prova naked

Ducati Streetfighter 848

Due cilindri più eDucati
- Prende il posto della Streetfighter 1098 (di cui resta a listino la versione S), ne conferma le prestazioni elevatissime anche in pista e si rivela più facile e intuitiva. Il DTC tiene a bada i tanti cavalli (132). Costa 12.592 euro. Guarda il video di Nico

 
Non visualizzi il filmato? Guardalo ora sul canale Moto.it di Youtube »

Il test della Ducati Streetfighter 848

Autodromo di Modena
Una moto per molti, ma non per tutti. Questo era il primo pensiero che veniva naturale associare alla Streetfighter del 2009, provata sul circuito spagnolo di Ronda. Tanto che la naked bolognese si era meritata uno strillo in homepage abbastanza eloquente: “Sfacciatamente esagerata”.
Sono passati quasi tre anni e ora siamo di nuovo in pista, questa volta sul’Autodromo di Modena (che viene inaugurato proprio dalla presentazione stampa Ducati), per provare la sua erede, la Streetfighter 848. Proposta al prezzo di 12.592 euro in tre colorazioni (gialla o nera con telaio nero, rossa con telaio rosso), arriverà nei concessionari a novembre. Esce dal listino la Streetfighter standard spinta dal motore 1098, mentre resta la versione S dotata di sospensioni Ohlins e particolari in carbonio per la quale sono confermati i 155 cavalli di potenza massima.

Il design non cambia

Il Maestro Cereghini (scusate, ma in redazione ogni tanto mi scappa di chiamarlo così)  in video vi ha detto davvero di tutto e di più sulla nuova Ducati. Prima di passare a raccontarvi come va, in pista e su strada, vi ricordo brevemente le novità della Streetfighter 848.
Lo stile è quello noto e apprezzato della versione di cilindrata maggiore. Sulla 848 debutta un nuovo colore, il giallo, la cui tonalità ricorda quella impiegata sulle Lamborghini. Niente male davvero.
Le novità sostanziali sono ovviamente altre, in primis il motore 848 derivato dalla Superbike 848, e poi il telaio che viene rivisto nella geometria dell’avantreno per rendere la guida più maneggevole e intuitiva.
 

Il telaio a traliccio in tubi di acciaio ad alta resistenza riceve importanti migliorie volte a rendere più maneggevole la guida, senza perdere in stabilità ad alta velocità
Il telaio a traliccio in tubi di acciaio ad alta resistenza riceve importanti migliorie volte a rendere più maneggevole la guida, senza perdere in stabilità ad alta velocità


Se parliamo di motore, va spiegato perché la Ducati ha scelto di equipaggiare la sua cattivissima naked con un'unità di cubatura inferiore rispetto al passato.
Ci dà la risposta Diego Sgorbati (direttore marketing Ducati): “La Streetfighter 848 risponde alla richiesta del mercato di avere una moto meno estrema. Sono tanti i motociclisti che amano lo stile della Streetfighter, ma molti di loro hanno trovato eccessive le prestazioni della Streetfighter spinta dal motore della Superbike 1098. L’attuale 848 conferma prestazioni ai vertici della categoria maxi naked, ma si rivela anche più facile e adatta a un vasto pubblico di motociclisti esperti che desiderano una moto nuda ad alte prestazioni”.

Ascolta l'intervista audio a Diego Sgorbati


Due cilindri più educati. Traliccio più maneggevole

La Streetfighter 848 è spinta dal bicilindrico a L di 849,4 cc, raffreddato a liquido e dotato della classica distribuzione desmodromica. La frizione è multidisco in bagno d’olio e serve il cambio a 6 marce. Alesaggio e corsa vantano un rapporto super quadro di 94 mm x 61,2 mm. È apprezzabile l’allungamento dell’intervallo di regolazione del gioco delle valvole, che ora tocca quota 24.000 km.
L’intervento più significativo a cui è stato sottoposto il propulsore Testastretta riguarda l’angolo di incrocio tra le valvole, che passa da 37 a 11° migliorando in modo tangibile la regolarità di funzionamento ai bassi regimi.
Si scende così da 140 a 132 cavalli a 10.000 giri, comunque un’enormità se si pensa che la Streetfighter 848 pesa a secco solo 169 kg. La coppia raggiunge il picco massimo di 9,5 kgm a 9.500 giri.
 

La nuova ergonomia presenta il manubrio più alto di 20 mm. Non male, anche se per l’uso su strada ci sarebbe piaciuto con le estremità più alte per caricare meno i polsi
La nuova ergonomia presenta il manubrio più alto di 20 mm. Non male, anche se per l’uso su strada ci sarebbe piaciuto con le estremità più alte per caricare meno i polsi


Tanta esuberanza è tenuta a bada dal controllo di trazione DTC, settabile su 8 livelli (in pista abbiamo utilizzato il livello 3, mentre su strada un più prudenziale livello 5).
Il telaio a traliccio in tubi di acciaio ad alta resistenza riceve importanti migliorie volte a rendere più maneggevole la guida, senza perdere in stabilità ad alta velocità.
L’inclinazione del cannotto di sterzo è di 24,5°, la stessa della Superbike 848 (mentre sulla Streetfighter 1098 era di 25,6°), l’avancorsa è di 103 mm. Il forcellone è fuso in alluminio ed è più lungo di 35 mm rispetto alla Superbike.




Ascolta l'intervista a Giuseppe Caprara. L'ingegnere della Ducati ci spiega le novità della nuda 848


Sospensioni regolabili e pneumatici Pirelli figli del Mondiale Supersport

Una nuda incavolata come la Streetfighter 848, che strizza l’occhio sin troppo volentieri alla pista, non poteva che vestirsi di sospensioni completamente regolabili. All’avantreno troviamo la forcella Marzocchi con steli da 43 mm di diametro, mentre dietro lavora il monoammortizzatore Sachs.
A rallentare la corsa della naked di Borgo Panigale, capace di sfiorare i 260 km/h effettivi (in pista abbiamo toccato i 196 km/h, ma c’erano ancora due rapporti da inserire!) pensano le pinze radiali Brembo a 4 pistoncini che mordono i grandi dischi da 320 mm all'avantreno. Dietro una pinza a due pistoncini serve il disco da 245mm.
I cerchi a 10 razze da 5,5 pollici al posteriore e 3,5 pollici all'anteriore calzano i nuovi pneumatici Pirelli Diablo Rosso Corsa sviluppati nel Campionato del Mondo Supersport.
Alla canonica misura 120/70-17 per l’avantreno fa da contraltare l’innovativa 180/60-17 trimescola. La spalla, maggiorata rispetto al 180/55, offre ancora più appoggio in piega alla massima inclinazione, mentre la maggiore altezza della gomma aumenta il comfort.

La prova in pista

La Streetfighter 1098 era una un bel torello scatenato, tenuto a bada dal controllo di trazione e dal sangue freddo del pilota. D’altra parte non si scappa, era pur sempre una Superbike senza carene.
Vediamo ora come si comporta nella sua veste ottoquattrootto. Il ricordo corre veloce alla Superbike da cui deriva, che ci era piaciuta nell’uso sia su strada che in pista in virtù di un sano equilibrio tra motore e ciclistica. E dalla pista, dall’Autodromo di Modena, inizia la nostra prova.
Il circuito è molto divertente, presenta un lunga serie di curve da raccordare, due rettilinei e un piccolo cavatappi che obbliga a un cambio di direzione velocissimo, che se solo ritardi di un istante l’azione rischi di andare a pascolare nell’erba.
La nuova ergonomia presenta il manubrio più alto di 20 mm. Non male, anche se per l’uso su strada ci sarebbe piaciuto con le estremità più alte per caricare meno i polsi. La triangolazione sella-manubrio-pedane è comunque corretta e anche chi supera il metro e ottanta si trova a proprio agio sulla maxi italiana.
La Streetfighter 848 si conferma piccolissima, un peso piuma sostenuto da una mandria di cavalli (132) che di trotto non vogliono manco sentir parlare.  

Il Testastretta 11° ha una bella regolarità di funzionamento già dai 2.500 giri/min, ma sino ai 4.000 giri non impressiona più di tanto. Dai 4 ai 6.000 inizia il divertimento, quello vero, e dopo i 6.000 lo scarico martella deciso, mentre i led rossi avvisano che il DTC fa il suo lavoro
  • paglias4r, Genova (GE)

    comprata!!!

    cara tra virgolette,con la stessa cifra nel 2005 ti portavi a casa una s4r senza dtc,pinze radiali e antisaltellamento...comunque e una bella arma affilata,potente e precisa,ne sono soddisfattissimo
  • AL827914, Capalbio (GR)

    Ok

    Una bella moto....poco personale sull'anteriore la mascherina....per il resto è OK rossa ovviamente, io ho una triumph speed triple 1050 ma questa è più estrema non è altro che la 848 senza carene e i rapporti più corti
Inserisci il tuo commento

Scheda tecnica

Ducati Streetfighter 848 (2011 - 15)
  • Informazioni generali
  • Misure
  • Motore
  • Ciclistica
  • Batteria
  • Marca Ducati
  • Modello Streetfighter 848
  • Allestimento Streetfighter 848 (2011 - 15)
  • Categoria Naked
  • Inizio produzione 2011
  • Fine produzione 2015
  • Prezzo da 12.740 - franco concessionario
  • Garanzia 24 mesi chilometri illimitati
  • Optional n.d.
  • Lunghezza 2.102 mm
  • Larghezza 775 mm
  • Altezza 1.114 mm
  • Altezza minima da terra n.d.
  • Altezza sella da terra MIN 840 mm
  • Altezza sella da terra MAX n.d.
  • Interasse 1.475 mm
  • Peso a secco 169 Kg
  • Peso in ordine di marcia 199 Kg
  • Cilindrata 849 cc
  • Tipo motore termico
  • Tempi 4
  • Cilindri 2
  • Configurazione cilindri a V
  • Disposizione cilindri longitudinale
  • Inclinazione cilindri n.d.
  • Inclinazione cilindri a V 90
  • Raffreddamento a liquido
  • Avviamento elettrico
  • Alimentazione iniezione
  • Alesaggio 94 mm
  • Corsa 61,2 mm
  • Frizione multidisco
  • Numero valvole 4
  • Distribuzione desmodromica
  • Ride by Wire
  • Controllo trazione
  • Mappe motore n.d.
  • Potenza 132 cv - 97 kw - 10.000 rpm
  • Coppia 10 kgm - 94 nm - 9.500 rpm
  • Emissioni Euro 3
  • Depotenziata No
  • Tipologia cambio meccanico
  • Numero marce 6
  • Presenza retromarcia No
  • Consumo medio VMTC n.d.
  • Capacità serbatoio carburante 16,5 lt
  • Capacità riserva carburante n.d.
  • Trasmissione finale catena
  • Telaio Traliccio in tubi di acciaio ALS 450
  • Sospensione anteriore Forcella Marzocchi a steli rovesciati da 43 mm completamente regolabile
  • Escursione anteriore 127 mm
  • Sospensione posteriore Progressiva con monoammortizzatore completamente regolabile, con contromolla. Forcellone monobraccio in alluminio
  • Escursione posteriore 127 mm
  • Tipo freno anteriore doppio disco
  • Misura freno anteriore 320 mm
  • Tipo freno posteriore disco
  • Misura freno posteriore 245 mm
  • ABS No
  • Tipo ruote integrali
  • Misura cerchio anteriore 17 pollici
  • Pneumatico anteriore 120/70 ZR 17
  • Misura cerchio posteriore 17 pollici
  • Pneumatico posteriore 180/60 ZR17
  • Batteria n.d.
  • Capacità n.d.
  • Autonomia e durata n.d.
  • Batteria secondaria n.d.
Ducati

Confronta moto

Confronta la moto selezionata con quella che vuoi, sia nuova che uscita dai listini.

Ad esempio puoi confrontare la moto che desideri acquistare con quella da te posseduta in questo momento e vedere le differenze.

Confronta