prova tourer

Kawasaki Versys 1000

La Versys si fa in quattro!

Crossover a 4 cilindri? Ci sarebbe da storcere il naso, ma alla prova dei fatti è tutta un'altra storia, perché la Versys 1000 si comporta alla grande. Costa 11.990 euro con ABS e controllo trazione di serie

kawasaki versys 1000  sfoglia la gallery motoit


La prova della Kawaski Versys 1000


Di crossover negli ultimi tempi ne sbucano da ogni dove e come ti giri ne viene presentata una, ma da Akashi era arrivata solo la Versys 650 e niente più. Non che la piccola sia da mettere in un angolo, anzi, ma nella fascia alta del listino mancava una proposta moderna e concreta con il marchio Kawasaki sul serbatoio. Continuare sulla strada dei due cilindri paralleli poteva sembrare logico, ma la scommessa di ficcare il quattro cilindri della Z 1000 nelle sottane di una crossover, o endurona stradale che dir si voglia, è stata una bella scommessa.

Solida e consistente, la Versys 1000 è il primo esempio di Kawasaki tuttofare di grossa cilindrata (la KLV 1000 clone della  Suzuki V-Strom 1000 è forse meglio lasciarla nei meandri della memoria). Sviluppata almeno esteticamente seguendo un filo logico con la sorella minore, la mille naturalmente accoglie pilota e passeggero in maniera regale. Il primo si troverà decisamente a proprio agio una volta in sella (anche se bisogna avere un'apertura di gambe notevole per scavalcare il largo codone con il relativo portapacchi) mentre il secondo potrà godere di una sella ampia e ottimamente imbottita, oltre che su comode maniglie a cui aggrapparsi.
Le pedane sono basse quel tanto da consentire di viaggiare per ore senza risentire di alcun affaticamento, mentre l'ampio manubrio, oltre ad offrire un braccio di leva di tutto riguardo nelle manovre, in movimento e da fermo, è perfetto dal punto di vista ergonomico (come lo sono anche i comandi posizionati sui blocchetti elettrici). Dal ponte di comando si riesce anche ad apprezzare l'ottima esecuzione delle finiture, materiali e assemblaggi sono ben eseguiti, mentre un precedente esame visivo e tattile aveva confermato la bontà del prodotto. 

118 cavalli sotto controllo


Le misure e gli ingombri non proprio contenuti, rimarcati anche da un peso di 239 kg in ordine di marcia, hanno permesso di dissimulare senza particolari problemi la presenza del quattro cilindri da 1043 cc della Z 1000 all'interno del telaio a doppio trave in alluminio.

kawasaki versys 1000 din  22 2
E' possibile scegliere tra due diverse mappature del motore, Full e Low, semplicemente chiudendo il gas ed agendo per mezzo di un comodo pulsante sul manubrio


Il motore, viste le caratteristiche di utilizzo ben diverse da quelle di una naked sportiva, è stato oggetto di varie modifiche. In particolare è stata rivista la testa, modificati gli alberi a camme e i corpi farfallati (ora da 38 mm) mentre il rapporto di compressione è sceso da 11,8/1 a 10,3/1, anche i primi due rapporti del cambio sono stati accorciati; é possibile scegliere tra due diverse mappature del motore, Full e Low, semplicemente chiudendo il gas ed agendo per mezzo di un comodo pulsante sul manubrio. La prima garantisce 118 CV (88,6 KW) a 9.000 giri /min, mentre la seconda arriva al 75% della potenza massima. Di tutto riguardo la coppia massima, 10,4 Kgm (102 Nm) a 7.700 giri.
Su questa Kawasaki Versys 1000 si è abbondato con l'elettronica, oltre alle suddette mappature, i tecnici di Akashi hanno dotato la loro crossover di un avanzato sistema di controllo della trazione, denominato KTRC (strettamente imparentato con quello della Ninja ZX-10R) con tre diversi livelli di intervento. I primi due per superfici dal grip ottimale, il terzo specifico per le superfici sdrucciolevoli.

Freni con ABS


Elettronica anche per l'impianto frenante. Al comportamento della coppia di dischi a margherita semiflottanti da 300 mm anteriori (con pinze a 4 pistoncini) ed al singolo da 250 mm, sempre a margherita (con pinza a singolo pistoncino) sovraintende un sistema antibloccaggio ABS Bosch, che già avevamo conosciuto e apprezzato in precedenza, avendolo testato sempre sulla ZX 10-R.
L'attenzione al comfort di chi siede sulla Versys 1000 passa anche da sospensioni con escursione notevole, 150 mm sia per la forcella KYB da 43 mm che per il mono, dalla inusuale posizione orizzontale (si è ricavato maggior spazio per il catalizzatore al di sotto del motore). Entrambi sono regolabili nel precarico molla (per il mono c'è un comodo comando remoto) e nel freno in estensione.
Disponibile in due colorazioni, Pearl Stardust White e Metallic Magnesium Gray, la Versys 1000 è venduta a 11.990 €, ma volendo si può incrementare il prezzo di listino con una serie di optional più o meno utili. Tra i “più” metterei le manopole riscaldate, i paramani e il set di borse (bauletto da 47 lt e borse laterali da 35 lt), mentre tra i “meno” annoveriamo lo scarico Akrapovic e il parabrezza nero.

Il video della nostra prova





Se non visualizzi il video, guardalo sul canale Youtube di Moto.it



La nostra prova su strada


Parto prevenuto, lo devo ammettere, il quattro cilindri, in un mare di bicilindrici strabordanti di coppia, mi sembra una scelta così così. Ma vengo piacevolmente smentito, dopo pochi chilometri? No dopo pochi metri! 
Faccio appena in tempo ad uscire dal parcheggio dell'albergo, ed ho già inserito tutti e sei i rapporti del cambio. Il motore fila liscio come l'olio a poco più di 1000 giri, e non si percepisce il ben che minimo strappo. Ruoto senza troppa attenzione la manopola del gas, e la Versys prende velocità con sempre maggior rapidità. 
2.000, 3.000, 4.000 giri, e la schiena del quattro cilindri “si inarca” e inizia a spingere davvero forte. Passati i 7.000 siamo già oltre il consentito e il consigliabile, con la moto che segue fedelmente ogni singola azione impartita dal pilota. Le modifiche al motore si sentono, e si sposano alla perfezione con le caratteristiche della Versys 1000, che dimostra di essere una viaggiatrice di prima categoria, con un aspetto ludico neanche poi così nascosto. Già perché ci sarà pure un cannotto di sterzo dall'inclinazione di ben 27°, per garantire stabilità e rigore alla ciclistica, ma quel poco di città che abbiamo attraversato e sopratutto un misto stretto di montagna, evidenziano una rapidità ed una agilità fuori dagli schemi, quasi da fun bike.
La Versys è capace di cambi di direzione fulminei e di discese in piega rapidissime, pur rimanendo estremamente precisa sul veloce. Solo forzando oltre misura gli inserimenti in curva emerge una lieve tendenza ad allargare la traiettoria con l'avantreno, azione per altro correggibile senza particolari problemi agendo sul freno posteriore.

 

 

Solida e consistente, la Versys 1000 è il primo esempio di Kawasaki tuttofare di grossa cilindrata


Queste sue caratteristiche da moto “quasi” sportiva, non intaccano minimamente l'attitudine al turismo a lungo raggio. L'ampia escursione delle sospensioni garantisce comfort e capacità incassatorie di alto livello, mentre la protezione aerodinamica più che buona garantita dal parabrezza regolabile (attraverso due pomelli non particolarmente comodi e alquanto discutibili esteticamente) permette di mantenere medie elevate in autostrada. Oltrepassati i 130 km/h si iniziano a sentire delle vibrazioni all'altezza della sella e del serbatoio, leggero fastidio e nulla più.
La ricca strumentazione, tra le informazioni che fornisce, indica un consumo medio ben al di sotto dei 7 litri per 100 km, risultato più che onesto, soprattutto tenendo conto dei chilometri percorsi a ritmi che definirei non proprio blandi.

I freni sono potenti e modulabili (anche se l'anteriore qualche volta appare un pelo troppo brusco nell'attacco) e con la garanzia di un ABS dal funzionamento davvero esemplare e mai invasivo, anche sugli asfalti più sconnessi. Sempre restando in tema di sistemi elettronici, non possiamo sorvolare sul perfetto funzionamento del controllo di trazione. Pur se forzato ad intervenire oltre ogni sorta di buon senso (aperture di gas nel bel mezzo di un tornante in prima e seconda...per esempio) il suo intervento è davvero discreto, almeno regolato sui primi due livelli. Solo abbassando la soglia di intervento, posizionando sul “3” il controllo, si riesce a saggiarne le doti....ma solo sullo sterrato! Moto perfettamente controllabile e priva di reazioni scomposte il risultato.
Parte del merito di tale comportamento va ascritto alle eccellenti doti di grip e guidabilità delle Pirelli Scorpion Trail di primo equipaggiamento, davvero eccellenti considerando poi che abbiamo guidato con temperature che in poche decine di chilometri sono passate dai 24° della costa, fino a   crollare a -3° in alta quota.

Una moto dalla doppia personalità, questa Versys 1000, viaggiatrice instancabile, per certi versi, ma anche naked piacevole, quando viene  voglia di divertirsi.


Pregi


Guidabilità | Motore | Risposta ABS/Controllo di trazione

Difetti


Lievi vibrazioni alle alte velocità

 

Sono stati inseriti 77

Commenti

. Commenta
  • 1. ottima moto...

    ottima moto , col giusto prezzo...
    gigbot -
  • 2. scusate ma

    sono stato felice possessore di una triuph tiger 1050 nel lontano 2007 quindi mi ritengo un" pioniere" di questo genere di moto all'epoca perchè scusate ma di cose in questi anni ne sono successe cercavo una moto che mi permettesse di girare il mondo in sella ma che mi facesse divertire a piegare cosa che tra l altro la bella tiger faceva alla grande,poi sono passati due anni e mi sono accorto che le strade sono sempre più pericolose gli autovelox sono ovunque la benzina costa un esagerazione l'assicurazione è aumentata alle stelle i tagliandi costano come una vacanza le gomme non ne parliamo ma io guadagno sempre 1000 euro al mese,così LA BELLA tiger se ne è andata da un altro felice proprietario adesso mi chiedo visto che l'88 per cento degli italiani guadagna questa cifra! a cosa serva un mezzo del genere grazie per l'attenzione un saluto a tutti
    riky81 -
  • 3. ruota da 19

    all'anteriore avrei messo una 19 pollici.
    ciao.
    Gass-02 -
  • 4. E per fortuna.......

    Caro Riky,e cosa dovremmo dire allora degli scooter da quasi 11.000,00€ e degli "enduroni" tanto blasonati da 18.000,00€?
    Credo che in questo caso (l'azienda)il rapporto qualità-prezzo non l'abbia trascurato.
    Saluti

    EMILIO
    MANACCIA -
  • 5. Punti interrogativi

    Ancora una bella prova per una moto attesa e che sembrava molto interessante ma...2 punti interrogativi ci sono.
    Consumi:se fossero confermati nell'utilizzo normale i 7 litri per 100 km (ovvero 14,28 km /litro) con la benzina già a 1.7 litro e presto verso quota due euretti,credo che si porrebbe un grande problema di gestione.
    Probabilmente nell'uso meno esasperato,questo mille cc. puo' consumare meno.
    Per una moto votata all'uso turistico,l'assenza (o forse l'impossibilità di montare) del cavalletto centrale,mi sembra una pecca grave.
    Alex12 -
  • 6. Caro Riky...

    non posso darti torno. Io di moto ne ho due, anche se il loro valore non supera quello di due buone mountain bike. Le moto per la stragrande maggioranza di chi le possiede non sono mezzi di trasporto ma solo costosi giocattoli. A volte mi chiedo cosa avrei fatto dei soldi se non li avessi spesi per esse. Bene, probabilmente a quest'ora sarebbero andati in fumo in qualche bond o fondo d'investimento e allora vado in garage, sollevo il telo che le ricopre nella stagione inverale e le ammiro gongolando di compiacimento.
    Un caso saluto a tutti.
    marcy_6 -
  • 7. cosi' cosi'

    mha.. tutto sommato non e' male , per la destinazione d'uso e' assimilabile alla multi. che pero' preferisco nettamente , qesta ha linee un po' pesanti , diciamo all'apparenza anche economiche, con uno scarico troppo voluminoso. ma il vero tallone d'achille e' il consumo davvero improponibile di questi tempi soprattutto per una turing .
    woyager -
  • 8. ma una volta

    si faceva del turismo anche con una vespa 2t (vedi vari giri del mondo compiuti da pionieri italiani anche in epoca recente) e che, ancora oggi, attualizzata e rivista nella ciclistica e nel motore (soprattutto la LML Star made in India che di fatto è una PX) è accreditata dal produttore sulla percorrenza di ben 60 km/litro. In più, nel caso di acquisto di questo storico scooter (indiano o italiano) , oltre ai consumi ridicoli, aggiungiamo il costo del bollo irrisorio, assicurazione vantaggiosa e manutenzione praticamente inesistente e alla portata di portafoglio di noi operai, la domanda è, perchè ci si ostina ancora a considerare quasi esclusivamente le grosse cilindrate ormai appannaggio del ceto sociale medio-alto ed invece non si riconsidera il modo parsimonioso ed assenato con cui si andava in moto o scooter negli anni 70-80?
    alias02 -
  • 9. boh

    Bruttissima, una versys 650 deformata, però sicuramente andrà alla grande.
    gpmucci -
  • 10. Bella moto . . .

    . . . diversa da tutte le altre, dai primi test fatti sembra quasi esente da difetti, eccetto per il cambio in scalata e per le vibrazioni alle alte velocità, il prezzo se non continua a lievitare anche in assenza della moto nelle concessionarie è discreto, peccato (come qualcuno ha già scritto) per il cavalletto centrale aggiungerei anche per il cardano che tutte le moto di questo tipo di 2 o 3 o 4 cilindri hanno, la ruota ant. da 17 ritengo sia un piccolo peccato veniale, ritengo però un gran pregio la ruota post. da 180.
    Lamps.
    Paolo5301 -
  • 11.

    bè non è un prezzo così elvato...ma non capisco allora perchè la z1000sx costi uguale...mah! comunque ero un pò perplesso sul 4 cilindri su questa moto. non rimane che provarla ma vista e provata staticamente all'eicma sembra proprio non bellissima e grossissima!!!
    Pav82 -
  • 12. sarò breve

    Dieci o anche quindici centesimi di carburante per fare un solo chilometro non li spendo! Voglio usare la moto anche per andare a comprare i dadi da brodo se qualcuna s'è dimenticata di comprarli... Ogni pretesto deve andar bene per salire in sella. Poi queste moto che implementano la possibilità di ridurre la potenza, mi fanno anche un po' pensare sul loro dimensionamento tecnico.
    contact5278 -
  • 13. mah...

    estetica a parte, che può piacere o meno, posto il fatto che, essendo una giapponese, si può presumere non abbia grossi problemi di affidabilità, il grosso dubbio rimane circa l'utilità, per fare turismo, di un 4 cilindri di 1000 cc su una moto di 239 kg. Molto meglio sarebbe stata una cilindrata di 750/800, bicilindrica, con trasmissione cardanica, ruote da 150/17 al posteriore e 110/19 e peso attorno ai 200 kg. Questo è infatti l'identikit di una moto ospitale, sufficientemente veloce e potente, accogliente, economica da acquistare e da gestire. Ma per proporre una moto come questa, bisogna investire, perchè ne Kawasaki ne le altre case giapponesi hanno già pronte soluzioni tecniche adatte, ed allora è meglio ricorrere a face lifting (Suzuki Vstrom) oppure rifacimenti in chaive crossover di meccaniche già disponibili (Honda Xrunner, Kawasaki Versys). Rimane da capire cosa aspettano i marchi europei a proporre una soluzione simile, soprattutto quelli che hanno già la meccanica pronta, come Motoguzzi che potrebbe proporre una Stelvio 850 ad esempio...
    kkk24 -
  • 14. kawa alla rincorsa

    Mi sembra che kawa sia andata di fretta a progettare una moto come questa per chiudere un buco di mercato dove le altre case già erano avanti. Un 4 cilindri lo vedo inutile per questo utilizzo, anche se qui hanno cercato dii ottenere una buona curva di erogazione, comunque meglio un due cilindri ben fatto più sfruttabile, inoltre non capisco come si possono progettare una sella passeggero in pendenza verso l'alto.
    Esteticamente è brutta all'anteriore, pure lo scarico è buttato via e da la sensazione di discount.
    Il peso poi confrontandolo con la multistrada 1200 base è di 30-40 kg superiore a secco, certo con 12000 euro non si può pretendere troppo, ma è la solita moda japan di riciclare motori componentistica ecc ottenendo discutibili risultati.
    Concordo con chi parla di consumi, progettano moto da touring che non fanno nemmeno 15 km/lt secondo me un vero controsenso, fortunati chi se le può comprare e fare 20.000 km annui, quasi come andare al bar in ferrari.
    E i tagliandi saranno ancora ogni 6-12000 km? Siamo nel 2012 ormai.
    crazyscientist -
  • 15. FOTO N. 45

    ....gemelli DI-VERSYS..........
    jimmy1018 -
  • 16. Per kkk24

    trasmissione a cardano a parte, le Europee si sono già mosse...vedi Triumph Tiger 800 e BMW 800 GS, certo, manca una Multistrada di analoga cilindrata....
    Paolo.Rezzi -
  • 17. per Paolo.Rezzi

    Si, è vero ma... la Triumph è ottima per rapporto dotazio
    ne/prezzo, però il motore non è un granchè, l'ho provata un paio di volte (versione con ruota da 19") non mi ha convinto l'erogazione, comunque ancora troppo appuntita per una moto da turismo, il tre cilindri gira troppo in alto a tutte le velocità. Il GS 800 non l'ho mai provato, ma anche qui ho qualche riserva, soprattutto sulla ruota da 21" anteriore e sui cerchi a raggi... non proprio soluzione ideale per il turismo a lungo raggio... e poi il prezzo è sempre da BMW. Comunque hai ragione, sono i modelli che più si avvicinano alla mia idea di moto da turismo a ruote alte.
    kkk24 -
  • 18. FERRY 62 mah...

    A parte la solita linea mazinga, ( ormai le jap sono inguardabili per chi ha piu di 35/40 anni) non capisco perche quasi tutti continuano a proporre moto da 250 kg e oltre, con 120 cv e oltre...come si fa a dire che questa kawasaki si guida come una fun bike (?) vorrei proprio vederla in montagna... arriva uno motivato con una bella mono o bicilindrica da 60/70 cv con un peso sotto i 200kg gli lascia la riga della gomma sulla schiena..
    tranne triumph tiger 800 (provata, per mè ok) e bmw gs 800 (avuta, ma non volta e in piu ha un motore osceno che sembra un tosaerba ) che sono intelligenti,sufficentemente intriganti e non povere, tutte le altre moto medie con cilindrate e pesi giusti
    hanno dotazioni tecniche e estetica che ti passa la voglia di comprarle
    ferry07 -
  • 19. Ma e'....

    E' il parto di un gruppo di tecnici e addetti al marketing che, in mancanza di un investimento corporate per progettare qualcosa di originale, per aggredire un mercato scoperto ha dovuto fare con quello che c'era in magazzino... pero' la fanaleria frontale e' carina. Beh... Versys la 650 e' una moto studiata, questa a scuola sarebbe stato un 6= per la buona volonta' e i mezzi limitati a disposizione
    Claudio V. Greco -
  • 20. consumi

    Non bella e credo che sia il momento di pensare anche ai consumi.
    gibi3815 -
  • 21. Bella ?

    Bella, bella brutta e pesa come una Bmw 1100 Gs del 95 , ma sono passati 16 anni. Sempre troppi cavalli e troppi chili!
    g.b -
  • 22. consumi....

    per me la moto non è un mezzo di trasporto,,è divertimento, solo divertimento, non guardo quanto consuma, ma le emozioni che mi fa nascere dentro.. Se no compratevi uno sputer, non una moto:-)
    lf636 -
  • 23. Consumi

    " consumo medio ben al di sotto dei 7 litri per 100 km, risultato più che onesto, soprattutto tenendo conto dei chilometri percorsi a ritmi che definirei non proprio blandi".
    Testuali parole del tester,quindi quasi i 15 con un litro andando "allegri",un sogno per molte macchine di media cilindrata......
    MANACCIA -
  • 24. le solite critiche

    assurde....un 4 in linea non va' bene? MENO MALE CHE L'HANNO FATTO....Specialmente considerando quello che hanno detto qui,durante la prova...IL MOTORE TIRA GIA' A 2000 GIRI,COSA CHE QUASI TUTTI I BICILINDRICI(DUCATI IN PRIMIS) SI SOGNANO,PENA UNO STRATTONAMENTO continuo e fastidiosissimo,quasi da moto ingolfata....ho posseduto il gsx-r 1000 k6....un motore strepitoso,gia' a 1500 giri ti strappava le braccia,originale. La controparte Ducati ossia il 1198,da cosi' basso,a momenti scoppiava,costringendoti ad usare il cambio....criticare una tourer perche' e' grossa,e' come criticare una station wagon perche' ha troppo posto all'interno. Criticare la catena,puo' essere parzialmente vero,ma intendiamoci...basta portarsi dietro una boccetta di olio specifico,e lubrificare la sera in albergo,per chi ovviamente la usa per viaggi di giorni e giorni...quanto i consumi,per me vale sempre il detto...A SECONDA DI COME LA USI....qui nel test e' evidente che dovendo saggiare le doti del motore,non possono certo andare aspasso.....e quindi TUTTE LE MOTO,O MEGLIO TUTTI I MOTORI,se spremuti,consumano,non si scappa.L'estetica e' soggettiva,ma in confronto all'obrobrio bmw gs ad esempio,questa ne esce meglio alla grande...marmitta troppo voluminosa.....comprati l'avrapovic dal listino accessori! Cavalletto centrale...anche qui...sinceramente con 240 kg(scarica) ,ci vuole schwarzenegger da giovane,per issarla sul cavalletto centrale! I tagliandi,sono,al solito da japponese,quindi costano un terzo delle italiane o tedesche,e per chi ha un minimo di manualita',sono facilissimi da farsi da se'....l'affidabilita',e' da japponese,quindi,QUI NON SI DISCUTE,le altre moto rimangono dietro anni luce.....per me e' una bella moto,con un elettronica efficiente,e il prezzo,e' contenuto considerando la dotazione....provate ad andare da Ducati(che anche a me piace,tranne il bicilindrico,per carita'),o da Bmw,a vedere cosa vi danno con 12000 euri....due calci nel sedere....
    P.S. Chi critica il peso,allora,dovrebbe impiccare il gs 1200,suo diretto concorrente,perche' pesa uguale se non di piu' ED E' UN BICILINDRICO.....fate i vostri conti.
    MAXPAYNEIT -
  • 25. la piccola...

    a suon di vederla in giro ora mi piace, ma da buon italiano appena sento il motore mi cascano un po' le balle, pero' moto azzeccata. Questa la digerisco poco ma sono sicuro che a provarla dia grandi soddisfazioni...alla fine se il riferimento e' il GS queste sono soluzioni analoghe con il 30% in meno.

    Purtroppo pero' non posso che constatare che con cifre "accessibili" a chi tiene l'economia reale in piedi (5,6 o 7 Keuro) si comprano solo moto a mio avviso poco "emozionali" mentre le vie di mezzo ormai partono dagli 8/9 Keuro e pare che le aziende puntino a quella minore fetta di mercato che pero' e' concreta, ovvero chi puo' ancora tirar fuori 10 Keuro e pie' per una moto. Mi fanno anche un po' paura tutte le ri-regolamentazioni di cui si sente parlare che ammazzerebbero buona fetta dell'usato nell'arco di pochi anni. Insomma o Monti ci da un po' di soldi o mi sa che le moto si venderanno solo in Cina :)
    Micche165 -
  • 26. Moto tutto fare? NO grazie

    Capisco benissimo gli uffici MARKETING, devono fare "vendite" spendendo il minimo possibile: quindi si gira il magazzino vedendo cos'è "a portato di mano" e lo si confeziona seguendo il mercato.
    Io sono stato affascinato dalle supermotard e ho abbandonato le moto stradali esagerate, ma non riesco a "digerire" questa tipologia di moto; mezzi tutto fare che alla fine fanno "poco bene" tutto.
    La bugia della moto "intelligente" è una frottola che ci si racconta per giustificare una spesa con se stessi, in questi momenti di propensione al risparmio, altrimenti una balla che si racconta alla moglie per far approvare una spesa fuori dalle logiche famigliari.
    Quando di una nuova moto si evidenziano "le scelte di progetto diverse " dalle altre, basta ammettere che non piace e non la si comprerà.
    I consumi sono legati: al peso e alla impostazione aerodinamica, il pilota è un muro contro l'aria su queste moto;poi se si vuole andare in vacanza in moto si paga di più la benzina e si dorme in un B/B.
    AlbertoD76 -
  • 27. Mi fa voglia...

    ..e l'avrei anke prenotata, ma a consumi non ci siamo proprio. Ho la "pessima e insana" abitudine di farmi 350/400 km. a giretto (..uno al sabato ed uno alla domenica), ma 50€. a botta proprio non li reggo...
    Daimon -
  • 28. come tutte le nuove maxi endure è esagerata

    nel prezzo in primis, poi nel peso, consumi e prestazioni..
    basta e avanza la versys o il v-strom 650 alla maggior parte degli utenti !
    poi naturalmente ognuno è libero di spendere i suoi soldi come meglio crede e per moto che sfrutterà al 50 % se è tanto..
    se proprio volete esagerare prendete la triumph tiger 800.
    lamps ;)
    Headless74 -
  • 29. io la sognavo proprio così ....

    e il prossimo anno ce l'avrò ....
    e non mi interssa confrontarla con nessun altra perchè è unica ....
    mi dispiace solo un bel pò essere costretto a dare via la 650 che mi ha servito egregiamente per 40mila km in due anni molto più di quello che avrebbe fatto un gs o un ms o un st .... e per la metà del prezzo ....

    comunque se non vi piace, con la stessa cifra vi comprate un tmax nuovo e state sereni quando andate a fare l'aperitivo ;)
    meserthim -
  • 30. commenti fuori tema

    sul fatto dei soldi che costa la moto .
    Si tratta di criticare o meno questo modello .
    Se volete spendere meno c'è il 650(che ho io ) , pesa anche di meno , con andatura tranquilla a livello di vespa 125 Primavera (che ho avuto) fa quasi gli stessi km/l .
    Il tester ne ha parlato molto bene , vedremo cosa ne pensano gli utenti

    Auguri meserthim
    g333
    Ily65 -
  • 31. commento #28

    Mi sembra un pò frettoloso liquidare le critiche a questa moto con una frase tipo "se non vi piace, comprate un tmax e andate a fare l'aperitivo". Come al solito, c'è qualcuno che si sente di poter dare o togliere la patente di motociclista agli altri, in base ai gusti che esprimono ed alle moto che guidano. Tra parentesi aggiungo che 40.000 km io li ho fatti in due anni con una Triumph Bonneville e magari c'è pure qualcuno che li ha fatti con il Tmax o con la Vespa.
    kkk24 -
  • 32. per esperienza

    ho già avuto altre moto anche sportive,poi ho cambiato genere passando a quelle più turistiche tra cui una verys 650. ho il bellissimo ricordo di quanto consumasse poco! con 5 euro potevi farci 80 km in coppia ad andature autostradali. ricordo però le troppe vibrazioni, il poco tiro ai medio-alti e la completa fragilità dei telaietti posteriori su cui sono saldate le pedane del passeggero che in caso di caduta si storcevano verso l'interno.(volgarmente direi :una moto di burro). però molto divertente. ad oggi ho una vstrom650 fantastica sotto tutti i punti di vista.
    vedendo questa versys 1000 in versione 4 cilindri penso possa essere una moto che coniuga molti aspetti positivi tra cui la comodità abbinata ad una buona dose di potenza che può darti un 4 cilindri in linea.
    quanto al peso penso che abbia il grosso vantaggio di essere ben ancorata sull'asfalto dove,quando si entra ed esce da delle gallerie con vento forte, serve avere un po piu di peso. é esattamente il contrario della 650 che in curva e con passeggero aveva l'avantreno che izzava in cielo ad ogni apertura del gas, motivo che ritengo divertente ma pericoloso sui tornanti.
    quanto ai consumi , bisognerebbe vedere con un pieno quanta autonomia ha, anche se di certo consumerà di più rispetto ad un bicilindrico.
    ma se la protezione aereodinamica è migliore rispetto alla versys 650 o ad una v-strom , penso non sia così brutta da scartarla
    giary80 -
  • 33. Bella prova

    da quanto ho letto sembra davvero un ottima tuttofare, peccato solo per l'estetica secondo me "tormentata", specie nella parte anteriore, e per il silenziatore davvero goffo...almeno potevano farlo satinato grigio, si sarebbe notato di meno, ma così proprio non mi piace.
    bottazzi4539 -
  • 34. commento

    Alla redazione.
    Mi asterrò d'ora in poi da far commenti "spiritosi" a proposito di una moto. Per tre volte , con questa 4 l'ho definita fatta coi lego. Insulto alla Kawa o ai Lego? Non mi è stato mai pubblicato, ma si chi se ne frega ci sono ben altri problemi che esprimere giudizi su una moto
    bymaxx -
  • 35. Consumi

    Incredibile, fino a non molto tempo fa ero l'unico che si lamentava dei consumi, ora sono in compagnia. Si vede che la crisi avanza...
    Personalmente ho risolto vendendo la moto e comprando uno scooter che fa i 33 al litro, paga la metà di assicurazione e un terzo di bollo.
    Quando lo cambio mi prendo un 125 4t usato da 40 al litro.

    Helixpomatia -
  • 36. Il problema....

    Secondo me il problema, o meglio le linee guida delle case costruttrici sono, non più per le moto per tutti, ma per le moto per pochi, con questi prezzi e la crisi sempre più galoppante...le moto stanno diventando sempre più un prodotto per pochi eletti....a questo punto...quasi, quasi è inutile commentare tali modelli...visto che nessuno di noi se le potrà mai permettere...indipendentemente dai gusti, prestazioni,consumi etc....
    rosario.salzano2568 -
  • 37. Complimenti Kawasaki....!!!!!

    Brava Kawasaki.
    Con la moto Versys 1000 ha centrato l'obbiettivo in un segmento che le farà vendere parecchio.
    Mancava un 4 cilindri in linea con il caratteristiso (ed unico) "soud" nella fascia di moto, alte, comode, protettive ... ma anche veloce e grintosa.
    Brava kawasaki.
    Critiche:
    1) Manca la trasmissione a cardano;
    2) Manca il Contamarce;
    3) Bruttino il davanti, troppo simile alla Linea Versys, sorella minore;
    4) Bruttino il nome "Versys", seguito della sorella minore.
    Giusto il prezzo.
    Bravi.
    La Conccorrenza sarà tra:
    A) GUZZI Stelvio 1200 (8V) ABS ..........................(€ 13.000)
    B) BMW R1200 GS .................................................(€ 16.000)
    C) DUCATI Multistrada 1200 ................................(€ 17.000)
    D) TRIUMPH 1200 Explorer ..................................(€ 13.000)
    E) YAMAHA Supertenereè 1200 ..........................(€ 15.000)
    F) HONDA CrossTourer 1200 ...............................(€ 15,000)
    G) KAWASAKI Versys 1000 ...................................(€ 12.000)
    Credo che la kawasaki venderà parecchio.
    ....Ora vediamo cosa farà Suzuki.... !!!

    Serafino
    Seraf -
  • 38. Non capisco

    Le moto si scelgono in base ai requisiti tecnici e al portafogli, ma alla fine quando si è lì a firmare l'assegno quello che stai comprando ti deve piacere. Questa moto esteticamente proprio non mi va giù, mi sembra il frutto di un progetto frettoloso. Le concorrenti sono molto più belle, e noi motociclisti sappiamo che di fronte a una moto bella uno è disposto a spendere anche molto di più di quello che aveva in mente.
    Quanto ai consumi, non mi stupisce che il motore della Z1000 faccia così pochi km con un litro. Credo che abbiano tentato di addolcirlo, ma quello è il DNA, e l'unico modo per far consumare poco quel motore è spegnerlo.
    fraguz01 -
  • 39. Bella sostanza... brutta apparenza!

    Insomma ragazzi, leggendo questa prova pare proprio che la signora in questione vada benone. Comfort regale in sella, sospensioni che sanno coccolare ma anche tener botta nella guida sportiva, agilità oltre le aspettative ed un motorone che grazie all'ottima messa a punto della testata e dell'alimentazione unisce i pregi di un 4 in linea (regolarità di funzionamento ai bassissimi giri e allungo) a quelli di un bicilindrico (schiena ai medi, e oltre 10 kgm di coppia). I consumi andrebbero saggiati in un test specifico per poter essere giudicati. Il prezzo mi pare adeguato, certo tutti vorremmo vedere cifre da discount soprattutto in questo momento, ma vorrei far notare il livello delle finiture e soprattutto la presenza di ABS e di un controllo trazione evoluto e ben funzionante oltre alle mappature regolabili, anch'esse ben concepite. Queste raffinatezze vengono fatte pagare a carissimo prezzo dalla concorrenza.

    Ma veniamo alla nota dolente... si poteva farla più brutta? Frontale orrendo, serbatoio scatoloso, posteriore incoerente col resto della moto, ed anche lo scarico non è da meno. Si può rinunciare ad una bella linea in favore di pur tanta sostanza? Chi vorrebbe mai una moto brutta anche se va da dio?
    maddy_1 -
  • 40. maddy

    a parte le SS ma tutte le altre KAWASAKi sono belle?

    Hanno seguito un loro stile family feeling.
    piega996 -
  • 41. ...piega 996...

    Appunto! visto che dovresti essere Ducatista (996...) ricordi le linee delle creature di Terblanche? Anche quelle seguivano un loro family feeling... ma alla prova dei fatti e del mercato non era azzeccato e oggettivamente comunque poco gradevole. I gusti son sempre gusti, ovvio, ma è anche vero che esiste la bellezza universale, oggettiva, o quantomeno che piace ai più. E visto che il nuovo corso Kawasaki, molto mazinga style, anche se personale, non riscuote successo nelle vendite (guarda le classifiche per credere), e questo nonostante moto dalla sostanza eccellente, a volte superiori alla concorrenza! Le uniche che si portano bene, anzi benone, sono le K dalle linee più equilibrate, la Z750 e le ER-6 della seconda serie (quelle della nuova terza serie faranno un successone). Perciò a mio avviso una moto del genere, praticamente esente da difetti merita un'estetica più convincente e può fare anche numeri di mercato da capogiro visto che le crossover trainano il mercato al momento! saluti

    Davide
    maddy_1 -
  • 42. No ti chiedo scusa

    e una piccola correzione al di là del mio nik antico. Non amo assolutamente essere appellato "ISTA qualcosa" sono Multimarche, senza fede, mi piace centellinare il meglio del mercato quando posso.
    Così facendo credo di avere più esperienze e visione più ampia.
    piega996 -
  • 43. poco bella.. ma tanta sostanza..

    non e' la moto che cerco adesso,ma non mi dispiacerebbe, dovessi ragionare da "motociclista medio", cioe' la categoria di quelli che fanno i numeri delle vendite:

    Il prezzo e' molto buono, ma e' da considerare che manca il cardano.. penso che almeno un millino il cardano li valga.. e ultimo peccato veniale, per me importante (ma non indispensabile).. la mancanza degli attacchi valige al telaio.. questa mi sembra che usi addirittura le Givi! (buon per il made in Italy!) ma telaietti in vista.. bleah!!

    mi piace il motore 4 cilindri ben adattato, di cilindrata 1000 tondo, che per me e' piu che sufficenti per spostare quei circa 3 Quintali totali, se si pensa che un'auto (utilitaria) ne pesa da 6 a 10..! :)
    Poi se fosse vero che pesasse meno di 240kg in ordine di marcia c'e' da metterci la firma! penso che si parli di peso a secco.. mah..

    la linea e' discutibile ma semplice.. potrebbe essere di quelle linee che ti arrivano col tempo.. le apprezzi accettandole.. magari..

    mah.. e' da vedere di presenza, ma come si dice.. qualita/prezzo OK!

    Saluti!

    ivan r. -
  • 44. non capisco....

    Al di là dell'estetica che è soggettiva,non capisco perchè si continuino a fare moto "emozionali" e per nulla pratiche.
    Un motore da 118 cavalli in una crossover, con consumi da corsaiola (15 km con un lt all'attuale prezzo dell benza mi pare da matti) quando la derivazione sarebbe da semitouring.
    Non capisco 12000 euro che sono comunque un'enormità con la svalutazione che subiscono queste moto.
    Non capisco l'elettronica onnipresente quando le girate più belle le abbiamo fatte con le vecchie dakar replica, sempre comode, con manutenzione minima e semplicità d'intervento.
    Ed infine non capisco perchè si debba avere una moto all'anno quando si potrebbe optare per scelte di mercato ed industriali volte alla tradizione come hanno fatto H&D, Porsche sulle auto et alii.
    Insomma, le m oto moderne mi divertono ed entusiasmano sempre meno e non sono un nonno, ma un 40enne con alle spalle 20 anni di moto....
    checcaccio -
  • 45. Non bellissima.... ma non male!

    Sebbene complessivamente sembri un pò "tirata insieme" all'ultimo minuto, credo che se si lascia da parte l'emozionalità trasmessa (davvero scarsina...alzi la mano chi sente i brividi guardandola) sia un buon compromesso.
    Sembra abbastanza comoda e versatile e penso che chi non intende assassinare il proprio conto in banca per la Multi potrebbe farci un pensierino.....
    papero65 -
  • 46. costerà anche meno

    della concorrenza, ma è veramente plasticosa, sgraziata...inoltre penso che il 1000 4 cilindri su una moto del genere sia una forzatura dettata dal contenimento dei costi (un 1000-1200 bicilindrico in kawa non ce l'hanno) più che da ragioni tecniche. non a caso tutta e dico tutta la concorrenza fa motori bicilindrici (KTM, GUZZI, Aprilia - anche se ancora non è uscita si sa già che userà il 1200 della dorsoduro - BMW, Ducati, Yamaha), con le uniche eccezioni di Triumph con il suo 3 cilindri usato per ragioni storiche e comunque motore particolare, e Honda col suo 4 cilindri V-tech traslato dal VFR, che non vende più, a Crossrunner e Crosstourer (anche qui per ragioni più di costi che tecniche, anche se il V4 V-tech è anch'esso un motore particolare)..
    insomma l'unica 4 cilindri in linea è questa versys 1000 e ci sarà un motivo no?
    enjoyash -
  • 47. enjoyash

    forse per diversificarsi dagli altri no?

    La guerra al GS l'hanno gia persa in parecchi, lo scontro frontale e' pericoloso, progettare un buon bicilindrico per vendere pochi pezzi di questi tempi puo non essere salutare per una casa.. vedi Yamaha..

    poi non sembra riuscita male, di sicuro un 4 cilindri ben adattato coppia ne ha da vendere.. rotondita pure, e con le due mappature, trak-control e ABS e' una valida variante sul tema.. il peso e' in linea se non inferiore a qualche concorrente a 2 cil.. che si spaccia per fuori stradistica..
    Questa e' da strada, una tourer alta, con telaio in alluminio..

    Vedere TDM, una stradale pura ma alta, (due cilindri ok ma stessa destinazione d'uso), un successo durato due decenni poi inspiegabilmente dimenticato dal suo inventore.. mah..

    Poi per la riuscita estetica concordo.. non entusisma.. ma non schifa nemmeno... direi.. asciutta...

    lamps!
    ivan r. -
  • 48. per carità

    rispetto la tua opinione, ma diversificarsi a tutti i costi non è una cosa buona se poi fai qualcosa che è peggiore della concorrenza omologata...
    alla fine la cosa migliore di questa moto è il prezzo molto concorrenziale.
    la TDM è un'ottima moto, concettualmente simile a questa versys, ma molto più leggera e agile
    enjoyash -
  • 49. sospensione anteriore

    se possibile gradirei un chiarimento da parte del vostro tester: ho letto una prova fatta da Kevin Ash in inglese che tesse grandi lodi di questa moto nel suo complesso ma solleva un dubbio grande come un macigno sul comportamento delle forcelle che a suo dire andrebbe a rovinare una moto che sotto tutti gli altri punti(vibrazioni a parte) sarebbe eccezionale! Di questo comportamento poco omogeneo delle forcelle non vi e' traccia nella vostra prova!E' quindi un opinione personale del tester inglese o c'e' un fondo di verita'?
    francesco
    francesco.sieli -
  • 50. enjoyash

    Concordo, ma alla fine va provata..

    io ho avuto la TDM900, poi l'ho cambiata con una GS 1200, che nonostante 30 kg di piu, sembrava piu agile e soprattutto piu stabile della TDM..
    Poi tanto per condividere esperienze, ti dico le mie:
    la TDM in autostrada diventa leggerina davanti dopo i 140km.. a me poi si innescavano turbolenze sul casco fastidiosissime con qualsiasi cupolino, dal suo maggiorato al givi.. se lasci il manubrio (e il gas) per sgranchirti, a 90 allora si innescano oscillazioni del manubrio che aumentano sempre piu e portano a cadere in pochi metri..
    Mentre nella guida allegra fra le curve l'anteriore non mi ha mai trasmesso fiducia fino a quando un collega piu esperto mi ha consigliato di impuntarla un po sul davanti, abbassandole il "muso" facendo scorrere un po le forcelle verso l'alto.. ma comunque oltre un certo limite guai a prendere un avvallamento perche comincia ad oscillare di brutto!!
    Insomma come e' normale che sia, il progetto dimostra i suoi anni..

    Confido di piu invece in questa piu nuova e aggiornata, che comunque rimane "solo" 1000cc e di molto sotto i 14000 euri della concorrenza..
    A me sembra una moto... di quelle intelligenti, solide e senza fronzoli.. tipo il Bandit della Suzuki..
    Personalmente la preferisco alla nuova 1200 v4 dell'Honda, troppi ciappini complicati per me che non servono a niente si rompono e costano.. e una volta rotti nessuno ci capisce niente!!

    Io sono per le moto semplici, sicure con ABS (e qualche "riga" di programma in piu nella centralina per le mappature e Trck non la rendono meno affidabile) ....e possibilmente ...un po piu belline..!! :)

    Ciao!
    ivan r. -
  • 51. enjoyas

    ma sei qui apposta?

    prima paragoni in qualche modo una KTM 690 a una Honda 700. Poi questa a una TDM. Ce ne vuol edi fantasia..., ma io credo sopratutto che non hai mai guidato nessuna delle 4 moto di cui sopra.
    scusate ma basta.
    piega996 -
  • 52. piega

    anche Alessandro l'ha paragonata alla nc700x.. nell'articolo specifico della nc700.. mah!

    comunque con la TDM ci sta' anche.. uno se cerca una tourer alta, vaglia l'una e l'altra, anche se la TDM ha 20 anni e 80 cv in discesa, questa e' nuova 118cv(ma anche 88) e 4 cilindri..

    dai non essere sempre cosi cattivo! :)

    sii buono per Natale!!!!
    ivan r. -
  • 53. Voi

    non sapete/capite nemmeno la differenza che c'è tra un 2 e un 4 cilindri.
    Non in senso strettamente tecnico ma di confort, comportamento , resa .
    La TDM presa in esempio rispetto a questa è un pezzo di ferro.
    piega996 -
  • 54. concordo con la TDM pezzo di ferro

    Il 4 cilindri di derivazione "cattivella", su questo tipo di moto fa' venire in mente due difetti: il peso/ingombro eccessivo, e una erogazione appuntita, cioe' potenza si, ma troppo in alto..
    Beh a leggere i dai tecnici (se sono veri) il peso e' attorno ai 240kg, meno di alcune rivali, la potenza e' ridotta a favore della coppia, quindi pregiudizi a parte, tutto ok giusto?
    In realta, nei 4 cilindri un'altro difettuccio da tenere d'occhio ci sarebbe.. le vibrazioni "ad alta frequenza" sotto al sedere e sulle pedane o manubrio.. a differenza di quelle piu "grasse" del due cilindri, sono molto piu fastidiose, a lungo andare nei viaggi addormentano le parti interessate..
    quindi va provata e bene!
    Piega mi incuriosisci, come mai ne pensi cosi bene di questa, mentre eri piu sospettoso nell'altro articolo, sulla Honda Cross. 1200 v4? per gli stessi miei motivi (come ho gia scritto nel post 50..) perche la Honda.. troppo peso, troppo complicata/troppi ciappini tecnologici che si romperanno..
    Pensi la stessa cosa? Che questa Kava e' piu semplice ed efficace..?

    La TDM e' un pezzo di ferro ormai nei confronti di molte moto, ma ormai costa 7000 euro.. che di questi tempi conta..
    Personalmente io sulla moto ci vado se posso.. e se e' come mi piace, se devo stare a risparmiare aspetto, tengo quella che ho o me ne sto a casa!

    Ma in linea di massima una buona 2 cilindri puo essere vagliata nell'aquisto con una 4 cil. con stessa destinazione d'uso.. almeno io lo farei.. valuto vantaggi/svantaggi poi decido senza troppe paranoie..

    Salut! e Tanti auguri a tutti!!!!!
    ivan r. -
  • 55. per paxpayneit

    Mi sa che non hai mai tirato su una moto con il cavalletto centrale nella tua vita!!!!!
    Prova a tirar su un gl 1500 e vedrai che non dovrai assolutamente fare uno sforzo alla Hulk per tirarla su anzi tutt'altro! E pesa quasi 400 kg
    La mia ST 1200 sul centrale va su quasi da sola e pesa più della Versys 1000.
    Per favore non spariamo "sentenze " tecniche se si è privi di conoscenza sul CAMPO!!!!!!
    Il cavalletto centrale se si fa del turismo serve eccome, specie se non si dispone di un cardano e si deve oliare la catena alla fine di un tappone da più di 1000 km........(1800!!!!) esperienza sul campo!!!!
    Un lampeggio e BUON NATALE a tutti.....
    Max
    ottomoto_1 -
  • 56. x piega996

    ancora una volta, ti invito a leggere i miei commenti e quelli degli altri prima di fare polemica inutilmente. Come nella notizia della Duke 690, dove non ho affatto paragonato la moto austriaca alla NCS700, anche qui non sto paragonando TDM900e versys 1000.
    Se leggessi i commenti prima di cliccare "commenta", avresti letto che la TDM900 è stata citata qui per primo da ivan.r al commento n. 47, non da me.
    E' evidente che la TDM900 è diversissima da questa versys1000, ma concettualmente, come ho detto, son della medesima categoria, tourer di impostazione alta. Ovviamente la Yamaha sente il peso di un progetto non più rinnovato, ma all'epoca (10 anni fa circa) era più o meno quello che è oggi la versys1000: tuttofare turistica comoda ma con qualche velleità sportiva... definirla un pezzo di ferro poi è ingeneroso a mio giudizio, avendola provata a differenza tua (ebbene si, ce l'ha un mio amico da 8 anni)
    enjoyash -
  • 57. ottomoto

    risposta perfetta, da motociclista che in moto ci va e ne ha provate.
    Intanto tirar su una moto da cavalletto centrale è una tecnica, che noi vecchi quasi tutti abbiamo acquisito, nel 70 c'erano moto anche più leggere ma che se non sapevi come bilanciare il tuo peso sul piolino del cavalletto e sul tuo braccio tiravi su col cavolo. Chi di voi ha il femore lungo struscia anche le saponette in terra, ma in moto parecchi non ci sanno andare. ANDARE a TUTTO TONDO :-). Bravo OTTO
    piega996 -
  • 58. azz.. cotanta esperienza..

    Ah ecco dove si va a parare ..sti segreti di pulcinella da nonnismo per pigliar per i fondelli i novellini imbranati..

    Beh io del cavalletto centrale fino a 5 anni fa non ne avevo mai visti, ma osservandolo sul mio(gia ex) GS ne ho capito il principio... sono studiati apposta, salendoci sopra il leverismo prodotto ti ribalta addosso la moto con un minimo sforzo.. basta tirarla verso di se..
    non e' che ci vogliono 50 anni di esperienza e cadute, l'uomo a differenza delle scimmie ha l'intelligenza..
    chi ci ha impiegato anni per capirlo, senza mai provare ad osservarlo e' un primato o poco piu!
    le cose devono suscitare nell'uomo l'interesse per conoscerle e capirle a fondo per usarle al meglio, a da subito, per quanto possibile..
    E magari insegnando il principio ad un'altro in difficolta gli si evitano molte paranoie.. invece di farci una bella risata grassa e strafottente!

    Porelli, ecco inquadrati, i tipi da bar..
    che neanche han coraggio di dire se gli piace una moto o no..
    Livello molto basso..

    ciao ciao
    ivan r. -
  • 59. Ottima!

    Costa poco rispetto alla concorrenza, non grida al miracolo estetito ma ci fai 100000 km e devi solo tirare la catena!

    Se si vuole una moto con cui girare comodi e con una erogazione lineare e costante di un 4 cilindri e soprattutto spendere il giusto questo veicolo è perfetto!!

    Da possessore di un 2 cilindri Ducati e avendo avuto un 4 cilindri dico che come grinta il 2 cilindri vince ma i 4 giapponesi ti fanno viaggiare sul velluto!

    Moto davvero ben studiata!
    paolo.pavarini -
  • 60. ullalla'!

    Beh credo che nel segmento,la sua forma ricordi un po' un panzer tedesco.....non male il motore a parte il consumo da supersportiva.....preferisco il Crossturer.Tecnologia ai massimi livelli,un motore che fa scuola ed estetica niente male....un prezzo un po' piu' alto per un vero gioiello tecnologico.....
    Ale Repsol -
  • 61. Come avevo scritto al punto 10 . . .

    . . . "il prezzo se non continua a lievitare anche in assenza della moto nelle concessionarie è discreto". Ora le moto sono nelle concessionarie. Alla mia richiesta del prezzo siamo arrivati a 12300 euro e non abbiamo parlato del ritiro del mio usato . . . credo che per primavera arriveremo abbondantemente sopra i 12500 e oltre. Brava Kawasaki ma brave anche le concessionarie . . .
    Lamps.
    Paolo5301 -
  • 62. estetica a parte, peccato!

    non credo offra niente di più oltre al già esistente 650...si forse un po' di comfort per il passeggero, ma non mi sembra tutta sta grande evoluzione, anzi mi sembra il contrario, prezzo aumentato, consumi aumentati, peso aumentato, agilità diminuita per forza di cose, non hanno nemmeno studiato un buon sistema di ancoraggio delle valige laterali pur sapendo che già il 650 assume una larghezza quasi pari ad un'automobile...peccato perchè secondo me si sono giocati una buona chance di fare un prodotto vincente alla luce del successo non tanto commerciale ma quantomeno funzionale della sorellina di cui io ne sono felice possessore!
    fabian85 -
  • 63. fabian85

    attacchi valige a parte, che ti do ragione, per il resto.. 4 cilindri, coppia oltre 100n/m 120/88 cavalli.. controllo trazione
    uhmm cosa dovevano fare per farla... diversa?
    ivan r. -
  • 64. moto senza sentimento...

    ...vorrei...vorrei...un bel motore boxer da 800 cc a max 10.000 euro e che non superi i 190 kg ... solo i marziani potranno esaudire il mio desiderio
    dueruote64 -
  • 65. x ivan.r

    1) Attacchi valigie da studiare meglio
    2) Peso elevato, 240kg sono troppi, dai...
    3) Assenza di cavalletto centrale, ormai è lo standard e se lo hai finisce che prima o poi ti fa comodo usarlo
    4) Motore troppo assetato, troppo, col 650 ci fai i 25kml, anche qualcosa di piu, una volta sfiorai i 500km con un pieno

    Sicuramente c'era da lavorare su questo per fare una moto più interessante.

    E poi
    Massima potenza
    86.8 kW {118 PS} / 9,000 rpm
    Coppia massima
    102 N.m {10.4 kgf.m} / 7,700 rpm

    Nn un po troppo in alto? ma questo è il meno, basta forse abituarsi allo stile di guida
    fabian85 -
  • 66. il brutto anatroccolo

    Brutta, è brutta; lo diceva pure il concessionario, mentre insisteva che la provassi ugualmente. L'ho accontentato ed effettivamente la moto c'è: motore pronto e stranamente azzeccato, controllo di trazione perfetto, sorprendentemente facile e sicura in curva. In una parola efficace.
    Peccato sia esteticamente veramente sgraziata, cosa che la penalizzerà molto nelle vendite, soprattutto con una così scarsa gamma di colori disponibili (bianco e un tristissimo grigio scuro). Ma in bocca al lupo.
    bradipo70 -
  • 67. Rapporto qualità prezzo ottimo

    Visto quello che offre questa moto, a maggior ragione se confrontato con i prezzi delle moto del medesimo settore/livello, il prezzo è tutto sommato basso. Anche se per nessuna moto si può mai parlare di prezzo basso... Diciamo che nel "mondo moto" è un prezzo corretto.

    Ora però vorrei fare una riflessione più generale: che senso ha avere moto del genere (1000 cc...118 cavalli...mappature...) nella situazione in cui ci troviamo?? E non parlo di crisi economica eh...parlo di strade conciate peggio di un groviera, dossi artificiali di ogni tipo/dimensione/altezza piazzati in ogni dove, multavelox/autovelox arancioni, verdi rossi gialli ovunque, posti di blocco con laser-autovelox su tangenziali deserte alle 8 della domenica mattina, multe salatissime, tutor, gente al volante che fino a pochi mesi prima stava a cavallo di cammelli nel deserto o di lama sulle Ande e crede ancora di trovarsi lì ma con un Duomo o un Colosseo sullo sfondo ecc...ecc...

    Morale: mi sono comprato una Yamaha XT660Z Teneré completa di 3 valigie e faccio tutto quello che devo/voglio/posso. Non potevo fare scelta migliore...ormai il fuoristrada si fa anche in città (vedi sopra).

    Comunque sembrerebbe un'ottima moto offerta a un buon prezzo. Buon divertimento e buon viaggio a chi se la porterà a casa.

    Lamps
    Lost03 -
  • 68.

    x ivan.r provala e poi parla
    farmacista9998 -
  • 69.

    x ivan.r provala e poi parla
    farmacista9998 -
  • 70. Ottimo prodotto

    Salve, fortunatamente sto guidando questa bella moto da 1 settimana, passando da una V-Strom Traveller ABS dove avevo percorso ben 43 mila km in 2 anni. Sono soddisfattissimo in totale, ovviamente a fine rodaggio vedrò i consumi effettivi di questa millona acquistata a 10 mila euro con super permuta.
    speedy1972 -
  • 71. bella

    la guido da un mese che dire....uno SPETTACOLO!!!
    consiglio di provarla prima di sputare sentenze
    ciao
    farmacista9998 -
  • 72. Emozionante

    Provengo da una Versys 650 che mi dava belle soddisfazioni, questa è "emozionante" , sicurezza piena in qualsiasi mossa, mette giù potenza piena (grazie al contr.traz) dandoti la sensazione che sei Tu, in autonimia, che la controlli, comoda, sono felicissimo della scelta. Certo ho 750 km, tr poco farò il 1° tagliando, quindi non ancora ok.....ma è una emozione guidarla. ciao
    Bertoldo2573 -
  • 73. Felicissimo della scelta

    Dopo 16.000 km da febbraio sono soddisfatto di questa moto, mi trasmette emozioni, passione, voglia di viaggiare. E mi piace anche come estetica. Noi italiani siamo bravi a criticare tutto... Ducati è troppo Ducati, BMW c'è a chi piace e a chi no, le jap per l'amor del cielo, che schifo... e consumano... se 24km/l è tanto..
    1. qualcuno ha problemi con le cilindrate elevate? prendetevi i 600 o gli scooterini degli anni 60 di cui parlate, ma non criticate ciò che neanche avete avuto gli attributi di provare... leggo commenti in cui si dice che si stava meglio quando si stava peggio... si è vero e ci si rimettevano le penne molto di più di oggi.
    2. Non ve l'ha ordinato il medico di comprare delle moto, ma rispettate le scelte degli altri...
    giorgioc4644 -
  • 74. completamente soddisfatto

    Appena salito in sella e' stato amore a prima vista.La posizione di guida e' perfetta,la sella una poltrona sia per il pilota che per il passeggero.Il motore 4 cilindri era quello che aspettavo su una moto di questo tipo,sembra elettrico ,a moto quasi ferma (20 km h.,1500 rpm in 6,riprende senza il minimo sussulto!)Il peso si avverte un poco solo nelle manovre da fermo ma in marcia la senti stabile,ti trasmette sicurezza.(considerando la mia mole da peso piuma 172Cm. Per 60 kg vestito,si fa guidare come niente)l prezzo?12000 euro con abs comtrollo trazione su 3 livelli e centralina con doppia mappatura,non mi sembra affatto elevato.Se paragonato a Ducati,Bmw,yamaha che per una moto con questi optoomal sfiora i 17/20000 euro.Consiglio a tutti prima di sputare sentenze al vetriolo di provare quedta moto!Grande Kawa!
    mataleone01 -
  • 75. indeciso...

    Scusate, leggo che "giorgioc4644" scrive che la versys 1000 consuma 24 km l...personalmente sono un felicissimo possessore di versys650 con all attivo 51000km e i 26km l li faccio quotidianamente...ho provato la 1000 ed e un gran bel passo avanti, ma ho visto i 20 km l...mi confermi i 24 km l dato che tu hai già percorso 16000 km!!! Concordo col fatto di non giudicare questa moto x l estetica, una volta in sella...non scendi più...
    ginonix -
  • 76. Dopo il test drive è stato "amore"!

    Confermo quando detto dall'utente "mataleone01" (commento n.74), provengo da una Versys 650 di cui non ero soddisfatto, motore piccolo e non adatto ai viaggi in 2. Per curiosità ho provato la 1000 e l'ho comprata senza pensarci. Altro pianeta, moto con un motore perfetto, guida rilassatissima, paradossalmente MOLTO più maneggevole anche da ferma confronto la sorellina, merito della sella più stretta nelle cosce.
    Elettronica non invasiva che aiuta molto, cosi puoi rilassarti trottando con il passeggero ad ammirare i paesaggi dimenticandoti di cambiare. L'estetica è soggettiva, a me piace, ma in una moto preferisco dare più importanza alla sostanza e alla meccanica. Consiglio anch'io di provarla prima di giudicare. Dimenticavo, io sono alto 176 cm ed il peso lo gestisco bene, anche in 2 su.
    esse999 -
  • 77. very good!

    Mi chiedevo come mai kawasaki non ne facesse una versione 800, beh ora che ho percorso circa 3500km ho capito che non serve, il motore e fluidissimo e pieno di coppia, il migliore x girare su strada, e la ciclistica e veramente piu maneggevole della 650 oltre che trasmettere maggiore solidita, in altre parole si guida benissimo ed anche i consumi sono una sorpresa...non chiamatela enduro stradale, come da tradizione kawasaki questa e una moto da strada e te ne accorgi da come chiude la traiettoria in curva da vera sportiva! se pesasse qualche chilo in meno non sarebbe male ma con lo spazio che offre non penso sia possibile! Grande kawasaki, peccato che non abbia il successo che si merita, comunque si puo dire tranquillamente che e riconoscibilissima e quando accendi l abbagliante ti illumina veramente l orizzonte grazie hai fari sovrapposti. Come leggo spesso e una moto da provare ed a quel punto, non scendete piu...
    ginonix -

Per poter inserire un commento devi essere un utente registrato.
Se sei registrato, effettua il login
Oppure clicca qui per registrarti