prova scooter elettrico

Yamaha EC-03

Il futuro della mobilità oggi
- In listino a 2.490 euro, Yamaha EC-03 è uno scooter 100% elettrico immatricolabile come un classico ciclomotore. Agilità estrema e costi di esercizio assolutamente trascurabili sono il suo forte, ma l’autonomia è migliorabile
Yamaha EC-03

Yamaha EC-03


In un’epoca in cui diversi costruttori a livello mondiale muovono i primi passi nel mondo della mobilità sostenibile, la Casa di Iwata si rivela senza dubbio una delle realtà industriali che dimostra di credere maggiormente nei veicoli elettrici, proponendo già oggi sul mercato uno scooter a zero emissioni locali perfettamente immatricolabile, a un prezzo di listino di 2.490 euro: è l’EC-03, un piccolo due ruote 100% elettrico, che si colloca a metà strada tra una classica bicicletta a pedalata assistita ed uno scooter vero e proprio. Dopo la prime impressioni di guida rilevate in occasione dalla presentazione italiana, abbiamo avuto modo di testare il due ruote elettrico giapponese per due intere settimane, che ci hanno permesso di conoscere a fondo le reali potenzialità di questo prodotto senza dubbio innovativo.

 
Basta uno sguardo per capire che l’EC-03 ha qualcosa di familiare. Il piccolo scooter di Iwata infatti ha un’aria che ricorda tanto i mitici Ciao e Sì prodotti dalla Piaggio con grandissimo successo fino ad alcuni anni fa.L’idea di fondo che deve aver ispirato la mano di Hanako Jingai, la progettista giapponese che ha concepito l’EC-03, dev’essere stata analoga a quella che ha portato alla nascita dei mitici cinquantini a pedali

Telaio a vista a doppia culla in tubi tondi d’alluminio
Telaio a vista a doppia culla in tubi tondi d’alluminio

italiani: realizzare un mezzo a due ruote particolarmente agile, leggero ed economicissimo, ideale per i brevi spostamenti quotidiani in città. Immatricolabile allo stesso modo di un normalissimo ciclomotore ed estremamente maneggevole, anche grazie ad un peso che non supera i 56 kg, l’elettrico di Iwata si riconosce immediatamente per le dimensioni estremamente compatte e per le ruote da 12 pollici abbinate a freni a tamburo. La struttura portante dell’esile EC-03 si affida al telaio a vista a doppia culla in tubi tondi d’alluminio, dal peso di soli 6 kg: è il fiore all’occhiello del simpatico giapponesino, e si rivela molto più leggero rispetto a quello di un qualsiasi altro scooter di piccole dimensioni. Lungo 1.565 mm, alto 990 e con un passo 1.080 mm, l’elettrico Yamaha presenta una sella che dista da terra solamente 745 mm, risultando così un mezzo veramente alla portata di tutti. Visti gli ingombri decisamente compatti, il ristretto vano sottosella permette di alloggiare solamente i documenti del mezzo, ma nessun tipo di oggetto. Per assicurare zaini e borse in ogni caso è previsto un pratico gancio collocato sotto la sella stessa e, una volta scesi dall’EC-03, si può ancorare il casco all’apposito cavetto in acciaio che fuoriesce dal sottosella. In via opzionale, oltre alle raffinate frecce a LED, è disponibile anche una pratica borsa morbida da 18 litri da sistemare in mezzo alle gambe.


La strumentazione, chiara e facilmente leggibile in ogni situazione di marcia, può contare su un schermo a cristalli liquidi piacevolmente retroilluminato in verde, che oltre a indicare velocità e chilometri percorsi (parziali e totali), visualizza l’autonomia residua concessa dalla batteria. Ed è proprio questa, naturalmente, la differenza più grande rispetto al Ciao (e affini) che conosciamo tutti: per funzionare, l’EC-03 non ha bisogno né della miscela né di un serbatoio, ma semplicemente di una comunissima presa di corrente domestica, tipo Schuco. Il piccolo eco-Yamaha vive infatti grazie ad un accumulatore Sanyo da 50 V agli ioni di litio ad alta densità che alimenta un motore elettrico brushless (a magneti permanenti) di nuova generazione, incorporato nel mozzo posteriore insieme a freno e frizione: la motricità, gestita dall’acceleratore “ride by wire”, anche per motivi di spazio arriva alla ruota tramite ingranaggi. Come spesso accade con i veicoli a zero emissioni locali, anche la scheda tecnica dell’EC-03 nasconde delle sorprese inaspettate: il cuore elettrico dello scooterino nipponico è infatti in grado di erogare 9,6 Nm di coppia (circa un chilogrammetro), un valore che si dimostra quasi doppio rispetto a quello reso disponibile da un tradizionale motore a scoppio da 50 cc.


Su strada


Con l’EC-03 abbiamo affrontato per alcuni giorni di fila la nostra “giornata tipo” nella caotica Milano. Oltre al tragitto casa-lavoro, immersi nel traffico urbano, abbiamo utilizzato l’elettrico di Iwata per raggiungere i luoghi di alcuni appuntamenti in orario extra-lavorativo, al fine di metterne alla prova non solo le doti dinamiche, ma soprattutto l’effettiva autonomia della sua batteria, che effettivamente è il dato fondamentale che caratterizza i veicoli di questo tipo. Alla mattina stacchiamo dalla presa il cavo necessario per la ricarica, ci mettiamo in sella e giriamo la chiave. A questo punto possiamo scegliere tra due diverse modalità d’uso, attraverso i tasti collocati sotto allo schermo a cristalli liquidi. Di default l’EC-03 si avvia in modalità Standard, che permette di viaggiare a una velocità massima di 32 km/h, risparmiando al massimo l’autonomia della batteria; selezionando la funzione Power ad alto rendimento, invece, è possibile sfruttare fino in fondo le prestazioni del motore elettrico, che consente accelerazioni più vivaci, superando con facilità (perlomeno secondo il tachimetro…) i 45 km/h legali.


La sensazione che si avverte guidando l'EC-03 è che tutto il resto sembri "passato". Stando in sella all’elettrico di Iwata sentire il rumore prodotto dai tradizionali motori termici e vedere i fumi emessi dai sistemi di scarico sembra veramente anacronistico. Veleggiare a zero emissioni senza sentire praticamente alcun rumore quando si viaggia in strade poco trafficate è una piacevolissima sensazione, contraccambiata dagli

Veleggiare a zero emissioni senza sentire praticamente alcun rumore quando si viaggia in strade poco trafficate è una piacevolissima sensazione

sguardi di ammirazione e curiosità delle persone che si incontrano lungo la strada. Se non si sfrutta la modalità più “sportiva”, occorre prestare particolare attenzione alla guida, in particolare se ci si trova invischiati nel poco rispettoso traffico tipico delle grandi città: con una velocità massima che si aggira intorno ai 30 km/h, infatti, è facile sentirsi praticamente in balia delle auto e dei mezzi più rapidi che ci circondano: un’impressione ben poco rassicurante, insomma, molto simile a quella che si può vivere in sella a una bicicletta. In questi casi, quindi, molto meglio servirsi della modalità Power, che consente di destreggiarsi alla grande tra le auto ferme in colonna, grazie anche al generoso angolo di sterzata che consente inversioni in uno spazio di soli 1,7 metri, e a freni a tamburo pronti, ben modulabili e con sufficiente mordente.


Occorre riservare una nota però ai tasti che permettono la commutazione tra le modalità Standard/Power: per azionarli è necessario staccare le mani dal manubrio perché sono collocati sul cruscottino sotto allo schermo LCD. Sarebbe sicuramente stato meglio, sia per motivi di ergonomia che di sicurezza, sistemare i tasti su un blocchetto montato direttamente sul manubrio, vicino alle frecce. La tranquillità di veleggiare a “zero emissions”, tipica di questi veicoli che non producono alcun tipo rumore che non sia il debole sibilo emesso dall’unità elettrica, viene interrotta solamente in prossimità di eventuali sconnessioni della strada, dal momento che il cavalletto sbatte fastidiosamente contro il telaio. Molto apprezzabile invece il funzionamento delle piccole sospensioni, che a dispetto delle dimensioni e della semplicità tecnica che le caratterizza, “assorbono” efficacemente anche le buche e i dossi più insidiosi.


Autonomia


Yamaha dichiara un’autonomia di circa 46 chilometri viaggiando a una velocità massima di 30 orari su strade in pianura e con in sella un pilota che non superi i 75 chili di peso. Sfruttando la modalità Power, invece, il chilometraggio non supererebbe i 22 km. Durante la nostra prova abbiamo potuto verificare che effettivamente, senza mai servirsi del tasto “Power”, è possibile percorrere una quarantina di chilometri, ma per tutti i motivi elencati prima risulta poco verosimile utilizzare in tal modo l’EC-03. Dal momento che uno degli indiscussi vantaggi di questo agilissimo veicolo è sicuramente rappresentato dalla sua estrema compattezza, il problema dell’autonomia può essere in ogni caso raggirato: al fine di sfruttare il più possibile la modalità “Power” in modo di viaggiare sempre intorno ai 40 all’ora, noi abbiamo frequentemente ricaricato la batteria appena possibile, portandoci letteralmente il mezzo in redazione in ascensore, visto che non avevamo altro modo di farlo.


La ricarica della batteria


Come abbiamo detto, ricaricare la batteria dell’EC-03 è semplicissimo. È sufficiente collegare la spina Schuco alla presa di corrente domestica da 220 volt e attendere 7 ore, tempo sicuramente non indifferente per arrivare alla carica completa. In ogni caso, per la precisione, occorre aggiungere che dopo sole due ore di ricarica la batteria consente già la metà dell’autonomia effettiva, che sale all’80% dopo altre due ore. Per rendere più efficiente il powertrain a zero emissioni locali, l’impianto elettrico

È sufficiente collegare la spina Schuco alla presa di corrente domestica da 220 volt e attendere 7 ore
È sufficiente collegare la spina Schuco alla presa di corrente domestica da 220 volt e attendere 7 ore

dell’EC-03 è dotato della tecnologia YMCS (Yamaha Mutual Communication System), un sofisticato sistema di autodiagnosi intelligente che grazie all’acceleratore elettronico permette di ottimizzare in tempo reale le prestazioni della batteria a seconda dello stile di guida contingente. La batteria, che ha un peso di 6,8 kg e che viene ancorata direttamente sui travi ascendenti del telaio, ha una durata massima dichiarata di 8 anni o 900 ricariche, che dovrebbero consentire di percorrere circa 30.000 km. È un vero peccato però che la batteria non si possa staccare in modo da poterla portare a ricaricare come se fosse una valigetta, una soluzione che amplierebbe esponenzialmente le possibilità di ricarica dell’EC-03. Nonostante quanto si potrebbe essere portati a pensare, ricordiamo infine che il piccolo ciclomotore elettrico giapponese non può assolutamente percorrere piste ciclabili e attraversare zone pedonali,dal momento che può tranquillamente superare velocità massima di 25 km/h prevista per legge per le biciclette, sia normali che a pedalata assistita


L’EC-03, in definitiva, si è dimostrato un valido mezzo elettrico con cui destreggiarsi alla grande nel traffico cittadino. Come per tutti i veicoli elettrici commercializzati fino ad ora, il suo neo è sicuramente rappresentato dall’autonomia, che si è dimostrata ridotta in modalità “Power” ad alto rendimento, l’unica che ne rende ben sfruttabile le buone potenzialità. Attualmente, quindi, visto anche il suo prezzo non contenutissimo in assenza di incentivi statali o regionali, il due ruote a zero emissioni locali di Yamaha va considerato come un mezzo attraverso cui distinguersi nel traffico metropolitano, sottolineando inequivocabile la propria sensibilità alle tematiche ambientali. Perfetto per gli spostamenti quotidiani in città, l’EC-03 presenta costi di esercizio veramente trascurabili, anche perché è completamente esente dal pagamento della tassa di circolazione, e necessità di interventi di manutenzione assolutamente irrisori. Infine la sua estrema compattezza consente di effettuare la ricarica anche direttamente in casa (o nel box) o in ufficio, aumentando esponenzialmente le possibilità di riportare la batteria in carica, e aggirando parzialmente il problema dell’autonomia.


Pregi


Maneggevolezza | Motore brillante | Costi di esercizio trascurabili


Difetti


Autonomia ridotta | Prezzo | Batteria non asportabile per la ricarica

  • mikimik

    UNA FRGATURA PAZZESCA.
    L'ho acquistato per 2.600€ e neanche farlo apposta dopo 2.600 Km non si carica più. la sostituzione della batteria costa 1.350€......... lo butterò nel rottame. Mi è costato 1€ al Km come il noleggio di un TIR!!!!!!!!!!!
  • Urbana Moto_4209336, Roma (RM)

    reset Windbike valida alternativa

    Consiglio tutti gli interessati a questo modello di scooter elettrico di prendere visione del modello che noi proponiamo,uno scooter molto simile a questo ma "udite udite" costa la metà ed ha prestazioni superiori,INOLTRE è OMOLOGATO COME BICICLETTA EPAC QUINDI NON HA BISOGNO DI TARGA CASCO E ASSICURAZIONE E SI GUIDA ANCHE SENZA PATENTE.
    potete trovare foto e dettagli sulla scheda del nostro concessionario partner www.moto.it/urbanamoto
Inserisci il tuo commento

Scheda tecnica

Yamaha EC-03 (2011- 17)
  • Informazioni generali
  • Misure
  • Motore
  • Ciclistica
  • Batteria
  • Marca Yamaha
  • Modello EC-03
  • Allestimento EC-03 (2011- 17)
  • Categoria Scooter Ruote basse
  • Inizio produzione 2011
  • Fine produzione 2017
  • Prezzo da 2.590 - franco concessionario
  • Garanzia n.d.
  • Optional n.d.
  • Lunghezza 1.565 mm
  • Larghezza 600 mm
  • Altezza 990 mm
  • Altezza minima da terra 110 mm
  • Altezza sella da terra MIN 745 mm
  • Altezza sella da terra MAX n.d.
  • Interasse 1.080 mm
  • Peso a secco 56 Kg
  • Peso in ordine di marcia 56 Kg
  • Cilindrata cc
  • Tipo motore elettrico
  • Tempi n.d.
  • Cilindri n.d.
  • Configurazione cilindri n.d.
  • Disposizione cilindri n.d.
  • Inclinazione cilindri n.d.
  • Inclinazione cilindri a V n.d.
  • Raffreddamento n.d.
  • Avviamento elettrico
  • Alimentazione n.d.
  • Alesaggio n.d.
  • Corsa n.d.
  • Frizione n.d.
  • Numero valvole n.d.
  • Distribuzione n.d.
  • Ride by Wire n.d.
  • Controllo trazione n.d.
  • Mappe motore n.d.
  • Potenza 2 cv - 1 kw - 2.550 rpm
  • Coppia 10 nm - 280 rpm
  • Emissioni Euro 3
  • Depotenziata No
  • Tipologia cambio automatico con variatore
  • Numero marce -
  • Presenza retromarcia No
  • Consumo medio VMTC n.d.
  • Capacità serbatoio carburante n.d.
  • Capacità riserva carburante n.d.
  • Trasmissione finale diretta
  • Telaio Backbone
  • Sospensione anteriore Forcella telescopica 22,2 mm
  • Escursione anteriore 50 mm
  • Sospensione posteriore Precarico molla, Tampone ad olio
  • Escursione posteriore 55 mm
  • Tipo freno anteriore tamburo
  • Misura freno anteriore 95 mm
  • Tipo freno posteriore tamburo
  • Misura freno posteriore 150 mm
  • ABS No
  • Tipo ruote integrali
  • Misura cerchio anteriore 12 pollici
  • Pneumatico anteriore 60/100-12"
  • Misura cerchio posteriore 12 pollici
  • Pneumatico posteriore 60/100-12"
  • Batteria Batteria agli ioni di litio 0,58kW
  • Capacità 50 V / 15 Ah
  • Autonomia e durata 7 ore
  • Batteria secondaria n.d.
Yamaha

Nuovo: Yamaha EC-03 (2011- 17)

Vedi tutti
Indietro Avanti

Confronta moto

Confronta la moto selezionata con quella che vuoi, sia nuova che uscita dai listini.

Ad esempio puoi confrontare la moto che desideri acquistare con quella da te posseduta in questo momento e vedere le differenze.

Confronta