gp di francia

I commenti dei piloti dopo le prove libere del GP di Francia

- Marquez è veloce e costante come sempre, Jorge Lorenzo non è mai andato così forte quest’anno, Dani Pedrosa non ha spinto più di tanto, Andrea Dovizioso è decisamente soddisfatto | G. Zamagni, Le Mans
I commenti dei piloti dopo le prove libere del GP di Francia

 LE MANS – Marc Marquez è veloce e costante come sempre, Jorge Lorenzo non è mai andato così forte quest’anno, Dani Pedrosa non ha spinto più di tanto, Andrea Dovizioso è decisamente soddisfatto: questa, in sintesi, la giornata di alcuni protagonisti.


MARC MARQUEZ: “NON MALE COME INIZIO”

«Sono partito dall’assetto utilizzato a Jerez, poi, nel pomeriggio abbiamo fatto delle modifiche migliorando la situazione, ma fatichiamo più del solito in entrata di curva. Questo non è uno dei miei circuiti favoriti, c’è praticamente una sola linea obbligatoria e se fai uno sbaglio vai fuori dall’asfalto, come è capitato a me all’ultima curva: il venerdì serve anche a questo, a cercare il limite. Con la moto mi sono subito sentito a mio agio e abbiamo anche provato entrambe le gomme posteriori: al momento, l’opzione per la gara è la morbida. Le Open e le Ducati possono essere competitive per la pole, ma più che Iannone, uno dei piloti più forti contro il quale ho corso in Moto2, temo Pedrosa, Lorenzo e Rossi, soprattutto pensando alla gara».


JORGE LORENZO: “IL MIGLIOR VENERDI’ DELL’ANNO”

«La posizione non conta molto, perché i primi hanno montato una gomma nuova nel finale, mentre io ho sempre girato con quelle usate. Il mio ritmo è molto buono, la moto qui funziona bene, ci sono solo due frenate violente, nelle quali però non perdiamo più di tanto: è presto per dirlo, perché mancano ancora due turni, ma è la pista dove potremmo essere più vicini a Marquez. Qui le Ducati possono essere competitive e potrebbero anche utilizzare la extra soffice in gara (molto difficile, NDA): sarà importante conquistare la prima fila».


DANI PEDROSA: “DOMANI STARO’ MEGLIO”

«Sono partito con calma, non ho spinto più di tanto: da 10 giorni non utilizzavo il braccio destro operato dopo il GP di Spagna (sindrome compartimentale, NDA). Poi, nelle FP2 ho piano piano aumentato il ritmo: per essere il primo giorno dopo l’intervento, il feeling è buono. Ho un po’ di dolore, ma è possibile guidare: credo che domani starò meglio. Oggi non ho pensato al ritmo, era più importante provare le gomme e altri particolari. Domani mattina, con la temperatura più fresca, le Open avranno un grande vantaggio con la extra soffice: non sarà facile stare nei dieci».


ANDREA DOVIZIOSO: “PIU’ COMPETITIVI DEL SOLITO”

«Sono molto contento: come passo, è il migliore di sempre di quest’anno. Ho usato sempre la gomma più dura (la più morbida per le “factory”, NDA) girando con un buon ritmo e, a differenza del solito, non sono stato costretto a montare la extra soffice nel finale: questo mi ha permesso di concentrarmi sulla messa a punto per la gara. Siamo consapevoli dei nostri limiti, ma a Le Mans non ci sono curve particolarmente lunghe e per questo siamo più vicini. Ho utilizzato il nuovo telaio provato al Mugello, ma le differenze sono realmente minime: realisticamente è difficile pensare alla pole e al podio, ma ci provo».

  • Giord_nico, Catania (CT)

    Marquez

    Marquez è incredibile: "Le Open e le Ducati possono essere competitive per la pole, ma più che Iannone, uno dei piloti più forti contro il quale ho corso in Moto2, temo Pedrosa, Lorenzo e Rossi, soprattutto pensando alla gara"... In pratica sta dicendo che non crede che Iannone gli darà fastidio in gara - nonostante il 2° posto del venerdì -, piuttosto pensa ai soliti 3!
Inserisci il tuo commento