mercato dell'usato

Guida alla Honda Hornet 600

E’ una delle regine del mercato, anche tra le moto d’occasione. Oltre 6.800 gli annunci inseriti negli ultimi mesi su Moto.it. I modelli, le quotazioni e il parere dell’esperto

Tutto su:

honda hornet ym2011 039 1 4


La Hornet CB 600F ha rinverdito i fasti del marchio giapponese tra le nude a 4 cilindri, tipologia di moto che non è certo una novità in casa Honda. Chi ha superato gli anta ricorda il cambiamento epocale della serie CB Four, negli anni ’70: prestazioni, facilità di guida e una qualità costruttiva che non si era mai vista sulle rivali europee dell’epoca.
Il calabrone ha fatto breccia nel cuore degli italiani, grazie a una linea semplice, dominata dal panciuto serbatoio e dal tubone dello scarico sotto il codone, e alle prestazioni che accontentano tutti.
Fino a 8.000 giri la Hornet è una paciosa compagna di merende, oltre – e fino ai 12.000 – ricorda la sua rabbiosa provenienza (il motore è figlio della CBR 600, in tutte le annate). Nel 2007 si è confermata best seller assoluta tra le moto, forte di 8.982 pezzi immatricolati. E questo nonostante abbia in parte tradito lo stile delle prime versioni. Il pubblico ha mostrato di gradire. Anzi, pare proprio che il model year 2007 abbia allargato il target a un’utenza più ampia, non più solo giovane. Nel 2011 la Hornet ha parzialmente rinnovato il guardaroba, ma sotto sotto nulla o quasi è cambiato dal punto di vista tecnico.
Forniamo ai lettori una breve storia del modello e le quotazioni di QMOTO (ottenute sulla base di elaborazioni statistiche della banca dati di Moto.it).


LE VERSIONI

Honda Hornet 600 (1998 – 2000)
Hornet viene presentata sul finire del 1997 al Salone di Parigi. La commercializzazione inizia nel 1998. Deriva concettualmente dalla piccola Hornet 250 venduta in Giappone. Al semplice telaio monotrave in acciaio ad alta resistenza affianca il potente motore 4 cilindri di derivazione CBR. Scelta particolare per il diametro della ruota anteriore, da 16 pollici. L’alimentazione è affida ai carburatori. L’omologazione è Euro 0. E’ prodotta in Giappone e viene offerta in tre colorazioni (Blazing Red, Silver Metallic e Tahitian Blu).
Nel 1999 arrivano due nuove colorazioni (Italian Red e Shining Yellow).
Prezzo Nuovo (1998 – 2000): 7.335 €
Quotazione ritiro da concessionario: 710 € (1998); 970 € (1999)
Quotazione vendita: 910 € (1998); 1.220 € (1999)


Honda Hornet 600 (2000 - 2002)
Il calabrone riceve 2 importanti cambiamenti. Arriva la ruota anteriore da 17”, che rende la guida su strada più facile e intuitiva, e la produzione passa agli stabilimenti di Honda Italia (ma la qualità rimane proverbiale, Honda non si smentisce). Altre modifiche di dettaglio riguardano il condotto del filtro dell’aria e la mappatura dell’accensione. Il parafango posteriore viene accorciato (prima copriva come un lenzuolo il panciuto gommone) e lo scarico riceve un nuovo trattamento che lo rende più lucido. Arriva la versione Black. E il successo commerciale arride anche alla Hornet made in Italy. Il 2000 è l’anno della versione carenata, denominata S, che trasforma la sportiva nuda di Honda in una moto più versatile, adatta anche al turismo. A risentirne è la personalità estetica e, soprattutto in Italia, la S non farà battere il cuore dei motociclisti.
Nel 2002 arrivano – finalmente – indicatori di direzione più piccoli.
Prezzo Nuovo (2000- 2002): 7.330 €
Quotazione ritiro da concessionario: da 1.230 € (2000) a 1.760 € (2002)
Quotazione vendita: da 1.540 € (2000) a 2.200 € (2002)


Honda Hornet 600 (2003 - 2004)
In casa Honda viene presa la decisione di mettere mano al calabrone da battaglia. È una scelta necessaria, la concorrenza delle 3 sorelle del Sol Levante si è fatta pressante e non è consentito dormire sugli allori. Le vendite, sempre sostenute, lanciano i primi segnali di stanca. Cambia il serbatoio (ora con tappo a cerniera), più affilato e tagliente rispetto al “tuttotondo” precedente. Anche il codino riceve la stessa cura e diviene appuntito come uno stiletto, idem il terminale di scarico, che ora contiene le 300 celle del catalizzatore, consentendo alla moto di rispettare la normativa Euro 2. La potenza supera i 96 cavalli a 12.000 giri/min. Nuovi sono anche la sella, più ospitale per il passeggero, e il faro anteriore, ora provvisto di 2 lampade sovrapposte (l’illuminazione risulta nettamente migliorata). Hornet 600 riceve la strumentazione della sorella maggiore di 900 cc e si dota finalmente della spia della riserva (al posto del desueto rubinetto) che si accende quando restano 3,5 lt di benzina nel serbatoio. Visto il successo della moto, è gradito anche il nuovo antifurto elettronico HISS che consente l’avvio del motore solo in presenza delle chiavi codificate.
Prezzo Nuovo (2003 - 2004): 7.430 €
Quotazione ritiro da concessionario: 2.020 € (2003); 2.280 € (2004)
Quotazione vendita:  2.520 € (2003); 2.850 € (2004)


Honda Hornet 600 (2005 - 2006)
La linea non cambia, le prestazioni su strada sì. Non tanto per la potenza del motore, che resta di 96 cavalli, quanto per il comportamento della ciclistica. Chi ama condurre sportivamente la Hornet 600, non è più costretto a mettere mano al portafoglio per migliorare il comportamento della forcella. Ci ha pensato mamma Honda, equipaggiando la versione 2005 di una forcella a steli rovesciati dal setting perfetto, sia su strada che nelle uscite in pista a cui tanti possessori di Hornet non sanno rinunciare. Modifiche minori anche all’estetica della moto, con nuovi profili sul fanale anteriore.
Prezzo Nuovo (2005 - 2006): 7.430 €
Quotazione ritiro da concessionario: 2.540 € (2005); 2.830 € (2006)
Quotazione vendita: 3.180 € (2005); 3.540 € (2006)


Honda Hornet 600 (2007-2010)
È l’anno della svolta. E che svolta. Un cambio di rotta epocale, di quelli destinati a lasciare il segno. Si tratta di moto dal seguito larghissimo ed è frequente che le schiere di appassionati accolgano scetticamente i cambiamenti più radicali. Salvo poi digerirli e decretare il successo commerciale della nuova moto. Esattamente com’è accaduto con Hornet 2007.
Arrivano il telaio – sempre monotrave – ma in alluminio, il motore di derivazione CBR 600 2007, più piccolo, potente e alimentato dall’iniezione elettronica. Cresce la potenza, cala il peso: ora i 102 cavalli portano a spasso solo 173 kg. Il family feeling con la “vecchia” Hornet è fatto salvo dal serbatoio, che ne ricalca le forme, mentre il fanale e lo scarico tagliano col passato. Il primo si dà al futurismo, rinunciando all’ovale tanto caro ai puristi delle naked, il secondo corre basso, rendendo la linea più attuale e abbassando il baricentro. La moto diventa Euro 3 e, a richiesta (con un sovrapprezzo di 600 €), è disponibile la versione munita di ABS. Listino, scheda tecnica e commento degli utenti
Prezzo Nuovo (2007): 7.590 €
Quotazione ritiro da concessionario: da 3.130 € a 4.060 € (2007-2010)
Quotazione vendita: da 3.910 € a 5.080 € (2007-2010)


Honda Hornet 600 2011 (clicca qui per leggere la nostra prova)
E' stata una delle grandi novità dei saloni autunnali, che arriva dai concessionari ai medesimi prezzi del modello uscente, cioè 7.590 euro per la versione standard – anche depotenziata a 25 kW (34 cv) – e 8.190 per quella dotata di Abs. E qui vale la pena di ricordare il Progetto Sicurezza che Honda Italia riserva ai suoi clienti, grazie all'accordo con Gemini Technologies: con l’acquisto di un veicolo “Honda Progetto Sicurezza” sarà compresa l’installazione di un antifurto satellitare Gemini, un anno di monitoraggio 24 ore su 24 tramite centrale operativa e la Garanzia di sostituzione del veicolo in caso di furto entro un anno. Il proprietario del veicolo avrà inoltre la possibilità di controllarlo personalmente, localizzandolo attraverso il cellulare o via internet.
Cavallo vincente non si cambia. Non ancora, perlomeno. Quindi in Honda hanno giustamente ritenuto che fosse troppo presto per modificare radicalmente una moto presentata nel 2007 e ancora molto valida. Semmai, andava parzialmente rivisitata in veste più piccantina, per alzarne ulteriormente l’indice di gradimento, visto che la concorrenza mica dorme. Basandosi sui suggerimenti recepiti dagli utenti, dunque, il designer Gianfelice “Felix” Marasco, del Centro Stile romano di Honda Europe, ha dato una ritoccatina al look della Hornet attraverso una specie di processo di “CBzzazione”: ed ecco il musetto e la coda ridisegnati ispirandosi evidentemente alle linee della grintosissima CB1000R.
Il primo ora integra un nuovo cruscotto che fa corpo unico con il faro, a sua volta ridisegnato, sempre con parabola multi-reflector: il gruppo è montato più in basso di prima e più vicino al manubrio, in modo da accentrare e compattare al massimo le masse. Come sulla CB, la nuova strumentazione è totalmente digitale, e ingloba contagiri, tachimetro, doppio trip, indicatore a barre per il livello carburante, rilievo dei consumi medio e istantaneo, temperatura del liquido refrigerante e, ovviamente, l’orologio. Anche qui è naturalmente presente il sistema anti-intrusione H.I.S.S., con serratura a doppio tamburo, praticamente impossibile da forzare col cosiddetto “spadino”: lo sterzo si sblocca e il motore si avvia esclusivamente usando la chiave codificata in dotazione.
Quanto al posteriore, niente più sella “ a sbalzo” e maniglioni per il passeggero – sostituiti comunque da due incavi nel codone, certamente meno pratici, ma esteticamente favorevoli – nell’ottica di uno stile più aerodinamico e sportivo, demandato appunto al nuovo codone all’insù. Che poi è il medesimo della nuova CBR600F carenata, con sotto il portatarga della 1000 naked. 
Quanto alle colorazioni, alla già nota Pearl Nightstar Black si aggiungono le inedite Pearl Sprint Yellow e Pearl Cool White. Una notizia interessante per chi volesse dilettarsi in pista con la nuova Hornet: quest'anno torna infatti l'Hornet Cup, unitamente all'omologo trofeo riservato alla stessa CB600F.
Prezzo Nuovo (2011): 7.590 € (8.190 € con ABS)


COSA DICE IL NEGOZIANTE

Ci siamo rivolti a Roberto, che di Hornet ne ha trattate e vendute a centinaia, per scoprire le virtù, le pecche, i richiami e tutto quanto può servire a evitare spiacevoli sorprese nell’acquisto di una Hornet di seconda mano.

Quali sono i pregi principali della nuda di casa Honda?
Roberto: “Si tratta di una moto facile, che si adatta bene a tutti, dal ragazzino fino allo smanettone, grazie a una ciclistica sincera, comunicativa, e a un motore favoloso”.

Ci sono dei model year da preferire rispetto ad altri?
Roberto: “La prima versione, del’98, non è richiesta. Primo perché è ancora un Euro 0, secondo per via della ruota anteriore da 16”. I modelli successivi, con la ruota da 17”, sono migliorati moltissimo in quanto a facilità di guida. Le Hornet del 1998 finiscono spesso nel canale dell’esportazione, che le richiede sempre”.

Le più richieste?
Roberto: “Sicuramente quelle dal 2003 in avanti. Il cambiamento estetico ha rinnovato il modello ed è stato molto apprezzato dai nostri clienti. Poi c’è la versione 2005, equipaggiata di forcella a steli rovesciati. Direi che questa è la migliore Hornet, tra quelle dotate di telaio in acciaio…”.

E Hornet 2007? Come vanno i primi usati? C’è richiesta?
Roberto: “Direi di sì. Piace sempre da matti ai più giovani. Negli ultimi anni è cresciuta la domanda da parte delle ragazze e, con la versione 2007, abbiamo notato un fenomeno inaspettato”.

Quale?
Roberto: “Hornet dal 2007 a oggi attrae anche un pubblico più adulto, ce la chiedono tanti 40enni. Prima non era così. Sarà che la versione attuale sembra più grossa, sarà la linea più ricercata…”.

La moto ha subito dei richiami?
Roberto: “Nessun richiamo”.

Difetti ricorrenti? Ci sarà pure qualcosa che si è rotto.
Roberto: “Negativo. Sarò anche un luogo comune, ma Honda è Honda. Anche gli usati più anziani non danno il minimo problema”.

Cosa consiglia di guardare in particolare, prima di staccare l'assegno?
Roberto: “Visto che non abbiamo sovrastrutture che ci possano indicare i segni delle cadute, consiglio sempre di smontare la sella e, se possibile, il serbatoio. Il telaio non deve presentare riparazioni e saldature. Bisogna poi controllare le piastre di sterzo (anche loro rivelano facilmente gli incidenti occorsi alla moto), la presenza di eventuali giochi dell’avantreno e lo stato dei dischi dei freni. Il 4 cilindri non dà mai problemi, anche chilometraggi superiori ai 40/50.000 km non devono impensierire”.
 

Sono stati inseriti 52

Commenti

. Commenta
  • 1. Ne ho provata una...

    Proprio in questo periodo, ne ho provata una del 2008. Che dire ..motore è abbastanza ok, anche se vuoto sotto..il resto capisco perchè ci sono 6800 annunci. A parte il fatto che è stata super venduta da nuova a milioni...però capisco il fatto che molti vorranno disfarsene per una moto con un po di telaio e feeling specie all' avantreno. Io sono abituao alla mio che non è Honda, ma Italiana....ma se tiro è sui binari la mia, mentre questa hornet non la senti non c'è feeling. Chi la usa per sparate è un pazzo.
    multi62068 -
  • 2. emozionante come...

    ...il mio aspirapolvere vowerk folletto! :) Meglio un monster 600 di 10 anni fa... almeno con quello curvi e ti diverti invece di pregare curvando... hihihi
    harvey -
  • 3. valida nuda

    Ho fatto 20mila km con una my 2000 blu ed era una bellissima moto NUDA, mi stupisce chi lamenta la tenuta di strada... non è mica un CBR! usata per viaggi con fidanzata o smanettate da solo in trebbia, cisa ecc ecc ho un ottimo ricordo. bella moto per chi comincia, e ora si trova usata a poco. ottima scelta. saluti elp
    enzo lo presto -
  • 4. Esageratiii

    ...
    piega996 -
  • 5. per multi62068

    sei il tecnico della mutua,lascia stare la moto compra un landini
    speedfreaks -
  • 6. Enzo...

    sono daccordo con te, che non è un CBR.Finchè vai tranquillo è una discreta moto, diciamo da passeggio per non farsi troppo male, ma a quel punto da passeggio mi prendo un Boneville, almeno da usata è valutata. Poi si è affidabile, robusta, ma non si puo certo dire che è stabile, quello proprio no...anzi a me mette paura.
    multi62068 -
  • 7. Ottima moto!

    ex possessore di una hornet del 2008 e di una del 1999....vendute per vari problemi, ma vi posso garantire che è una moto per tutti e per fare tutto, e di moto ne ho cambiate... Chi ne perla male...vuol dire che usa la moto per andare al bar e basta! Provate ad andare a leggere qualcosa qui: www.hornet.it e vi accorgerete di come va questa moto e di quanti appassionati ha!
    packy76 -
  • 8. perfetta

    Ne ho una del 2004 è perfetta! una moto fantastica! si guida in Sesta marcia a 60/70 Km/h facilissima e divertentissima da guidare nelle strade piene di curve e la cosa che + mi ha stupito specilmente chi è alle prime armi,se sbagli una curva ( arrivi un pò lungo o esci un pò largo) in un attimo riesci a correggere e chiudere la curva.Forse l'unico difetto è che bisogna farci l'orecchio e tirare un pò le marce in salita.
    cristian.matera3818 -
  • 9. Ne possiedo una....

    sono il felicissimo possessore di una Hornet 600 2005, l'ultimo modello a carburatore. Vorrei dire a multi2068 che sono uno di quei pazzi che la usa anche per fare le sparate (come le definisci tu), sempre tenendo presente che la strada non un circuito; la moto va benissimo e non mi ha mai causato nessun tipo di problema, ti informo inoltre che tutti i modelli di Hornet 600 sono le giapponesi con la "schiena" più corposa, per schiena intendo il tiro ai bassi medi regimi, per cui non capisco il tuo commento,sinceramente. Se tanta gente l'ha scelta è perchè è un'ottima moto che garantisce divertimento, affidabilità, costi di gestione irrisori e alta rivendibilità, per cui andrei piano a screditare una moto che ha avuto e ha così tanto successo. Ognuno la può pensare come meglio crede ma trovo il tuo commento fuori luogo. Un lampeggio a tutti Maurizio
    Maurizio.Mori -
  • 10. Multi...

    Ok , lo abbiamocapitotutti che sei un ducatista e che guidi, suppongo, una multistrada... Detto questo, la mia hornet 600 del 2000 ha all'attivo 78.000 Km (si 78 mila), a Misano (vecchio giro,non quello attuale) con la motocompletamente originale giravo in 1,56 , per carità non un tempone da superbike ( e vorrei anche vedere) ma ti assicuro che di moto ben piu' costose e specialistiche ne ho passate parecchie... poi un bel giorno io e un amico con una r1 su ViaMaggio siamo stati sverniciati da una africa twin che sembrava stare su con lo skotch... questo solo per dire che piu' anni passi su una moto, piu'tirendi conto che, soprattutto per strada, tutte le storie delmondo su ciclistica,cavalli,scarichi aperti, angolo di piega ecc... non vogliono dire una benemerita mazza, è l'esperienza e il manico che ti fanno andare forte in sicurezza... non una forca rovesciata all'anteriore o un mezzo che ti costa 600 euro di tagliando.
    joetenda -
  • 11. Affidabilità Honda...

    Quattro anni fa ne ho comprata una usata del 2000, la tanto decantata affidabilità Honda io non l'ho intravista, eccezion fatta per il motore che gira che è una meraviglia! Proprio domenica scorsa sono rimasto a piedi, una splendida giornata rovinata da un probabile guasto all'impianto elettrico (potrebbe trattarsi del regolatore di tensione)... E non è la prima volta che mi lascia a piedi... Certo però che quando non mi lascia a piedi è una moto stupenda, piega con gran facilità, le strade piene di curve sono un godimento, il motore tira che è una bellezza! Per divertirsi questa moto basta e avanza, poi ci sono gli sboroni che vogliono assolutamente moto da 18000 rpm e 200 cavalli, così al bar possono vantarsi con gli amici di avere una moto da 12000 euro che però sanno solo tirare per 15 secondi in rettilineo vicino a casa... ;)
    EJ85 -
  • 12. caratteristiche

    è una moto molto sopravvalutata la hornet, ha tra le buone il prezzo che si abbassa notevolmente con sconti al concessionario, che non è impegnativa e facile da usare, affidabilità ai massimi livelli e poco dispendiosa nella manutenzione, di brutto ha poca personalità è come girare con una ford, il manubrio della graziella ancora di acciao, i comandi son gli stessi da ormai 10 anni, se tiri ovviamente la ciclistica è da rifare ma per uso normale basta, inoltre i motori dal 2007 in poi certi bucano in modo pazzesco in basso nell'uso cittadino e per divertirti sui passi devi stare sempre dai 7000 in su. Era da rinnovare a mio parere, anche perchè rimane l'unica naked 600 del mercato, tutte le altre son 675 750 800. Meglio sicuramente qualche italiana o una triumph street triple r, che ha i suoi difetti in fatto di affidabilità e calore sottosella, ma almeno ha una ciclistica decente, personalità e motore con erogazione sfruttabile fin dai bassi regimi.
    crazyscientist -
  • 13. trasportare o guidare

    possiedo una hornet 2003/2004 (che possiede ancora il rubinetto oltre all'aggiunta della spia della riserva :) errata corrige) ed ho percorso circa 50.000 km in 3 anni in tutte le condizioni eccetto neve e gelo. Sinceramente cosa ne penso?? che è una moto molto equilibrata come tutte le honda e che di conseguenza perdona molto. Forse non ha molti cavalli ma ricordiamoci che è una naked. Se dovessi trovargli un difetto lo cercherei nel reparto sospensioni che tende a "pompare" molto ma che si corregge con i giusti movimenti del corpo. Mi piace la sua agilità nel misto stretto grazie ad un telaio monotrave che svolge onestamente il suo lavoro per essere una moto di serie. e comunque buon divertimento a tutti perchè non siamo in pista ma per strada....
    hornet-bo -
  • 14. Se è convinto

    di quello che dice... Multi non sa guidare nemmeno la multistrada. Lui è convinto , ma non è così. Io giudico solo da quello che leggo. E secondo me c'ha la Multi620....imparagonabile
    piega996 -
  • 15. crazyscientist

    abbiamo capito che sei un palato fino....ma stiamo parlando , traslando il discorso alle 4 ruote di una panda. E su tutte le cose esiste sempre il meglio , basta esser disposto a pagare prezzi più alti. Sarei tanto curioso di sapere che moto hai, se ce l'hai.
    piega996 -
  • 16. @piega

    Ho un hornet come l'hanno in tanti, presa proprio per la sua affidabilità e bassi costi di gestione, la uso tutto l'anno per sfuggire al traffico, percorso casa lavoro con pioggia e gelo e all'estate per arrivare al mare, la uso per quello che mi serve a me, per andar sui passi e in pista uso altro... Per il costo tu parli dei 1000 euro in più di altre naked tipo l'inglesina, bhe se conti che la maggiorparte poi sull'hornet ci mette mano montando un kit cartucce e mono, cambiando manubrio e tubi in treccia(di serie sulla street), poi in basso non va cambia corona scatalizza e monta scarico e centralina, alla fine spendi uguale anzi meno perchè il motore non lo tocchi è già performante nella street non tocchi nemmeno la centralina (riprogrammabile). Poi a ognuno la sua moto per quello che ci deve fare, sicuramente l'hornet è una buona tuttofare.
    crazyscientist -
  • 17. ...HONDA = NUMBER 1...!!!

    ...ho avuto 2 Hornet del 2006, secondo me, la versione più bella e ciclisticamente più affidabile rispetto alle versioni precedenti...gran moto x iniziare! Honda, a parte questo è sinonimo di: affidabilità, sicurezza...è difficile che abbia problemi rispetto ad altre case. Ora sono possessore di 1 CBR 1000 RR HRC 2010abs, è 1 spettacolo questa moto...continua così "HONDA"...!!!
    manuchao81 -
  • 18. ah... meno male

    crazy....mi sembri l'incontentabile di vecchia memoria pubblicitaria.. No io parlo che senza limiti di spesa puoi farti, qualsiasi cosa 600 di meglio fino ad arivare all'mv. e permettimi che in quelal fascia 1000 o 1500 € sono un abella differenza. E il mondo è fatto anche di soddisfatti che non si mette a cambiare manubri, sospensioni etc...per un uso normale, magari qualche volta ti tienio anche la forcella che affonda un pò. Tanto manubrio o forcelle in più o meno conta il manico, col vantaggio cheperò vai su una moto più confortevole e comoda.
    piega996 -
  • 19. Per joetenda

    Una sola cosa ..... HAI PERFETTAMENTE RAGIONE.......
    asterix30 -
  • 20. per chi si lamenta

    Sono un felice possessore di hornet 2011 e ne sono estasiato ogni volta che la guido...è proprio la moto che volevo, in tutto e per tutto...puoi farci qualsiasi cosa, dalla gita tranquilla con morosa, al giro tirato a manico a giornate in pista...Ottima ciclistica (un passo avanti rispetto alla z750) e motore che non è cosi "vuoto" come dicono tanti, anzi, è bello pronto anche in basso....Ovviamente il bello è quando passo i 7000 giri ;) Ah e cmq per chi dice che non ha tenuta, per la mia versione dico sicuramente che non è vero e che non l'ha sicuramente mai provata...Per i modelli prima non sò come era.....Per finire ha ragione chi dice che la cosa che piu conta è il manico in certe situazioni
    Pasomusic87 -
  • 21. il manico..

    mi piace il commento di joetenda, perche' e' li che sta il nocciolo della questione. noi ce la raccontiamo, facciamo chiaccherate da bar, ci esaltiamo se tiriamo su da terra la ruota davanti di 3cm o se pieghiamo mezzo millimetro in piu' della volta prima, che ci sta, ma siamo onesti con nei stessi: dei milioni di possessori della hornet, ma anche della z750, della street, speed, r1, r6 etc etc etc, solo una minima percentuale - incalcolabile - riesce a sfruttare le doti ciclistiche e di motore che offrono. siamo tutti lontanissimi dal vero limite di queste moto, e lo stesso vale anche una "semplice" hornet 600.. Di queste cose ti rendi conto se hai provato la pista. ti rendi conto di cosa voglia dire andare veloce (o meglio, quanto tu vada piano rispetto al pontenziale del tuo mezzo), ti rendi conto di quanto sei pirla se per strada metti il ginocchio a terra etc. E capisci che la vera differenza la fa il manico, l'esperienza, il pelo sullo stomaco e anche l'incoscenza. il mezzo viene per ultimo. Su strada non ci sono piloti, la strada non e' un circuito, nessuno si sta sfidando in una dominica di motogp, anzi ci ritroviamo tutti negli ingorghi stradali di chi va al lavoro quotidianamente o alla meglio ci incrociamo nelle curve della val trebbia. nelle vere competizioni, certo che il mezzo fa la differenza, la' lottano sul filo dei millesimi, ma noi..? e' stato divertente una volta vedere un mio amico con un cbr1000 - e devo dire che lui puo' essere messo nella categoria degli smanettoni della domenica -venir sverniciato da un BMW R80!! due curve e non l'abbiamo piu' visto... di tutto questo esaltare le prestazioni delle moto, la cosa che piu' non condivido e' che per esser figo devi avere cavalli in abbondanza e se opti per una honda hornet ti sei preso la moto che va bene anche per i ragazzini e le ragazze, un'ottima moto con cui iniziare... si puo' dire sul forum "sticazzi"!!!?? certo, se la puo' comprare anche il neofita ed e' sicuramente meglio che si prenda la hornet piuttosto che il cbr1000, ma non facciamo passare il concetto che adesso i 600 da 100cv siano moto entry level!!
    dipa640 -
  • 22. Per gli Hondisti..

    Non ho detto mai che è una moto che fa schifo...non l' ho mai detto!! E' che qui come da altre parti se metti un parere a mio giudizio dopo che l' ho provata negativo...ed eccoti che escono tutti su a dirti che non capisci un cazzo o altro. Io dico che dopo averla provata, la trovo senza feeling specie sull' anteriore, non mi ha dato la benchè minima confidenza, e mi è parso che in rapporto alle prestazioni e ne ha tante per le nostre strade...non ha una ciclistica all' altezza...chiuso. E io dopo 14 moto in 20 anni di patente tra cui tante supersportive, vi dico che se dovessi tirare come un matto preferirei molto quelle che ho avuto con 20 sul groppone, perchè nonostante l' età erano piu equilibrate. Per che scrive che un Multistrada 620 non è da paragonare..sicuramente di motore non c'è paragone, ma ciclisticamenbte non cìè proprio paragone..... Per la precisione e qui lo dico NON PER VANTARMI ma per rispondere, dopo varie giapponesi tra cui tre Honda, si ho avuto un Multistrada620, ma dopo un 1000 ora ho un Multistrada1200, e se il nick name è rimasto Multi62068, è solo perchè non si puo cambiare...o no!!! Comunque un lampeggio a tutti anche chi mi ha detto "cattiverie" e buon viaggio a tutti, si chi ha un Hornet che chi ha un'altra moto.
    multi62068 -
  • 23. Io

    conoscevo uno , anzi era un cliente, a cui ho venduto negli anni prima una una 850 Fiat, poi via via altre auto normali , berline, fino a una Ferrari erano forse 30 anni che guidava, ma sempre come il primo giorno, e quasi non capendo su cosa era seduto. Questo è un caso limite, ma questa gente esiste. Poi c'è la media che non può avere capacità di distinguere le effetive potenzialità di una moto. Cioè non si può permettere di dire io l'ho provata, nel senso di esprimere giudizi mediamente corretti. Percepisce la differenza, percepisce sensazioni diverse da quelal che cavalca tutti i giorni e magari ha sensazioni brutte , quando invece non lo sono effettivamente. Il multistrada 620 un bel polmone, anche di telaio, proprio perchè telaio surdimensionato ripsetto alle prestazioni motoristiche.
    piega996 -
  • 24. E poi...

    perchè devi tirare come " un matto"!!?? Le moto si giudicano per l'uso a cui sono destinate.
    piega996 -
  • 25.

    Ho posseduto e posseggo varie moto, tra queste per una stagione ho avuto una Hornet 2006. L'avevo presa con l'idea di avere una moto per passeggiare sul misto. L'ho rivenduta molto deluso, sono d'accordo con chi dice che la ciclistica di questa moto non è assolutamente all'altezza non soltanto della concorrenza europea, ma anche del marchio che porta sul serbatoio. La sensazione era quella che la forcella ed il mono fossero completamente disomogenei nel comportamento, sensazione appena mitigata sostituendo i pessimi pneumatici Micheli Pilot di serie. Mi sono reso presto conto che per avere un comportamento decente era necessario mettere mano alla ciclistica. Ad onor del vero ho poi guidato in seguito una Hornet preparata bene, ma per me la moto non vale la spesa. Trovo scandalosi i giudizi positivi della stampa specializzata su questo genere di moto, ovvero in genere la naked giapponesi, che abbinano motori brillanti a ciclistiche pietose.
    kkk24 -
  • 26. SEMPRE I SOLITI

    Ma come è possibile che solo le moto italiane sono quelle """"""BELLE, TENUTA DI STRADA ECCEZIONALE, PIU' POTENTI, CAVALLI DA VENDERE, ETC. ETC."""""""""che quando si costruivano le moto in italia i giapponesi non esistevano, ma vi rendete conto di quello che scrivete? dovete essere obbiettivi e sinceri, i giapponesi ci hanno letteralmente affossati, distrutti e questo è realtà, (vedi i risultati) quindi bisogna riconoscergli i dovuti meriti e non sottovalutare il loro lavoro, hanno ben quattro case motociclistiche che portano avanti regolarmente e con vendite mostruose da record, invece in italia sono quasi tutte fallite vi spiegate come mai? forse il prodotto italiano non è affidabile ed economico come quello giapponese, poi se si trovano in vendita più moto giapponesi che italiane significa che ne sono state vendute il triplo. Speriamo solo che il grande VALE riesca a trovare il bandolo della matassa e portare questa moto in alto altrimente anche questa ducati è destinata a sparire dalla circolazione.
    CBR100005 -
  • 27. DIMENTICAVO...............

    Posseggo ancora un NSR125, ho posseduto una hornet 600, un CBR1000RR(VERSIONE 2005), e sono un felice possessore di una nuovaCBR1000RRFIREBLADE. SONO SEMPLICEMENTE MOTO SUPERFANTASTICHE.
    CBR100005 -
  • 28. leggete pure le riviste specializzate

    Premettiamo che non tutti vogliono modificare cose non necessarie, ciclistica è sufficiente su strada la versione 2011,se vuoi di più la cambi ma son euri, io essendo 90 kg va cambiata fortunati vuoi che siete meno alti e dei fuscelli. Ma l'hai provata @piega996 un hornet 2007 originale?Ora parliamo di erogazione, se vuoi farti una scampagnata a viamaggio o sul muraglione, ha un motore che sui passi sei sempre in seconda dai 6-7000 in su per uscire un minimo dai tornanti, altrimenti si pianta, la terza la metti solo sul dritto nei piccoli allunghi che trovi, se non la guidi così non vai proprio su e non esce dalle curve, divertentissimo stare sempre in monomarcia MHA. Erogazione in basso dal 2007 in poi qualche esemplare ha qualche buco di erogazione tra il traffico, ma cosa dico mai?No impossibile! Ora dico solo che honda nel 2011 poteva aggiornare un modello e invece inseguono la concorrenza a mio parere per la sfruttabilita del motore, meglio il 2 e 3 cilindri, lo ha capito pure Mv Agusta. Del resto è una discreta moto. @kkk24 quoto altamente la tua ultima frase.
    crazyscientist -
  • 29. kkk

    Non sono moto che si pongono sul mercato per fare staccatone, e stabilità da gran premio. Sono dei compromessi e in quanto tale vanno valutati. Poi scrivere qui e parlar male è facile. Ma tu deVI RACCONTARLA TUTTA. l'hai presa usata? é sicuro che era tutto in ordine, sopratutto l'impianto sospensioni che critchi? Insomma la favola bisogna saperla e raccontarla tutta. Questo senza dire che sono dei fulmini di assetto. Ma non vogliono esserlo
    piega996 -
  • 30. Piega..

    Se vuoi una moto da passeggio allora ti prendi una Boneville o altro...non ti compri una Hornet da 100 cv che su strada sono già tantissimi che supera i 200 ..... Normalmente chi prende una moto seepur naked la prende per andare un po piu spediti, ...gente che rinuncia alle supercarenate da 180cv, ma vuole sempre una moto che abbia almeno 100 cv per divertirsi... E poi..ci rimane delusa perchè dai 150/160 in su ondeggia e galleggia sull' asfalto...
    multi62068 -
  • 31. @piega996

    La favola, se permetti, la conosco meglio io di te, dato che stavo parlando della mia moto... presa nuova ad inizio 2007, modello 2006 e lasciata originale come mamma Honda l'ha fatta. Si presume dunque che fosse tutto in ordine, che dici?
    kkk24 -
  • 32. Per multi62068

    Ma che stai dicendo. Honda è sempre Honda. Io ne ho una del 2007 e mi trovo benissimo. Il feeling c'è ed è pure abbastanza. Forse sarà la tua Du...i a non farti sentire il feeling.
    pinulandia -
  • 33. Pinu...

    Se di feeling e se sai cos'è o cosa vuole dire feeling su una moto, se ne hai solo abbastanza..allora lascia perdere non andare in moto. O c'è o non c'è, o è totale e ti fidi oppure non l' hai e vai piano.Non esiste l' abbastanza perchè l' abbastanza ci puo essere se vai piano, ma se vai un po piu forte se non è totale posi il culo per terra alla prima curva. Quindi ascolta lascia stare....comprati un altro tipo di mezzo....e lascia stare Ducati su questo piano , qualsiasi Ducati, anche di 20 anni fa , la massacra la tua Honda....
    multi62068 -
  • 34. ne ho avute

    diverse fino a quella che più mi piaceva del 2006. Intanto precisiamo che se uno proprio vuole andar fortino sui passi , o vuole avere soddisfazione, non compra un Hornet, ma non compra qualsiasi 600 4 cilindri che gira alto. Quindi 2 cilindri e adesso i buoni 3 triumph. Quella moto è un compromesso di tutto e in quanto tale, così va giudicata. Poi iniziamo col dire che le cilindrate piccole e che girano , ci vuole più manico per farle andare che con moto di più cubatura e cavalli. Bisogna stare sempre molto alti di giri, senza mai farle scendere sotto coppia, e i giri così fanno salire anche le pulsazioni del cuore (è scientificamente provato) e nopn è alla portata dsi tutti. Portata così, con rischi più alti va anche la Hornet. Questo vale per r6, suzuki 600 sportivi e compagnuia cantante. Io dico che da questi motorini pretendete troppo in tutto. I commenti di multi lasciamoli perdere, si capisce da chi provengono.
    piega996 -
  • 35. Ma Piega...

    Allora l' hai scritto anche tu...eccolo... "Portata così, con rischi piu alti va anche la Hornet" ci sei arrivato da solo??con rischi piu alti... E se leggi bene il mio commento sulla moto, invece di fare l' altezzoso e superesperto, ho scritto in pratica che se vai forte rischi...o no??? I miei commenti vengono dopo una prova di una Hornet per 30 km piu o meno.Tu l' hai mai provata?? E dimmi 996 cosa vuole dire?Se hai veramente un 996 allora senti la differenza con un'altra moto...o per te è uguale ad un Hornet? Oppure 996 è l' angolo della tua piega??ora mi fai venire i dubbi...
    multi62068 -
  • 36.

    E poi secondo te da chi provengono??
    multi62068 -
  • 37. Provata anni fa e devo dire che.....

    Anni fa ne ho provata una di un amico con cui facevo molti giri nei fine settimana. Era un esemplare a carburatori, uno dei primi, quello con la ruota anteriore ancora da 16. Eravamo sul Costo di Asiago. bella giornata, asfalto prefetto e starda larga e in salita, in somma come sempre! Nessuno dei due aveva mai guidato la moto atrui , ne io una 4cilindri, ma ero molto curioso. Morale, il mio amico con la mia bicilindrica 600 mi ha letteralmente bruciato, grattandomi anche gli scarichi, mentre io non capivo perche la moto non andava.... poi l'ho scoperto, cambiavo marcia a 8mila giri ed ero sempre sottocoppia. Mi sembrava che oltre ci fosse il rischio di sbiellarla. Per la stabilità e la frenata non ricordo molto ma la famigerata ruota da 16 che facilitava l'ingresso in curva, non fosse così famigerata.
    stemie -
  • 38. Che motina..

    Vi dico solo che, ne ho avuta 1 del 2009, adesso ho un GSR 600 suzuki... Quest'ultima si che è una vera moto, nata un anno prima.. Ps: ancora non sono riuscito a spaccare il telaio del Suzuki! .ahahaha.. Per la cronaca, a Franciacorta i tempi li facevano con i GSR non con le Hornet.. (guardate su youtube se nn ci credete).Io l'ho visto con i miei occhi! Dimenticavo: però il GSR non ha gli steli rovesciati..
    Giuseppe.Ariano -
  • 39. CAro Multi

    Tu scrivi dando aria ai polpastrelli. Fai un miscuglio di tutto. IO ho detto rischi non dipendenti dalla ciclistica, ma dalle capacità di guida. Le 600 per farle rendere , bisogna saperle guidare, molto di più di una 1200. Perchè devi stare sempre impiccato, perchè hai molto meno freno motore etc.. Ma questo per rispondere a voi pilotini che misurate una Hornet volendo usarla come una Ducati 1098. Il mio nick è legato a quando m'iscrissi che avevo una ducati 996. Ma normalmente da quando vando in moto oltre 40 anni di moto in garage ne ho sempre 2 o 3 mai meno di 2. E se ti dovessi fare un elenco arriverei a una settantina, ma francamente nemmeno mi ricordo e se dovessi fare una lista ne ometterei qualcuna per dimenticanza. Ora criticare una motocilcettina media, parlandone come una brucipiste mi sembre fuoriluogo ed esagerato. Parlavi di gente che scende da mezzi di 180 cv e pretenderebe da una Hornet da 100cv doti sportive. Bene non hai capito ne la moto ne il target. Le naked a cui ti riferisci non sono quelle , ma Bennelli 1130, honda 1000 naked , MV 1090 etc... cose che tu non conosci proprio. La Hornet è una moto onesta, criticabile nel suo ambito e che io non difendo, ma come lo possono essere tutte le giapponesi, yamaha e suzuki etc. Mi sembra che tu e qualche altro stiate esagerando. E se avete delle pretese, dovreste solo cambiare target di moto e salire, sia nelle prestazioni, che nella spesa e di conseguenza nella componentistica.
    piega996 -
  • 40. Quando dicevo

    si capiscono i commenti da chi provengono. E' perchè ci ho letto , una certa partigianeria o un certo fanatismo a prescindere. E chi se ne intende nopn cambierebbe mai una Monster 620, con una Hornet (parlo della 2005-2006). Proprio ieri ero a un autoricambi e affianco a me c'era un Monsterista che acquista viti e bulloni e smadonnava perchè , se li perde e deve sempre ricomprarli. Su una Hornet questo è sicuro non accade. MA poi andiamo alle prestazioni, alla guidabilità, alla manovrabilità...ma davvero stiamo ancora a discutere? Poi certo i giapponesi usano fare economie di scala e forse ultimamente in questo stanno esagerando e sopratutto , le linee non piacciono più sopratutto a noi Italiani, ma se pensiamo che ormai non siamo più nemmeno il loro mercato di riferimento...perchè in Italia non si vende ecco la spiegazione.
    piega996 -
  • 41. cosa dice il concessionario....

    mi sono avvalso piu' volte dei servizi di roberto... davvero una persona molto corretta e mi permetto di consigliarlo! per non parlare di Giovanni... davvero un mago.. un vero meccanico.
    Nick_Farl_3822920 -
  • 42. Hornet 2006, ottima moto.

    Scendo da una Ducati anni 90 e prendo una 2006, si sente una minore personalità e finezza. Si fanno però 20.000km all'anno e l'unico intervento è la lubrificazione catena. Si viaggia d'estate, con l'acqua, con -5 gradi senza cilindri che ghiacciano, si va al lavoro e su e giù per le varie Valtrebbia, Cisa, Muraglione, Futa, Cerreto.... Un mulo ignorante! Alla fine ho preso un altra 2006 per sistemarla in versione solo pista e avere cmq grande soddisfazione. Moto assolutamente consigliata, speriamo mantenga queste caratteristiche e non si imborghesisca mai.
    car81 -
  • 43. da Ducatista

    ho sempre apprezzato le Honda e l'hornet, personalmente non ho mai avuto la tentazione di prenderla ,non perche non va' ho non tiene i curva ho non ha schiena, questi sono solo discorsi da BAR ...che lasciano il tempo che trovano... non l'ho mai provata e quindi non posso nemmeno esprimermi in merito...ma penso che per Noi motociclisti della Domenica ...intendetemi eh...l'hornet sia una moto validissima e tuttofare! e molto piu' economica in tutto di una Ducati...e ve lodice uno che ha sempre preso Ducati.... continuo a preferire le italiane ma rispetto e mi piacciono le Jap ..CBR in primis! il resto dei discorsi e' solo aria fritta!
    linusdromico01 -
  • 44. x Stemie

    Hai citato il peggio del peggio: la prima Hornet, con la ruota da 16 davanti, era semplicemente...una moto sbagliata, e pure pericolosa, se ti veniva il buzzo di usarla un po' allegramente.
    Tanketto01 -
  • 45. Che ridere......

    .............definire la Hornet inguidabile ?? Poco feeling ? Ma se è famosa proprio per la sua maneggevolezza e facilità di guida !! Essere facile da guidare non è un difetto ma è un pregio che conferma che è una moto fatta veramente bene. Avrà qualche piccola sofferenza ai bassi,ma con qualche ritocchino migliori di molto la situazione,per non parlare che basta cambiarle l'olio quando ti ricordi e sei sempre apposto.......non come le ducati che una volta al mese bisogna stringere i bulloni,dimenticavo........quante ne ho sverniciate di bicilindriche o tricilindriche su per la Futa,(bisogna anche saper guidare).
    serafo6832 -
  • 46. anchio anchioooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Possessore superfelice da quattro anni di Hornet 2003 e domani vado con la mia affettuosa zavorrina a jesolo beach. Non uso più l'auto da anni per la mia hornella troppo bella ciao ciao !!
    matt.fal -
  • 47. Indistruttibile...

    Ho una hornet del 2001 che ha percorso 100.000 Km e ha subito diverse cadute. Ci ho fatto tutte le vacanze, mi ha portato tutti i giorni al lavoro, ogni tanto la spremo a Castrezzato per una mezza giornata e vi garantisco che semina diverse supersport pari cilindrata anche sul rettilineo; certo, ho provveduto a modificare e sostituire diverse parti delle sospensioni e dei freni settandola per le mie esigenze, non ho mai lesinato sulla manutenzione ma mi ha ripagato! Gli unici guasti che ha accusato sono stati un paraolio forcella e lo switch della folle! Quale altra moto può svolgere questi servizi ad un prezzo così concorrenziale?
    vampirello -
  • 48. Basta poco..

    io ne ho una del 2007.. con pochi soldi ho kittato la forcella e in pista non c'è monster 600 che tenga
    Sergio661290 -
  • 49. Hornet 2001, onesta cavalcatura.

    Ho acquistato qualche anno fa un esemplare usato del 2001. Ci ho preso la patente, ci ho fatto 40.000 km con qualsiasi condizione meteo. Sì, qualsiasi: abbiamo preso la grandine e anche un bel po' di neve. Manutenzione ordinaria, scarpe nuove ogni 8.000 km, sostituite d'urgenza un paio di volte le candele, d'inverno, a causa di un brutto raffreddore. Da allora col freddo beve solo benzina con tanti ottani e il problema non si è più ripresentato. Di carattere è una con cui ci puoi ragionare, ma si ribella un po' quando la forcella affonda in ingresso curva. Difetto della serie o dell'età? Magari del pilota! Cmq la serie 2006 dei miei amici non sbacchetta così tanto, non agogna singhiozzando di mettere la riserva come il Bravo e ci vede un po' di più al buio. Ora ordinate una birra anche per me e andate avanti a leggere, si torna al bar.
    DottorRoss -
  • 50. Ogni volta.......

    .........che ne vedo una mi prende la malinconia. Ho posseduto la versione 2005, la prima con gli steli rovesciati, e devo dire che mi ha divertito per cinque anni. Bella naked equilibrata (per molti è la migliore delle hornelle). Sulle strade di montagna è divertentissima da guidare e devo dire che riusciva a divertirmi anche stando sotto gli 8000 giri. Ad ogni modo superata quella soglia diventava rabbiosa e ancora più divertente. L'ho venduta per una super sportiva ma se avessi avuto posto in garage sarebbe ancora con me. La consiglio è una Honda manutenzione zero.
    varamolo -
  • 51. Non sottovalutatela......

    E' una moto che apprezzi col tempo...Equilibrio generale e utilizzo a 360° grande Hornet
    alex981522 -
  • 52. oggettivamente

    raga, oggettivamente la hornella è una gran bella moto. ho avuto la seicento e la piango ancora ora. due considerazioni sul monotrave e sul motore. il monotrave è un telaio che è fatto apposta ove seva morbidezza nella guida. infatti la guida della hornet nel misto lento è perfetta. tuttavia, senza fare i piegoni a 200 ma solamente ad uscire dalle rampe dell'autostrada e tangenziali un po cattivi, si sente una mancanza nello sterzo. nulla che non si possa imparare a domare e a sentire, ma è una sensazione non bellissima. poi, che la gomma dietro si riesca cmq a tornirla tutta, senza lasciare i bordi nuovi da "sfigato", è fattibilissimo. sul motore, è una bella bestiolina da 96 o 98 cv, non ricordo, che sopra gli 8000-9000 spinge di bestia. in prima penna di gas, e non sono un fuscello. tuttavia, ha dei buchi sotto che sono tipici dei 4 cilindri. in città non te ne accorgi nemmeno. ma la realtà è che hai un motore che spacca a scannarlo ma un telaio che te lo godi nel misto lento. ecco perché sono in cerca di un'altra moto, ora che ne ho fatta esperienza. sul dipende da che devi fare... verissimo. tuttavia e parlo in generale, non solo la hornet, capisco poco le naked 4 cilindri con coppia alta. mi sembrano un ibrido non troppo funzionale. ma in fondo sono le meno brusche in città. ma allora... 98 cv hanno senso, per andare a 200 in tangenziale. ma il telaio e la ciclistica te le fanno godere appieno solo in cittò o nelle stradine di campagna. poi, oh... è la mia esperienza di una moto che ho amato, con lei ci ho finalmente preso la patente (dopo anni di foglio rosa continuamente rinnovato), con lei ci vivevo. ma ricordando altre esperienze su sportive precedenti, a partire dalla lontana replica af1125, preferisco moto che abbiano il muso ben piantato per terra e i culetto che scodella... raga, chi ha provato più moto e ha avuto la hornet la sente questa mancanza nel muso. e non toglie che la si può amare anche i suoi difettucci...
    cerash -

Per poter inserire un commento devi essere un utente registrato.
Se sei registrato, effettua il login
Oppure clicca qui per registrarti