GP d'Argentina

MotoGP 2018. 5xGP, i 5 eventi da ricordare del GP d'Argentina

- I 5 eventi che rendono indimenticabile il GP d’Argentina: Márquez, la pole di Miller, la vittoria di Crutchlow e quelle di Bezzecchi e Pasini

1) Marc Márquez. E’ lui il grande protagonista del GP d’Argentina, nel bene e nel male. Poche volte si è vista una così netta superiorità di un pilota in MotoGP rispetto a tutti gli altri, ma poche volte ho visto un pilota perdere tanta lucidità da fare così tanti sbagli in un solo GP;


2) La pole di Miller. Quello che ha fatto Jack Miller in qualifica è da ricordare a lungo. D’accordo, c’era solo una curva bagnata, ma girare in quelle condizioni con le slick è qualcosa di eccezionale: perfino Márquez ha ritenuto troppo pericolosa quella situazione;


3) La vittoria di Crutchlow. Cal ha fatto tutto giusto, e vincendo ha anche conquistato il primo posto nel mondiale: era dal 1979 che un pilota britannico non era primo in classifica nella classe regina, ed è anche la prima volta per il team di Lucio Cecchinello;


4) La vittoria di Marco Bezzecchi. A 19 anni ha conquistato il suo primo successo da consumato campione. Bravissimo!


5) La vittoria di Mattia Pasini. Due gare, due successi italiani: dopo Bagnaia ecco Pasini, che adesso è anche primo nel mondiale. Non gli succedeva dal 2008. E ai primi tre posti della classifica ci sono Pasini, Baldassarri e Bagnaia. Da ricordare.

 

  • Alberto.Ferrari, Bologna (BO)

    6) Marquez se non cadeva avrebbe doppiato tutti, proprio come nella F1.
  • Valentino.Masini, Cesena (FC)

    3 piloti e 3 team di "secondo piano" sul podio.

    Penso che non sia successo molto spesso in passato.
    Un bel vedere insomma, lo so che tutti vorrebbero i big sul podio, magari dopo avere combattuto (lealmente) in pista ma questa volta è andata così.

    Il fatto è che al momento di big sembra essercene solo uno, anzi due: Marquez e il suo avversario più pericoloso che poi è sempre lui.
    Quelli che un tempo potevano competere con lui, per diversi motivi sembrano essersi eclissati.
    Lorenzo, Rossi, Pedrosa, Vinales,…….
    Non è che loro combattono e poi vengono regolarmente battuti: sono proprio scomparsi.

    Peccato per i tre sul podio che a quanto si legge sembra non se li sia filati nessuno.

    Tutti in cerca di caciara……. giornalai!

    Ma è questo il livello dei giornalisti? Oppure i giornalisti per avere la possibilità di essere letti devono buttarla in caciara, causa la legge dei grandi numeri ai quali risultato sportivo interessa ben poco?

    Insomma è nato prima l'uovo o la gallina?

    A tale proposito Vi invito ad una riflessione: provate a contare gli interventi dei lettori su tutti gli argomenti trattati e Vi accorgerete che del risultato sportivo interessa a poco a pochi.

    Per i lettori, molto più interessante sembra essere se magari: Valentino Rossi nel paddock urta una signora e non si inginocchia a chiederle scusa…… furono migliaia di commenti! Pro e contro ovviamente.
    Povera gente alla fine che mi sa ci dobbiamo tenere in quanto senza il grande pubblico oggi, non ci può essere nessun evento.

    Valentino Masini
Inserisci il tuo commento