GP di Aragon

MotoGP 2018. Il GP di Aragón da 0 a 10

- Da zero a dieci: numeri, statistiche e voti sul GP di Aragona, un modo per ripercorrere quanto accaduto ad Aragón, non solo in pista e non solo in MotoGP
MotoGP 2018. Il GP di Aragón da 0 a 10

 

IN CRISI DOPO L’ESTATE

Nei primi nove GP, un pilota Yamaha era sempre salito sul podio, ma da dopo la “pausa estiva”, la Casa giapponese ha raccolto solo un quarto posto come miglior risultato. La conferma di quanto dice Valentino Rossi: «Negli ultimi anni, siamo sempre partiti bene, ma poi, durante la stagione, non abbiamo fatto nessun passo in avanti, mentre Honda, Ducati e anche Suzuki sono migliorate». Gli ultimi 4 GP dicono proprio questo.

ZERO, COME I PODI YAMAHA NELLE ULTIME 4 GARE

 

LA PRIMA NON SI SCORDA MAI

Brad Binder non era mai partito dalla prima fila in Moto2: lo ha fatto ad Aragón, conquistando addirittura la pole position. Il campione del mondo della Moto3 ha poi vinto il GP: è la sua seconda vittoria, dopo quella ottenuta in Germania.

UNO, COME LE POLE DI BINDER IN MOTO2

 

DOMINIO TOTALE

Jorge Martin ha vinto la gara già al primo giro: alla fine del passaggio iniziale aveva già 1”580 di vantaggio. Martin, ovviamente, è rimasto al comando dal primo all’ultimo giro: soltanto Marco Bezzecchi ci era riuscito in questa stagione.

DUE, COME I PILOTI DELLA MOTO3 SEMPRE IN TESTA

 

IN PROVA E’ LA MOTO DA BATTERE

Sulla competitività della Ducati non ci sono dubbi, e in qualifica si può dire che è sicuramente la moto da battere: ad Aragón la Desmosedici è partita in pole per la terza volta consecutiva – sempre con Lorenzo – e negli ultimi 5 GP la Ducati ha conquistato 4 pole. Non male.

TRE, COME LE POLE CONSECUTIVE DI DUCATI E LORENZO

 

LA STATISTICA CONFERMA LA SUA FORMA

Primo in Repubblica Ceca; terzo in Austria; primo a Misano; secondo ad Aragón: Andrea Dovizioso ha conquistato il suo quarto podio consecutivo. Non gli era mai riuscito prima in MotoGP: anche la statistica conferma la costante crescita del pilota della Ducati.

QUATTRO, COME I PODI CONSECUTIVI DI DOVIZIOSO

 

CHE DIFFERENZA CON IL 2017

Andrea Iannone ha portato la Suzuki sul podio per la quinta volta in questa stagione: quattro terzi e un secondo posto (Rins ad Assen) è il bottino raccolto fino adesso. Nel 2017 la Suzuki aveva ottenuto un quarto posto come miglior risultato (conquistato due volte), mettendo insieme, in totale, 100 punti: a 5 GP dal termine, ne ha già 147. Un bel salto in avanti.

CINQUE, COME I PODI DELLA SUZUKI NEL 2018

 

ESPARGARÓ SAREBBE STATO PRIMO L’ANNO SCORSO

Anche se il ritmo della gara è stato lento per il solito problema di conservare le gomme, ben sei piloti sono arrivati al traguardo in minor tempo rispetto ai 42’06”816 del vincitore del 2017, Marc Márquez. Aleix Espargaró, quindi, arrivato sesto al traguardo in 42’05”345, avrebbe quindi vinto nella passata stagione.

SEI, COME I PILOTI AL TRAGUARDO PIU’ VELOCI DEL VINCITORE 2017

 

TUTTI VICINI VICINI

Ormai è la regola, ma fa sempre piuttosto effetto vedere quanto siano vicini tra loro i piloti della MotoGP nel singolo giro: ad Aragón i primi sette piloti in qualifica erano racchiusi in meno di mezzo secondo: Petrucci, settimo, ha preso 470 millesimi da Lorenzo.

SETTE, COME I PILOTI IN MENO DI MEZZO SECONDO IN Q2

 

I DUE PILOTI PIU’ FORTI

Martin e Bezzecchi sono arrivati primo e secondo ad Aragón, e sono anche primo e secondo in classifica generale, staccati di 13 punti. Sono loro i due piloti più veloci e costanti: ad Aragón hanno conquistato entrambi l’ottavo podio stagionale, con Martin vittorioso già sei volte e Bezzecchi due.

OTTO, COME I PODI DI MARTIN E BEZZECCHI

 

IL PIU’ VELOCE E IL PIU’ COSTANTE

A proposito di podi, Pecco Bagnaia (voto 9), è arrivato al traguardo nei primi tre per la nona volta in questa stagione, comprese sei vittorie. Pecco quindi è nettamente il pilota più veloce e costante della Moto2: non a caso è primo in classifica, con 19 punti di vantaggio su Oliveira (per il portoghese otto podi, compresa una vittoria)

NOVE, COME I PODI DI BAGNAIA

 

UN FINALE PAZZESCO

Negli ultimi 10 giri – dal 14° al 23° – Marc Márquez e Andrea Dovizioso si sono superati ben 15 volte, con l’aggiunta di un paio di sorpassi di Andrea Iannone, tra i quali uno triplo (al 19° passaggio), con Márquez in mezzo a Iannone (all’esterno) e Dovizioso (all’interno) alla curva 15. Un finale entusiasmante, da vedere e rivedere (La versione di Zam).

DIECI, COME I GIRI INDIMENTICABILI DELLA MOTOGP

  • pietro.antoni, Montignoso (MS)

    ma secondo voi è la yamaha che non progredisce durante la stagione o digerisce male i circuiti della seconda parte del campionato?
  • Valimax9384

    Rossi sta sparando a zero sulla Yamaha in maniera eccessiva, li sta quasi prendendo in giro e non perde mai un'occasione per farlo! Secondo il mio modestissimo parere sta esagerando e non penso che una casa motociclistica sia felice di avere un pilota/leader che faccia costantemente dichiarazioni catastrofiche sulla moto. A sentire Rossi la Yamaha è messa peggio di Aprilia e KTM! Poi vai a vedere le gare/statistiche/numeri e ti accorgi che se non ci fosse stato l'alieno Marc, la Yamaha avrebbe addirittura vinto dei GP!

    Redding è stato ripreso e multato dall'Aprilia per delle dichiarazioni poco carine sulla moto!Intendiamoci.. Valentino Rossi ha più eleganza di Scott, ma è anche vero e ormai è chiaro a tutti che questa Yamaha accetterebbe anche di andare fallita pur di difendere il suo eroe di 39 anni!
Inserisci il tuo commento