GP DI ARAGON

MotoGP 2018. Lorenzo si aggiudica la pole position di Aragon

- Lorenzo conquista la pole position di Aragon con un crono di 1.46.881. Seconda piazza per Dovizioso che anticipa Marquez. Quinto Iannone mentre Rossi domani partirà diciottesimo
MotoGP 2018. Lorenzo si aggiudica la pole position di Aragon

ALCANIZ – Pole position per Jorge Lorenzo (terza consecutiva), davanti ad Andrea Dovizioso e Marc Marquez. Quinto Andrea Iannone, settimo Danilo Petrucci, 13esimo Franco Morbidelli, 18esimo Valentino Rossi.

Come a Misano, un’altra doppietta Ducati: in Italia c’era Lorenzo in pole e Miller secondo, qui Lorenzo si conferma ma al suo fianco c’è Dovizioso, con Marquez terzo. Tre piloti fortissimi in 0”079, per un equilibrio pazzesco, con la prima fila determinata da una qualifica in stile Moto3, con Marquez, Dovizioso, Crutchlow, Lorenzo che si marcavano stretto: nell’ultimo giro, nessuno voleva tirare gli altri, ma poi tutti sono riusciti a fare un giro pazzesco. Tutti tranne Marquez, che dopo essere stato virtualmente in pole dopo il primo tentativo, non ha di fatto sfruttato la seconda gomma morbida. Poco importa, la prima fila garantisce al pilota della Honda la possibilità di giocarsela fino in fondo con le Ducati.

 

TRE PILOTI IN GRANDE FORMA

Sono tre piloti in grandissima forma, con Lorenzo e Dovizioso che possono sfruttare al meglio una Ducati velocissima anche su questo tracciato: era dal 2010 che un pilota della “rossa” non partiva davanti a tutti su questo tracciato. Sia Jorge sia Andrea hanno lavorato con grande profitto per preparare la gara, disputando una FP4 eccellente: se la possono giocare alla grande contro un Marquez che è sì velocissimo, ma è sempre appeso a un filo. Mentre la Ducati è super stabile e corre su un binario, la Honda di Marc si muove da tutte le parti, lo sterzo si chiude continuamente, come è accaduto anche nelle FP4, con Marquez volato via (senza conseguenze) alla curva 7 a circa 200 km/h. Lorenzo, Dovizioso e Marquez (rispettando l’ordine della qualifica) hanno margine rispetto agli altro, con Cal Crutchlow quarto in qualifica e anche nel passo: insomma, valori confermati.

 

DISASTRO VALENTINO ROSSI

Al quinto posto un Andrea Iannone piuttosto pimpante: se in gara potrà usare la soffice al posteriore – è un’opzione concreta – può essere competitivo, perché il suo passo non è male. Appena più lento Danilo Petrucci, ancora alla ricerca del miglior bilanciamento della sua Ducati, mentre la migliore Yamaha sullo schieramento è quella di Maverick Vinales, 11esimo, dopo aver conquistato il miglior tempo in Q1. La sua è l’unica M1 nei primi 12, con Johann Zarco 14esimo e Valentino Rossi addirittura 18esimo, dopo una giornata a dir poco disastrosa: Rossi è caduto nelle FP3, nelle FP4 è andato piuttosto piano e in Q1 non è riuscito a fare nemmeno un solo giro buono. In Austria era stato 14esimo e già sembrava una qualifica catastrofica; ma al peggio, si sa, non c’è mai fine…

 

CLASSIFICA

Pos. Num. Rider Nation Team Bike Km/h Time Gap 1st/Prev.
1 99 Jorge LORENZO SPA Ducati Team Ducati 335.4 1'46.881  
2 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 339.6 1'46.895 0.014 / 0.014
3 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 338.4 1'46.960 0.079 / 0.065
4 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda CASTROL Honda 336.0 1'47.146 0.265 / 0.186
5 29 Andrea IANNONE ITA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 336.9 1'47.169 0.288 / 0.023
6 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 344.1 1'47.224 0.343 / 0.055
7 9 Danilo PETRUCCI ITA Alma Pramac Racing Ducati 334.0 1'47.351 0.470 / 0.127
8 19 Alvaro BAUTISTA SPA Angel Nieto Team Ducati 337.7 1'47.678 0.797 / 0.327
9 42 Alex RINS SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 330.3 1'47.737 0.856 / 0.059
10 43 Jack MILLER AUS Alma Pramac Racing Ducati 331.6 1'47.792 0.911 / 0.055
11 25 Maverick VIÑALES SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 336.2 1'47.810 0.929 / 0.018
12 30 Takaaki NAKAGAMI JPN LCR Honda IDEMITSU Honda 327.0 1'48.284 1.403 / 0.474
  • Nessuno. Marci 1952, Milano (MI)

    Vediamo se anche oggi, come 2 settimane fa a Misano, come per incanto la Ducati di Lorenzo perderà la sua eccezionale accellerazione e almeno 10 km h. di velocità max. Misteri della fede, o dell'elettronica????
  • TripleD21, Roma (RM)

    Petrucci si sta preparando per il 2019. Dice
Inserisci il tuo commento