Motogp

Test di Sepang. Tiriamo le somme

- La Honda va fortissimo, la Yamaha anche, la Ducati cresce. E’ questo il primo verdetto di Sepang, dove per il terzo giorno consecutivo il più rapido è stato un pilota in sella alla RC212V | G. Zamagni, Sepang
Test di Sepang. Tiriamo le somme


SEPANG –  Oggi il più veloce è stato Marco Simoncelli, dopo che martedì era stato Casey Stoner a chiudere davanti a tutti e mercoledì a Dani Pedrosa -, ma il più consistente è stato Jorge Lorenzo. Il secondo verdetto è che sono tutti molto vicini e anche l’analisi del passo dice che in questi test Simoncelli, Stoner, Lorenzo, Dovizioso, Spies e Pedrosa, tanto per rispettare la classifica dell’ultimo giorno, sono distanziati di pochi decimi. Per quanto riguarda Valentino Rossi, il progresso è stato costante ed evidente e oggi il campione della Ducati ha chiuso a “solo” 1”085 da Simoncelli, evidenziando progressi costanti, tanto della moto quanto della spalla. Non a caso, dentro al box della rossa i volti erano sorridenti e lo stesso Valentino si è detto fiducioso di poter già essere competitivo in Qatar, dove il 20 marzo inizierà la stagione 2011.


HONDA


Lo squadrone Honda, in ogni caso, fa paura e tutti i piloti riescono a essere competitivi. Marco Simoncelli è stato addirittura il più veloce oggi, facendo il miglior tempo al secondo giro,ma soprattutto è stato costante nei tre giorni, su una pista dove l’anno scorso, di questo periodo, prendeva due secondi e mezzo al giro. E’ andato così bene che si è guadagnato i complimenti di Rossi, ma Marco sa benissimo che c’è ancora da lavorare. Come lo sa bene Andrea Dovizioso, che è stato a lungo secondo, prima di essere superato negli ultimi giri da Stoner e Lorenzo. Andrea, unico tra i piloti del team HRC, ha già scelto la direzione da seguire, concentrandosi esclusivamente su telaio, motore e sospensioni 2011. Anche lui, come Sic, è stato costante e mai in vita sua era sceso sotto i 2’01” a Sepang: Dovi, unico tra i piloti di punta in scadenza di contratto, sa che si deve guadagnare sul campo la riconferma e appare determinato come non mai.

Stoner ha chiuso a soli 54 millesimi dalla vetta
, ma è anche incappato nella prima caduta con la Honda. «Un piccolo errore mi è costato caro» ha commentato, per poi aggiungere: «In ogni caso, questo è stato il miglior giorno, perché abbiamo trovato un buon bilanciamento, anche se nel prossimo test faremo ulteriori comparative tra il telaio 2011 e quello evoluzione, un po’ più morbido e migliore in alcuni punti, ma peggiore in altri. Fisicamente sto benissimo: la Honda è decisamente meno stancante della Ducati».

Dopo essere stato il più veloce ieri, Dani Pedrosa ha chiuso “solo” sesto, ma anche lui è stato protagonista di test positivi. Dani non ha ancora ben deciso quale strada seguire, ma mai era andato così forte durante l’inverno.


YAMAHA

Da tempo non accadeva che i piloti Yamaha non dominassero i test invernali e se si considera che anche a Valencia il più veloce era stato un pilota Honda, allora forse ci sarebbe da preoccuparsi. E anche a vedere la faccia di Jorge Lorenzo e sentire le sue dichiarazione lascia qualche dubbio.
«L’anno scorso ho vinto otto GP – ha detto lo spagnolo -: adesso sarebbe impossibile con questa moto. Nel 2011 il livello della MotoGP sarà così alto che ricorderà tempi di Schwantz, Rainey, Doohan, Lawson…”
Se però si va a studiare attentamente il cronologico, si scopre che Lorenzo è andato tutt’altro che piano, anzi è stato addirittura il più consistente. Insomma, la Yamaha è ancora competitiva, ma è vero che non ha più il vantaggio del 2010 e rispetto alle rivali manca di potenza massima.

La prima uscita di Sepang ha confermato che quest’anno Ben Spies sarà un avversario ostico per chiunque: Ben, che per il momento non ha provato il nuovo telaio – giudicato da Lorenzo «né migliore né peggiore di quello dell’anno scorso» – è stato sempre davanti, spesso anche al campione del mondo. Insomma, può essere uno dei grandi protagonisti.


DUCATI

La prima Ducati è quella di Nicky Hayden, ottavo a 777 millesimi da Simoncelli, mentre Valentino Rossi ha finito decimo a 1”085.
«Sono stati test fondamentali – ha spiegato Vale -, durante i quali è migliorata la spalla e anche la moto. La Ducati va guidata in maniera differente rispetto alla Yamaha, più con uno stile da vecchia 500. Ma il mio affiatamento con la GP11 è migliorato costantemente, pur essendo limitato nei movimenti. Siamo contenti, c’è la possibilità di fare bene anche con questa moto».
Il team manager Vittoriano Guareschi, il capotecnico Jeremy Burgess, tutti i tecnici sembrano molto gasati: buon segno. I prossimi test – 22, 23 e 24 febbraio – dovranno dare conferme importanti.


Classifica finale dei test di Sepang


1Simoncelli M.San Carlo Honda Gresini2:00.757
2Stoner C.Repsol Honda Team+0.054
3Lorenzo J.Yamaha Factory Racing+0.088
4Dovizioso A.Repsol Honda Team+0.188
5Spies B.Yamaha Factory Racing+0.245
6Pedrosa D.Repsol Honda Team+0.484
7Aoyama H.San Carlo Honda Gresini+0.596
8Hayden N.Ducati Marlboro Team+0.777
9Edwards C.Monster Yamaha Tech 3+0.894
10Rossi V.Ducati Marlboro Team+1.085

  • giogio72, San Giovanni Teatino (CH)

    CHI VINCERA'

    Non ho parole per quello che ho letto di molti che hanno il coraggio di criticare ROSSI. Ma si scherza o non si ha proprio cognizione di causa. E' facile screditare un campione quando non vince senza sapere quello che veramente ha passato con i problemi avuti. Vi ricordo che all'inizio del campionato se la giocavano Rossi e Lorenzo. Poi c'è stato il problema di Rossi alla spalla che lui stesso ha poco illuminato per non passare per quello che cerca scuse, come alla fine gli è stato attribuito. Di fatti la caduta al mugello che sappiamo benissimo circuito farevole al Dottor Rossi, ma purtroppo infortunio che ha segnato tutta la stagione. E no qualcuno si permette di dire che poi Rossi ha preso troppi secondi da Lorenzo. Ma vorrei vedervi a correre dopo così poco tempo dall'infortunio senza dimenticare la condizione della spalla nascosta nelle sue dimensioni.
    Quindi Signori non sparliamo tanto per dire e screditiamo una Persona che ha vinto 9 titoli e ripeto 9 titoli no 1 titolo e poi è rimasto a fare gruppo senza ripetersi. Allora questi sono i Campioni !!
    E' facile screditare qualcuno che è destinato per forza sempre a vincere. Questo è il peso dei grandi , ,ma Valentino ci ha abituati anche a questo. Non ci dimentichiamo di chi già lo dava per pollo anni prima quando non ha confermato il titolo mondiale per due anni e poi è ritornato.
    Il Signor Rossi è arrivato alla sua età sempre restando ai vertici e gli tocca combattere con i migliori piloti del circuito mondiale e tutti ragazzini. Abbiate rispetto di quello che ha fatto e di quello che riesce a fare e non sparlate inutlimente con sponsor o cavolate varie.
    Quando qualche Lorenzo o Stoner vinceranno quello che ha vinto Rossi forse si potrà fare qualche paragone ma per ora ....

    Vai Rossi sei sempre grande e non solo in pista .
  • goldrake06, Reggiolo (RE)

    CAPIROSSI= FENOMENO

    ...il titolo lo vince Capirex....nessuno lo immagina che la sua Ducati avrà il telaio deltabox, il quattrocilindri Honda, l'elettronica Ducati......
Inserisci il tuo commento