BMW R18 Classic: piacere condiviso

  • Voto di Moto.it 8 / 10
Francesco Paolillo
La R18 diventa Classic e con la sella passeggero, borse e parabrezza, diventa perfetta per la condivisione. Prezzo a partire da 25.500 Euro
18 luglio 2021

La Gamma Heritage di BMW si è arricchita con la versione "Classic" della opulenta R18, la cruiser tedesca che ha fatto parlare di se non solo negli ambienti degli appassionati di questo genere di moto, ma anche tra i non "addetti ai lavori". 
Moto esagerata in tutto, adesso è perfetta anche per condividere il suo essere fuori dagli schemi con un passeggero, visto che rispetto alla First Edition la "Classic" può contare su una confortevole sella biposto di serie, oltre ad avere una coppia di borse ed un parabrezza che ne esaltano le caratteristiche da vera Cruiser. Inoltre questa versione è dotata di serie di una coppia di fari a LED, di un comodo Cruise Control, ma soprattutto di un cerchio anteriore da 16 pollici, che oltre a cambiarne l'aspetto estetico, la differenzia anche dal punto di vista della guida, ma questo lo vedremo dopo.
Come per la sorella First Edition, anche la Classic può essere personalizzata senza limiti. Le possibilità di customizzazione della R18 Classic  sono praticamente infinite, attingendo al listino di accessori "ufficiali", e ancor di più scorrendo quelli messi a disposizione nella gamma Option 719, che permette una personalizzazione dalla prima all'ultima vite!
 

Motore

Il possente bicilindrico bialbero boxer da 1.802 cc è il vero protagonista della storia R18, quattro valvole per cilindro (41,2mm all'aspirazione, 35 allo scarico), comando ad aste e bilancieri, doppia accensione per cilindro, raffreddamento aria/olio, anche su questa versione Classic conferma i numeri impressionanti della First Edition, quindi ai 91 cavalli di potenza massima, che non fanno gridare al miracolo, fanno urlare i ben 158 Newton/metro a 3.000 giri (ce ne sono sempre più di 150 dai 2 ai 4.000 giri!). 110 kg il peso del Boxer, che fa della regolarità di rotazione uno dei suoi punti di forza, grazie a un volano generosamente dimensionato e ad un albero motore forgiato, dotato di un terzo cuscinetto di banco al centro per prevenire deformazioni e vibrazioni.  
La trasmissione prevede un cambio a sei rapporti (con retromarcia, optional), con frizione monodisco a secco, e per la prima volta nella storia di BMW dotata di funzione antisaltellamento. Semplicemente spettacolare il cardano a vista!

Ciclistica e freni

La ciclistica impiega un telaio in acciaio a doppia culla, che sembra rigido (hardtail), ma che nasconde una sospensione posteriore dotata di un ammortizzatore centrale con articolazione cantilever progressiva (con escursione di 90 mm), mentre la forcella tradizionale ha steli da 49 mm ed escursione di 120 mm.
I cerchi sono entrambi da 16 pollici, gommati rispettivamente con un 180/65 e un 130/90.
L'impianto frenante conta su una terna di dischi da 300 mm lavorati da tre pinze a quattro pistoncini, gestite dall'ABS qui in versione Integral: la leva a manubrio aziona tutti e tre i dischi con ripartizione dinamica della potenza frenante, mentre azionando il pedale si agisce solo sul disco posteriore.
 

Peso in ordine di marcia 365 kg
Potenza 91 cv
Coppia 158 Nm
Altezza sella 710 mm

Elettronica

La strumentazione a LED, con un solo elemento analogico visualizza i dati su un piccolo display e attraverso questo mostra i Riding Mode, che sono tre, Rock - Roll - Rain. I primi  due garantiscono piena potenza e coppia, differendo solo nella risposta del gas, mentre il terzo taglia coppia e cavalli, per garantire il massimo della guidabilità su fondi a bassa aderenza. Non manca il controllo di trazione regolabile ASC, oltre al controllo della coppia di trascinamento del motore (MSR), che impedisce i bloccaggi in scalata della ruota posteriore.
La gestione elettronica si estende anche all'illuminazione, con il faro anteriore LED dotato di luci adattive (optional) integrate al suo interno, che si attivano a velocità superiori ai 10 km/h e ad angoli di piega più pronunciati di 7°.
 

Come va

Imponente, mette in soggezione anche solo a guardarla, e il peso in ordine di marcia mette ancor più in apprensione, poi ci sali, ti siedi sulla comodissima sella, agguanti il manubrio, e accendi quella bestia di Boxer che sporge prepotentemente davanti alle gambe. Vieni scosso per benino prima che i due pistoni inizino a pompare con regolarità, ma la paura passa alla svelta. Dentro la prima, non proprio silenziosamente bisogna dire, e tutto si fa più facile e soprattutto piacevole.

La coppia mostruosa, unita alla progressione del Boxer, spostano la massa non indifferente della "Classic" con eleganza e disinvoltura, fatta l'abitudine alle dimensioni e ad un minimo di inerzia si viaggia che è uno spettacolo. Il sottofondo del Boxer, è quasi fin troppo educato, diversamente quando si prende in mano il gas si fa sentire, con una bella voce allo scarico e con delle vibrazioni, volute dai tecnici BMW, che rendono "vivo" e verace il bicilindrico. Il cambio è ben spaziato e ha il solo difetto veniale di essere leggermente rumoroso, per il resto si comporta bene, così come la frizione e soprattutto il cardano, che oltre ad essere bello da vedere, risponde sempre in maniera dolce. 
Luce a terra, qb quanto basta, per disimpegnarsi in ogni situazione. Le splendide strade della Baviera scelta dagli uomini BMW per l'Heritage Ride 2021, non hanno fatto sconti, e le splendide montagne tedesche hanno messo a dura prova le moto della gamma Heritage, e soprattutto le R18 Classic. Tornanti in discesa e salita, curve in sequenza, niente ha messo in difficoltà la nostra R18, anche quando a pochi chilometri dall'arrivo in albergo abbiamo preso un bel temporale estivo, che ha reso insidiosa la nostra discesa a valle. 

Selezionato il riding mode "Rain" e via senza paura! 
Il cerchio da sedici anteriore ci mette del suo sicuramente e rende la guida della Classic più facile e intuitiva nei confronti della diciannove, soprattutto alle bassissime andature.
La frenata, che su asciutto ha dimostrato di essere potente e instancabile anche dopo parecchi chilometri percorsi in discesa (particolare non proprio scontato vista la massa da gestire), sul bagnato ha dimostrato doti di modulabilità a prova di sbaglio, e nel caso ci si può affidare totalmente all'ABS!
La notizia buona è che anche i bagagli sono arrivati asciutti, quindi le borse oltre che belle, proteggono pure (e nel caso ci sono delle comode sacche interne che fanno da barriera ulteriore), e inoltre la buona protezione del parabrezza riguarda sia l'aria sia l'acqua!
La R18 Classic stupisce per il suo essere esagerata in tutto, ma non è una moto adatta a tutti, e neanche pretende di esserlo. Peso e dimensioni richiedono accortezza ed esperienza, ma le prestazioni del suo magnifico motore e soprattutto la sua immagine la rendono davvero unica e desiderabile.

Pro e Contro

Pro

  • Finiture |Guidabilità | Prestazioni motore

Contro

  • Peso da ferma

Maggiori info

Moto: BMW R18 Classic

Meteo: Sole 25°

Luogo: Baviera (Germania)

Terreno: extraurbano - montagna

Foto: Markus  Jahn (markus-jahn.com)

Caricamento commenti...
Bmw R 18 Classic (2021 - 22)
Bmw

Bmw
Via dell'Unione Europea, 1
200097 San Donato Milanese (MI) - Italia
02 51883200
info@bmw.it
https://www.bmw-motorrad.it/

  • Prezzo 23.550 €
  • Cilindrata 1.802 cc
  • Potenza 91 cv
  • Peso 345 kg
  • Sella 710 mm
  • Serbatoio 16 lt
Bmw

Bmw
Via dell'Unione Europea, 1
200097 San Donato Milanese (MI) - Italia
02 51883200
info@bmw.it
https://www.bmw-motorrad.it/

Scheda tecnica Bmw R 18 Classic (2021 - 22)

Cilindrata
1.802 cc
Cilindri
2 contrapposti
Categoria
Naked
Potenza
91 cv 67 kw 4.750 rpm
Peso
345 kg
Sella
710 mm
Pneumatico anteriore
130/90 R16"
Pneumatico posteriore
180/65 B16"
Inizio produzione
2020
tutti i dati

Maggiori info

Ultimi articoli su Bmw R 18 Classic (2021 - 22) e correlati