gp di san marino

58 secondi di fiammata a Coriano per ricordare il Sic

- L'opera si chiama "Ogni domenica" e meglio di ogni immagine tende a rappresentare lo spirito di Marco Simoncelli. Si accenderà per la prima volta in occasione del GP di Misano e poi al tramonto ogni domenica
58 secondi di fiammata a Coriano per ricordare il Sic

“Ogni domenica all’imbrunire, per 58 secondi, il fuoco si riaccende.”
Una fiamma lunga tre metri, che spara tumultuosa e parallela al terreno per dare l’emozione della corsa, la tensione della partenza, l’impeto del duello e per testimoniare la presenza di Marco Simoncelli. Il fuoco è simbolo dell’animo di Marco che, con la sua schietta umanità, ha conquistato tutti, motociclisti e non motociclisti.


L’opera, chiamata OGNI DOMENICA, nasce da un incontro tra Paolo e Rossella Simoncelli e Lino Dainese che ha affidato la realizzazione all’artista Arcangelo Sassolino con supporto di Silvia Dainese dello studio GRISDAINESE, per l'architettura e il landscape.
 

Un'installazione, posta su di una base di 20 metri, genera una fiamma lunga tre metri che secondo i creatori sintetizza meglio di ogni raffigurazione l'animo di Simoncelli e la passione che ha saputo trasmettere. L'opera è situata in un'area appositamente destinata nel comune di Coriano.


La prima accensione pubblica si terrà domenica 15 settembre alle ore 19, giorno del Gran Premio di Misano presso il circuito che porta proprio il nome di Marco Simoncelli, poi l'opera si attiverà ogni domenica all'imbrunire.

  • cri2506, Cermenate (CO)

    perplessa

    venerdì, andando a misano, come l'anno scorso siamo passati a salutare simbolicamente il sic a coriano e abbiamo trovato tutto cambiato. per carità, sono la prima ad aver voglia di ricordarmi di lui, ma mi sembra diventato tutto troppo, tutto esagerato. non ci piaceva tanto proprio perché era un ragazzo semplice, uno di noi?
  • Ottavio71, ccc (MI)

    Post #16

    Mi spiace ma per molti versi sono d'accordo con Tdname.
    Tutto questo "circo mediatico" è stato messo su perchè i giornalisti Mediaset (Beltramo/Meda & co.) erano diventati di famiglia.

    Per altri piloti non è accaduta la stessa cosa.
    E' vero. Era simpatico, era un personaggio. Tutto vero. Ma la disparità nel ricordare è edivente.
    Per Sic e famiglia si sono smossi mari e monti per tenerli sulla cresta dell'onda, per promuovere iniziative... ecc.. ecc... per un poveraccio morto nelle serie minori poco più di un articoletto e poi dopo 1 ora dalla morte, giù a correre in motogp come se nulla fosse successo...
    Bah..
    Io rispetto la famiglia Simoncelli, ma non condivido tutto ciò che si è costruito intorno alla morte di questo poveraccio.
    Ed ora ridatemi pure del cinico e ditemi ancora di tacere...
Inserisci il tuo commento