Film

“Andrea Dovizioso: Undaunted”. Docufilm sulla MotoGP

- Il documentario diretto da Paolo Novelli racconta i retroscena della stagione MotoGP 2019 vissuta da Andrea Doviziso, con le sue emozioni, le vittorie e le sconfitte

E' stato presentato ieri sera al Deus Café di Milano il documentario "Andrea Dovizioso: Undaunted".
Prodotto da Red Bull Media House con la regia di Paolo Novelli, ha come protagonista Andrea Dovizioso, e sarà disponibile da venerdì 21 febbraio sul canale multipiattaforma Red Bull TV visibile su smartTV, smartphone, tablet e PC. Qui sopra potete vederne il trailer.

Il pilota Ducati MotoGP, vicecampione in carica, racconta in questo docufilm i retroscena della stagione 2019, le sue emozioni, le vittorie e le sconfitte; insomma, tutti gli aspetti noti e meno noti di un protagonista dello sport, compresi quelli intimi che difficilmente si conoscono.

“È stata un’esperienza speciale - ha detto Andrea durante la presentazione –. Le riprese mi hanno appassionato perché Paolo mi ha sempre reso partecipe di ogni momento. È entrato a tutti gli effetti a far parte del team e della nostra famiglia; è diventato uno dei nostri, tanto da dargli un soprannome: Pablo. Anche se siamo agli antipodi caratterialmente, io l’ingegnere e, lui l’artista, siamo entrati in perfetta sintonia. Sono convinto che questo documentario aprirà nuovi scenari sul mondo della MotoGP”.

“Sono stato un pazzo a seguire il Dovi per un anno - ha aggiunto Paolo Novelli – è stato un percorso emotivamente intenso, tante gioie che si sono alternate a momenti difficili. Penso di aver tirato fuori un ritratto vero di Andrea come pilota e come uomo. Dovi ha deciso di mostrarsi in tutte le sue sfaccettature davanti alla mia telecamera con il coraggio che lo contraddistingue. Mi piacerebbe che, guardando questo film, gli spettatori possano avere la sensazione di essere entrati nel mondo intimo dei piloti durante una gara”.

  • FrenoAMano, Firenze (FI)

    Ho visto il film, mi viene solo da dire, GRANDE DOVI !!!!

    Vedendo il film, si capisce che per Andrea è più una sofferenza che una gioia, nonostante tutti noi pensiamo che faccia il lavoro più bello del mondo. Riferendosi alla MotoGp, dice che non è libertà, è una gabbia. Quanta pressione deve esserci.

    Che rabbia che mi fanno in Ducati invece, con quelle facce e quegli sguardi che si scambiano fra loro.
  • Federico Chiadini

    Pensa te se con questo Docu-film mi potesse iniziare a piacere anche un minimo Dovi..

    In Ducati invece si dimostrano i soliti montati che si credono di essere la Honda ma a conti fatti hanno vinto solo una volta grazie al fenomeno Australiano. Umili ragazzi

    Forza Dovi per il 2020
Inserisci il tuo commento