Elettrico

Peugeot e-Vivacity da giugno nelle concessionarie a 4.100 Euro

- Presentato nella sua versione definitiva a Eicma 2011 e-Vivacity, lo scooter Peugeot 100% elettrico, arriva a partire dal prossimo mese di giugno nelle concessionarie Peugeot Scooters. Costerà 4.100 Euro
Peugeot e-Vivacity da giugno nelle concessionarie a 4.100 Euro


Moderno, facile da guidare, pratico, efficiente, possiede tutti i punti forti per sedurre coloro che intendono  concretizzare il proprio sogno di vedere la vita e la città in verde.
Con 0 emissioni di CO2, e-Vivacity offre non solo una totale assenza d’inquinamento sonoro ma anche una
fattiva tutela ambientale.

e-Vivacity costa 0,4 €/100 km e circa 16 € all’anno in energia.

La praticità è la ragione di essere degli scooter, veicoli utilitari per eccellenza. La riduzione del volume delle batterie consente di ottenere una riduzione del peso pari al 60% rispetto ai modelli della precedente generazione. In questa maniera, e riuscendo a mantenere una sagoma compatta (misura meno di 2 metri), e-Vivacity offre lo stesso volume di carico utile del suo fratellino in versione termica, cioè 35 litri. Grazie alla possibilità di alloggiare due caschi nei suoi 2 vani (uno sotto la sella e l’altro nello scudo anteriore) e trasportare oggetti sulla pedana piatta, la capacità di carico utile di e-Vivacity è un altro punto a suo favore.


La scelta di SAFT, leader mondiale delle batterie alta tecnologia, costituisce un impegno di sicurezza. Le batterie agli ioni di Litio che equipaggiano e-Vivacity sono garantite 4 anni o 40.000 km. Sono in grado di reggere fino a 1000 cicli completi o parziali di carica o scarica, senza compromettere la durata di vita della batteria.
Oltre la garanzia riguardante le batterie, e-Vivacity propone una garanzia totale di 2 anni, inclusi pezzi e manodopera.

E-Vivacity sarà disponibile in concessionaria nella sola versione con due caricatori on board al prezzo di €  4.100,00 franco concessionario, è sarà disponibile in due colori: Bianco Perlato e Blu Midnight.

 

  • Utente_qualsiasi, Faenza (RA)

    Inutilità...

    ... costa 4100 Euro con prestazioni da 50cc a quattro tempi usato tranquillo. Il medesimo modello a 4T ha un prezzo di 2000 Euro. Supponiamo di andare tranquilli come con il propulsore elettrico e fare quindi almeno (io farei ancora meglio, visto che faccio i 26Km/l con un DRZ400SM) 30Km/l.

    Supponiamo di fare 10.000Km, che in realtà quasi nessuno farebbe con lo scooter elettrico. Supponiamo il costo della benzina a 1.8 Euro al litro (anche se adesso costa meno).

    La spesa è di 600 Euro in 10.000Km (in genere non ci vuole un anno... ma due o tre).

    La spesa equivalente con l'elettrico per 10.000Km sono 40 Euro.

    Lo scooter 50cc a 4T costa pochissimo di manutenzione (se trattato bene), quindi possiamo pensare che la medesima costi uguale o meno che cambiare tutte le (costosissime) batterie dell'E-Vivacity ogni 5 anni.

    La differenza in 10.000Km oppure un anno è di 560 Euro.

    Questo vuol dire che servono praticamente 40.000Km (variabili tra 4 e 12 anni a seconda della percorrenza annua) per farci una PATTA !

    La differenza è che lo scooter 50cc tra 10 anni o 50.000Km funzionerà ancora, se tenuto bene... mentre le batterie dell'elettrico saranno SICURAMENTE andate al creatore e costeranno quasi come lo scooter nuovo.

    Aggiungiamo che il rendimento del motore elettrico è buono, ma la creazione ed il trasporto dell'energia elettrica (fatta da idrocarburi principalmente) è inquinante come e più del normale motore a combustione interna a quattro tempi.

    Riassumendo.

    L'elettrico ha il vantaggio di inquinare dove vogliamo noi (la discarica delle batterie esauste, la miniera per il litio e la centrale elettrica per l'elettricità) anziché in città ed è silenzioso. Aggiungiamo la possibilità di poter girare anche con i blocchi del traffico, ma poi è finita.

    Le cose negative sono che all'atto pratico non si inquina meno (si inquina solo in posti diversi), non si spende meno, la durata delle batterie non sarà costante nel tempo e nella temperatura, quando le batterie saranno andate costerà meno buttare lo scooter, i tempi di ricarica non sono paragonabili al solo fare il pieno, la tariffa bi-oraria dell'ENEL ci costringe a fare il pieno solo di sera, si aumenta il carico di casa (occhio ad attaccare il forno o la lavatrice assieme allo scooter) e l'autonomia è pochissima.

    Fare le conclusioni sull'elettrico. Nessuno è costretto a pensarla come me, ma con gli attuali metodi di generazione dell'elettricità e la rete di distribuzione della stessa che è già critica (se tutti avessimo un mezzo elettrico collasserebbe).... non mi pare che questo metodo di propulsione sia né il futuro né meno inquinante né economicamente conveniente.

    Saluti.
  • ammiraglio, Varese (VA)

    Vogliamo la prova!!!

    Presto!!!!
Inserisci il tuo commento