attualità

Ritrovata la KTM 690 Enduro R rubata in Sicilia all'influencer messicano

- Dopo 110mila chilometri in giro per il mondo, la KTM preparata da rally del giovane motociclista era stata rubata in Italia. Ora il suo viaggio può riprendere
Ritrovata la KTM 690 Enduro R rubata in Sicilia all'influencer messicano

Dopo 110mila chilometri e numerosi paesi attraversati, la moto di Bernardo Logar, un ragazzo ventunenne messicano impegnato nel giro del mondo in solitaria, era stata rubata. Rebecca, questo il nome che il ragazzo aveva dato alla moto, una KTM 690 Enduro R del 2018 equipaggiata da Rallly, con una grande carenatura di colore verde evideziatore e valigie morbide laterali era stata infatti rubata in strada

"Mi hanno rubato Rebecca! Sono a Catania, in Sicilia, Italia. Mi sono svegliato e la mia moto non c’era. Ho sporto denuncia alla polizia, per favore condividete in modo che il maggior numero di persone siano a conoscenza della sparizione della moto" queste le parole del ragazzo che, su Instragram ha lanciato l'appello agli utenti affinché possano condividere per aumentare le speranza di ritrovare la propria moto. 

Sempre al'interno del suo profilo di Instagram, il ragazzo mostrava i video ripresi da una videocamera di sorveglianza in cui si vede il momento del furto. Il misfatto è avvenuto in piena notte a Catania in via Grimaldi, dove la moto era parcheggiata in strada. 

Dopo l'amarezza del risveglio, c'è stata la mobilitazione dei motociclisti dell'Isola che hanno invitato a non acquistare i ricambi del modello, se non da rivenditori presso i quali si abbia la certezza della liceità della provenienza.

Proprio questa mobilitazione, aiutata anche dal risalto avuto sui media locali e nazionali, ha portato al recupero della moto da parte dei Carabinieri in circa 48 ore, come ha scritto lo stesso ragazzo, sempre sul proprio profilo di Instagram. Sempre sul social, poi, il ragazzo ha condiviso uno scatto della moto, accanto alla quale si vedono due Carabinieri in moto. Arriva così un inaspettato lieto fine a questa storia nonostante, segnala il ragazzo, sia stato rubato diverso materiale ma, a giudicare dalla foto, la felicità e la voglia di viaggiare, non gli sono certamente passate.

  • capogs, Scordia (CT)

    I furti avvengono ovunque. Fortunatamente la vicenda si é conclusa. Il ragazzo tuttavia mentre ha ringraziato, giustamente, i carabinieri per il ritrovamento, non ha chiesto scusa per un post di qualche giorno prima del furto, in cui pubblicava una foto di Palermo in cui la descriveva come capitale della mafia. Ovviamente non é stato punito per questo. Ingenuamente ha lasciato una moto con valigie, incustodita di notte: ingenuo.
  • Ettore.Ceresa, Montanaro (TO)

    Con se è con ma non si fa la storia, ciò che conta sono i fatti e i fatti dicono che:”La moto è stata rubata a Catania” punto.
    Questa è la triste realtà
Inserisci il tuo commento