Trieste (TS)

    Una gara la vince, magari proprio a Valencia, così potrà dire che un altro anno e ci avrebbe vinto il titolo!
Leggi tutti i commenti 526

Commenti

Inserisci il tuo commento