Novità 2013

Ducati Multistrada 1200 2013: tutti i dettagli!

- In attesa della presentazione dinamica della prossima settimana, Ducati svela in dettaglio tutte le novità della nuova Multistrada 1200!
Ducati Multistrada 1200 2013: tutti i dettagli!

 A distanza di tre anni dalla nascita della prima 1200, Multistrada si rinnova in misura più profonda di quanto non fosse lecito attendersi. L'abbiamo scovata in anteprima sull'Appennino, ve ne abbiamo parlato un po' qui quando Ducati ha rilasciato le prime informazioni, ora possiamo finalmente svelarvene tutta la sostanza nei minimi dettagli.

 

Le novità della gamma


Il model year 2013 di Multistrada amplia la gamma precedente con quattro modelli ben distinti. La 1200 standard è il modello base, con acceleratore ride-by-wire e Ducati Safety Pack, che offre al pilota il controllo di trazione DTC e il nuovo ABS Bosch 9ME. La 1200 S Touring aggiunge a quanto sopra manopole riscaldate, borse rigide e cavalletto centrale oltre alle sospensioni DSS (Ducati Skyhook Suspension).

La 1200S Granturismo alza ulteriormente la posta. Valigie maggiorate, bauletto posteriore, faretti supplementari a LED e una maggior protezione aerodinamica, oltre ad offrire il manubrio rialzato (di 20mm) alla dotazione di primo equipaggiamento degli pneumatici Pirelli Angel ST che sostituiscono i più aggressivi Scorpion Trail delle altre versioni. La 1200S Pikes Peak, infine, è sostanzialmente una versione S con livrea ispirata alla MTS vincitrice dell'edizione 2012 con Carlin Dunne, scarico Termignoni in carbonio (omologato) e cerchi Marchesini a tre razze forgiati.

 

Sospensioni innovative

Inutile girarci attorno: sono loro le star dello spettacolo. La forcella rovesciata da 48mm e il mono

Sospensioni Skyhook semi-attive sulle versioni S
Sospensioni Skyhook semi-attive sulle versioni S

 posteriore Sachs sulle versioni S (la base offre forcella Marzocchi da 50mm) offrono un controllo semi-attivo dell'idraulica, che viene regolata continuamente per garantire sempre un assetto ideale al veicolo. Sulla base delle sollecitazioni che la guida o il fondo stradale trasmettono alle sospensioni, la centralina regola di conseguenza la frenatura in compressione ed estensione, ottenendo l'assetto più adatto a quel frangente. La sensazione che ne deriva - dichiara Ducati - è quella di essere appesi al cielo con un gancio. Skyhook, appunto.

Il sistema lavora ovviamente su diversi sensori: accelerometri verticali posti sulla base di sterzo e sul telaietto posteriore comunicano dati relativi alle masse sospese, mentre ulteriori sensori localizzati sul piedino forcella e sul forcellone, forniscono input relativi alle masse non sospese. Il sistema incrocia poi tutti questi dati con quelli derivanti dalla guida, acquisiti grazie all'accelerometro longitudinale del Traction Control, ed elabora il tutto prendendo a riferimento un punto fissato al di sopra della moto. In cielo - di nuovo, Skyhook.

Ovviamente, tutto il sistema cambia nel suo livello di intervento a seconda del riding mode selezionato, orientandosi verso una maggior comodità o rigore nella guida. Le impostazioni di serie possono venire configurate dal pilota per ciascuno dei riding mode (Sport, Touring, Urban ed Enduro) e variano anche nel precarico molla a seconda del carico impostato - pilota, pilota con bagaglio, pilota con passeggero, pieno carico.

 

ABS di nuova generazione e frenata combinata

Il Ducati Safety Pack, patrimonio della MTS1200 a partire dalla versione base, sfrutta ora il nuovo ABS Bosch 9ME, che a differenza dell'implementazione precedente varia la sua azione a seconda del Riding Mode impostato al momento, con tre possibilità di intervento. Il livello 2 assicura l'equilibrio tra anteriore e posteriore senza rilevamento del sollevamento della ruota posteriore per la guida in modalità Sport, il livello 3 consente l'ottimizzazione dell'azione frenante combinata nella modalità Touring e Urban con rilevamento del sollevamento della ruota posteriore per la massima sicurezza.

L'ABS varia il proprio intervento per la guida sportiva
L'ABS varia il proprio intervento per la guida sportiva

Il livello 1, infine, offre le massime prestazioni per l'uso off-road, eliminando il rilevamento del sollevamento del posteriore e consentendone la deriva in frenata con applicazione dell'ABS al solo anteriore per una durata preimpostata in secondi.

Il sistema di frenata combinata tra l’anteriore e il posteriore incrementa la stabilità utilizzando quattro rilevatori di pressione, uno nella pompa radiale anteriore, uno in quella posteriore, uno sul circuito della pinza anteriore e uno su quello posteriore, per ottimizzare la frenata posteriore in funzione di quella anteriore.

 

Testastretta 11° DS: arriva la doppia accensione

Il Testastretta 11°, che aveva debuttato proprio sul primo modello sulla Multistrada 1200, si evolve ulteriormente con una serie di aggiornamenti che danno come risultato un'erogazione più regolare ed un valore di coppia superiore (+0,6kgm) grazie a diversi accorgimenti. Gli iniettori sono stati riposizionati per dirigere il loro getto verso il dorso della valvola d'aspirazione che, con la sua maggior temperatura rispetto alla parete del condotto, favorisce la nebulizzazione della carica fresca in ingresso. In camera di scoppio, invece, una nuova doppia accensione (DS, Dual Spark appunto) velocizza ed ottimizza la combustione. Risultato: miglior rendimento e minori emissioni.

Restando in argomento, quest'ultima versione del Testastretta 11° (il valore indica l'incrocio delle valvole, ridotto rispetto ai 41° che caratterizzava la declinazione sportiva del propulsore 1198) è dotata di un sistema di iniezione aria secondaria simile a quello impiegato sulla Panigale, che lascia entrare attraverso una valvola monodirezionale aria fresca prelevata dall'airbox sul condotto di scarico. Anche qui, migliora il rendimento e calano idrocarburi e monossido di carbonio.

Invariata la potenza massima - 150cv - e la trasmissione con frizione antisaltellamento in bagno d'olio, così come gli intervalli di manutenzione extralunghi. A suo tempo, fu proprio la Multistrada 1200 ad allungare a 24.000km la pausa fra un intervento e l'altro di registrazione valvole del sistema desmodromico.

 

Riding Mode e ponte di comando

Anche qui non cambia quasi nulla: Sport, Touring, Urban ed Enduro non mutano la loro personalità rispetto alla precedente 1200, pur aggiungendo l'ABS all'equazione. L'intervento del sistema antibloccaggio è ovviamente più prudenziale nella modalità Urban per diventare leggermente più libera in Touring e ancora di più in Sport, fino a disattivare diverse delle sue funzionalità per la guida in fuoristrada tipica del riding mode Enduro. Allo stesso modo, il Traction Control cambia nel suo intervento così come, sulle versioni S, il comportamento delle sospensioni.

Non cambia nella sostanza nemmeno la strumentazione, che mantiene il cruscotto del modello precedente

Il nuovo frontale della MTS 1200
Il nuovo frontale della MTS 1200

 (niente pannello TFT come sulla Diavel…) pur mostrando tantissime informazioni sul display LCD a matrice di punti.

Novità invece per l'illuminazione, affidata ad un faro anabbagliante a LED che si aggiunge alle posizioni. Tecnologia LED anche per i faretti della versione Granturismo, la cui accensione è gestita da un blocchetto dedicato sul manubrio. Il parabrezza è più largo ed alto, con una nuova regolazione manuale centrale azionabile con una mano sola al posto dei due registri del modello 2012.

 

Colorazioni

Le Multistrada 1200 e 1200 S Touring sono disponibili in rosso o nella bellissima nuova colorazione cromo opaco, in elegante contrasto con il telaio grigio racing e con borse laterali cromaticamente coordinate nella versione S. La Multistrada 1200 S Pikes Peak 2013 sfoggia orgogliosamente la nuova livrea Ducati Corse, rossa con banda bianca e con telaio rosso, mentre il modello Granturismo è rifinito in un sofisticato grigio touring con telaio grigio racing. Tutti i modelli della famiglia Multistrada montano cerchi con finitura nera.

A breve potremo presentarvi la prova completa: ad inizio settimana il nostro Francesco Paolillo sarà in Spagna per toccare con mano i miglioramenti apportati alla nuova Multistrada. Seguiteci con attenzione...

 

  • alfox, camaiore (LU)

    Marco barbetta

    È si loro vincono solo i mondiali. GP
  • Paolo.Cosenza1817, Salsomaggiore Terme (PR)

    E quante storie.......troppa elettronica, troppi cavalli, consuma troppo costa troppo, non ha il cardano...non compratela......ci sono in commercio una infinità di moto per tutti i gusti...
    Trovo invece corretto il pensiero di chi anche vorrebbe una Multistrada motorizzata con l'848....piú facile e meno impegnativa da guidare e piú accessibile da un punto di vista economico.
    Anch'io sono un pò perplesso per quello che riguarda la scelta delle Sachs....sicuramente problemi di costi....per cui mi terró la mia Multistrada 1200 s con Holins..davanti e dietro...almeno per altri due anni.
Inserisci il tuo commento