MotoGP

Jorge Martin: nessun ordine di scuderia e tanta rabbia

- Lo spagnolo del Team Pramac ha spiegato l’errore commesso in gara che ha consentito a Pecco Bagnaia di raggiungerlo e superarlo e ha tuonato contro la commissione gara: “penalità ingiusta”

Quando gli hanno chiesto se il lungo fatto a pochi giri dalla fine – che ha consentito a Pecco Bagnaia di raggiungerlo e superarlo – fosse stato un modo per ubbidire a un ordine di scuderia, Jorge Martin ha guardato la telecamera come si guarda un alieno. “Ma quale ordine di scuderia? Ho sbagliato io – ha detto il giovane pilota spagnolo del Team Ducati Pramac - Sono quasi caduto quando ho fatto quel dritto – ha spiegato martin - Alla curva quattro stavo quasi volando, dovevo andare dritto per forza”. Nessun ordine di scuderia, ma solo un errore che ci sta e che, di fatto, lo ha penalizzato abbastanza. Tanto da fargli trovare inutile e ingiusta la penalità che poi la commissione gara ha voluto infliggergli, costringendolo ad un long lap: “Non è giusto perché l’ho fatto solo per non cadere, non potevo fare altro. Senza il giro lungo avrei lottato per il podio, sarebbe stato bello essere lassù, ma queste sono le gare e, anche se mi brucia, queste sono le regole” – ha poi chiosato il rookie della Ducati.

Dopo l’errore e il sorpasso subito ad opera di Pecco, Martin era riuscito a raggiungere nuovamente il compagno di marchio e non nasconde che in qualche modo ci avrebbe provato se non gli avessero comunicato quella penalità. “Per tutto il fine settimana ho lottato per il podio e ci avrei provato – ha spiegato – Quando mi ha superato sono riuscito a rimanere lì con lui. Poi è andata come è andata. Ordini di scuderia, comunque, non c’erano anche se nella mia testa è chiaro che Bagnaia sta lottando per il mondiale”.

  • Valentino.Masini, Cesena (FC)

    Quelli che sarebbero pronti a giuare che vi sia stato il gioco di squadra potrebbero dirmi se fossero stati loro al posto di Miller e Martin come si sarebbero comportati dopo avere ubbidito?
    Ripeto: non voglio sapere se avessero ubbidito o meno ma cosa avrebbero fatto dopo avere dato strada a Bagnaia.
    Grazie.

    Valentino Masini
  • remo123456, Padova (PD)

    Concordo con i commenti se c è una regola piaccia o no deve essere rispettata e evidente che ha perso del tempo tagliando ma se il regolamento dice che uscendo dal tracciato viene applicato un long lap vi è poco da recriminare, ovviamente non deve essere a discrezione della direzione gara ma deve essere applicato a TUTTI.
    Penso all'attacco di MM a Bagnaia (aragon) ad esempio è andato sul cemento ed è rientrato ma non si è vista la penalizzazione è ultimo dei casi che riguarda tutti i piloti sia chiaro ma se inizia ad esserci discrezione da parte della direzione gara allora Martin fa bene a lamentarsi.
Inserisci il tuo commento