MotoGP

Jorge Lorenzo: “Marc Marquez come Toni Bou! Valentino Rossi? Arrivano piste favorevoli”

- Il cinque volte campione del mondo, nell’ormai consueto appuntamento con il suo 99Secondi, ha parlato del GP del Portogallo a Portimao, tracciando anche un bilancio sulla MotoGP al netto delle prime tre gare

Appuntamento ancora una volta rispettato per Jorge Lorenzo con il suo 99Secondi, l’approfondimento sulla MotoGP che propone ogni settimana dal suo canale Youtube. Tanti, come era inevitabile, i temi messi sul piatto dal cinque volte campione del mondo. Dai complimenti a Joan Mir, “vero leader in Suzuki”, a quelli a Pecco Bagnaia, “guida molto bene la Ducati e ha subito una penalità ingiusta”, passando addirittura per Aleix Espargarò, “l’Aprilia è cresciuta e lui non cade, li vedo sul podio a breve”.

Non poteva mancare, però, anche un approfondimento su Marc Marquez, con Jorge Lorenzo che ha scomodato un paragone insolito. “Marc è di un altro pianeta, mi ricorda Toni Bou – ha detto - Ha subito un infortunio e finché non si riprenderà ci vorrà del tempo, ha rivali più giovani come Quartararo, Mir o Bagnaia, sono sicuro che lotterà ancora per il Mondiale, forse anche quest’anno. Al di là della sua velocità, mi sorprende che sia tornato senza paura di cadere e di farsi nuovamente male”.

Dopo aver bollato come “delusione” le due prestazioni di Valentino Rossi in Qatar, invece, Jorge Lorenzo ha usato toni più assolutori dopo il GP del Portogallo. “Si vede che ha problemi – ha affermato – basta guardare i sui movimenti per rendersi conto che non riesce a guidare come vorrebbe, ma rispetto a Doha le cose sono un pochino migliorate e ora per lui arriveranno circuiti favorevoli”.

  • 21ViperUk, Milano (MI)

    Analisi ineccepibile... Grande Jorge!!
  • Pasqualerubino

    Oltre al nostro Zamagni, Jorge è l'unico commentatore ad essere tenero con Pol Espargaro, avendo esperienza diretta di quanto è difficile quella moto.
    Era la Ducati ad avere fama di moto difficile, ma il buon comportamento dei rookies Ducati e le tante cadute di A. Marquez e Nakagami consegnano alla Honda il titolo di Indomabile
Inserisci il tuo commento