GP del Qatar

SBK 2018. Annullata Gara2 a Losail

- Viste le condizioni della pista, che in alcuni punti era attraversata dall’acqua, i piloti della Superbike, di comune accordo con la Direzione Gara, hanno deciso di non correre
SBK 2018. Annullata Gara2 a Losail

Il nubifragio e la tempesta di sabbia che si erano abbattuti sull’autodromo di Losail nel primo pomeriggio avevano messo in serio dubbio la disputa delle due gare odierne ed hanno ovviamente sconvolto il programma della giornata.


I due warm up della Supersport e della Superbike si erano svolti regolarmente, anche se i piloti delle due classi hanno chiaramente girato con molta cautela, in quanto in alcuni punti la pista era attraversata da veri e propri corsi d’acqua.


La gara decisiva per l’assegnazione del titolo mondiale Supersport si è svolta regolarmente, nonostante qualche caduta e anche se nei punti della pista bagnati o attraversati dall’acqua, i piloti erano costretti a chiudere il gas o a raddrizzare le loro moto per non cadere. Nel frattempo però i piloti della Superbike incontravano la Direzione Gara e la maggioranza decideva di non scendere in pista. Considerate le maggiori potenze delle 1000 rispetto alle 600, la staccata della curva 1 (che si sarebbe dovuta effettuare proprio in uno dei punti maggiormente bagnati) le curve 4 e 7 e soprattutto la curva 15 (quella dove è caduto Cluzel all’ultimo giro) non garantivano la sicurezza necessaria. Da qui la decisione di annullare l’ultima gara della stagione.


Una decisione che non cambia nulla visto che da tempo in Superbike il titolo è stato assegnato a Jonathan Rea. Il secondo posto va a Chaz Davies che precede di 23 punti Michael van der Mark.

  • MAXPAYNE IT, Fusignano (RA)

    Finalmente il 2 cilindri abbandona la scena delle competizioni. Era come pretendere di vincere la seconda guerra mondiale con arco e frecce.
    Che si infurino pure i ducatisti estremi,a me il discorso di concedere maggior cubatura a un motore tecnicamente obsoleto,per LE COMPETIZIONI,ha sempre puzzato di marcio.
    E me ne sbatto delle questioni tecniche.
    La cilindrata deve essere uguale per tutti.
    Da domani sara' cosi',finalmente.
    Ma temo che il solo v4 non bastera' alla Ducati per vincere il mondiale.
    La panigale e' una delle moto piu' belle,ma a questi livelli,la bellezza non c'entra un tubo di niente,qui conta andar forte.
    E la panigale,per sua stessa concezione,a questi livelli NON VA' forte.
    Un progetto sbagliato completamente a cui ora si tenta di mettere una pezza con un v4. Spero di sbagliare ma quel solo motore non fara' la differenza sperata.
    A meno che non inizino a metterci anche un telaio vero e proprio,con relativi adeguamenti ciclistici.
    Le moto senza telaio vanno bene per fare il muraglione,non per correre il mondiale sbk.....
  • Mr70a+, Tirano (SO)

    Decisione per me sacrosanta,la sicurezza prima di tutto.Dal punto di vista sportivo mi spiace non aver assistito probabilmente all’ultima apparizione di un bicilindrico ufficiale Ducati su un palcoscenico mondiale.E’calato il sipario su un’era!!
Inserisci il tuo commento