fiere

Motor Bike Expo 2014. Più di 140mila visitatori alla Fiera di Verona

- Superata la soglia dei 140.000 visitatori. "E’ un risultato ottimo nel rispetto della situazione del mercato-moto" ha commentato Francesco Agnoletto
Motor Bike Expo 2014. Più di 140mila visitatori alla Fiera di Verona


Anche l’edizione 2014 del Motor Bike Expo si chiude infatti con un bilancio ampiamente positivo: nel complesso delle tre giornate di apertura è stata superata la soglia dei 140.000 visitatori ed è Francesco Agnoletto ad analizzare il dato complessivo: «Rispetto al 2013 abbiamo registrato un sensibile aumento degli ingressi nelle giornate di venerdì e sabato e abbiamo concluso con una bellissima domenica, favorita anche dal bel tempo. E’ un risultato ottimo nel rispetto della situazione del mercato-moto».


Ettore Riello, Presidente di Veronafiere


«L’ottima qualità degli espositori e l’ulteriore incremento di visitatori, decretano il successo di Motor Bike Expo 2014, al 50% di proprietà dell’Ente ed alla sesta edizione a Verona anche in un momento nel quale l’economia italiana non dà ancora gli auspicati segnali di ripresa. Un risultato, quindi, dal doppio valore positivo».


Giovanni Mantovani,  Direttore generale di Veronafiere


«La crescita del numero dei visitatori di Motor Bike Expo assume un rilievo tanto più importante se si considera che esistono sul mercato italiano altre rassegne concorrenti nel segmento specifico delle due ruote e motore».


IL CUSTOM

Moltissimi gli eventi in programma per gli amanti del custom nella giornata di domenica. La tarda mattinata è stata scandita dal Custom Chrome Europe International Series, che ha premiato tre moto per ognuna delle quattro categorie con buoni acquisto per 10.000 euro complessivi. La Jammer Old School è stata vinta dalla Bastarda Senza Gloria di Inglourious Basterds Cycles con un Bobber Flathead. La Classe RevTech Performance ha visto invece trionfare un altro italiano, il lecchese Carlo Colombo di Asso Special Bike con la sua 199RRs Carbon. La classe Modified Harley ha visto sul primo gradino del podio Kenji Nagai di Cycle Kraft con la sua Klassy 9, una custom radicale ma con motore e telaio originali Harley-Davidson, che ha dominato anche la Championship Class.

Bastarda senza gloria, realizzata da Inglorious Basterds Cycles
Bastarda senza gloria, realizzata da Inglorious Basterds Cycles


A seguire è andato in scena il Magazine Award, contest organizzato direttamente dallo staff di Motor Bike Expo che anche quest’anno ha avuto come giudici i giornalisti delle più importanti riviste di settore, che hanno eletto le loro moto preferite, premiandole con un servizio sui propri magazine. A sorpresa poi , dopo il Magazine Award, Paola Somma e Francesco Agnoletto hanno voluto consegnare personalmente due premi speciali: quello per lo stand più fantasioso è andato a Nicola Martini, mentre Maurizio e Nicola di Bike Hospital hanno festeggiato con loro i 20 anni di carriera. 


Alle 15.00 l’appuntamento clou della giornata con il bike contest di LowRide, deliziato anche dalla premiazione delle miss Motor Bike Expo, Natalia e Veronica, le quali presenzieranno al Mugello in occasione della tappa italiana del mondiale MotoGP. Prima di decretare la best in show, sono stati consegnati alcuni premi speciali a customizer non professionisti. Altri special prize sono andati a Manuela Fabbri come Lady Biker e a Giovanna Bellugi per il Best Paint. La categoria Scrambler & Racer ha visto la vittoria di Inglourious Basterds Cycles con Madiba, la H-D Modified è andata al Fat Boy di Motoracing Roddolo, mentre la Bagger è stata appannaggio del Road King di Gallery Motorcycles. La Top20, classifica che premia le venti migliori moto dell’evento senza distinzioni di categoria, ha visto invece trionfare la Crazy Wolf realizzata da MS Artrix. Best in show ancora una volta la Klassy 9 di Cycle Kraft, a opera di Kenji Nagai.

Best in Show 2014 è la Klassy 9 di Cycle Kraft
Best in Show 2014 è la Klassy 9 di Cycle Kraft


GLI OSPITI

La giornata conclusiva del Motor Bike Expo 2014 è stata caratterizzata dalla presenza di tante stelle sia del mondo dello sport sia dell’universo custom. Per il team Gresini Racing, puntuali all’appuntamento, si sono presentati, accompagnati dallo sponsor Barracuda, il non ancora diciottenne romagnolo Niccolò Antonelli, già campione italiano della 125 e un altro diciassettenne, il marchigiano Lorenzo Baldassarri che, dopo un anno di Moto3 mondiale, in cui è stato penalizzato dalla sua complessione fisica, è pronto al debutto nella Moto2 con la Suter. 

Alex De Angelis è ormai un amico del Motor Bike Expo e non è mancato dunque all’edizione 2014. «Il mio obiettivo è stare nel primi tre per progettare il ritorno in MotoGP» ha affermato De Angelis.


Oltre a Giancarlo Falappa, si sono avvicendati al tabellone degli autografi Marco Lucchinelli, che ha illustrato le caratteristiche della sua nuova scuola di pilotaggio in pista, e Lucio Cecchinello. A portare una ventata di motociclismo eroico (e talvolta anche anacronistico) è stato Conor Cummins, ventottenne pilota nativo di Douglas, ovvero dell’Isola di Man, luogo che evoca le epiche sfide del TT.  Gli incontri con i rappresentanti del mondo custom sono stati innumerevoli: tra i tanti da citare Cory e Zach Ness, Mark Wilsmore dell’Ace Cafe di Londra e il customizzatore taiwanese Winston Yeh, titolare del marchio Rough Craft, per la prima volta a Verona ed entusiasta della manifestazione.
 

Marco Lucchinelli
Marco Lucchinelli

Anche Michael Lichter, il guru della fotografia custom, per la prima volta al Motor Bike Expo, ha espresso
ammirazione per il valore della manifestazione: «Amo la fotografia e amo la moto ma amo soprattutto fotografare le persone che amano la moto. E non ci sono al mondo persone che amano le moto e la vita come gli italiani».
 

ALTRI EVENTI DELLA DOMENICA

La giornata di chiusura è stata indubbiamente incentrata sul custom, ma non sono mancate anche premiazioni e presentazioni delle attività racing di team e organizzatori. In particolare il Moto Club Ducale di Parma, in un clima estremamente festoso che ha coinvolto i tanti piloti presenti, ha premiato i vincitori dei Trofei Motoestate 2013, dando appuntamento alla prossima edizione, nella quale non mancheranno le novità.


Esperienza molto positiva anche quella dell’associazione Donneinsella che nei tre giorni dell’expo ha tenuto dei mini corsi di guida al femminile ai quali hanno partecipato oltre 200 donne. «Un successo veramente straordinario andato ben oltre le previsioni» , ha detto la portavoce dell’associazione Laura Cola. In occasione della giornata di chiusura della fiera, alcune veterane dei corsi si sono ritrovate per un brindisi augurale, tra queste la pilotessa Alessia Falzoni che nel 2014 disputerà il National Trophy, nella classe Stock 600, con il team Zack Motorsport.

Donneinsella
Donneinsella


MISS MOTOR BIKE EXPO

Come ogni grande expo che si rispetti anche la rassegna scaligera ha eletto la sua miss. La vincitrice del concorso Motor Bike Expo 2014 è la diciannovenne Natalia Karagjoz, di origine russa ma residente in provincia di Verona, a Nogara, che si è imposta sulla ventitrenne ceka Veronica Thieko. Il concorso è stato organizzato da Alex Design per festeggiare i 25 anni di attività in pista e le due miss rappresenteranno il Motor Bike Expo al prossimo Gran Premio del Mugello. 
 

  • fabio563, Goito (MN)

    parecchio costosa

    Parere personale: troppo costoso andare a questa fiera, 16 euro sono un esagerazione.
    Mi sono recato l'altro anno e non è che mi sia piaciuta più di tanto, quindi se devo fare io il prezzo del biglietto, 10 euro bastano e avanzano, considerando che bisogna aggiungere il costo del parcheggio, il costo del panino e bibita, qualche stupidata che acquisti e la benzina per arrivarci, 50 euro spariscono.
    Purtroppo non sono tempi di vacche grasse (per molti) e un prezzo inferiore avrebbe attirato più gente.
    Bye
  • woland9468, Modena (MO)

    claudio.sil hai ragione a metà...

    se dici che "Questo è un grande moto raduno"...allora non ha senso chiamarlo Motor Bike Expo 2014....chiamiamolo megaraduno al coperto per HARLEY-DAVIDSON, CAFè RACER e SPECIAL....in quanto alla mancanza di DUCATI non ho parole...
Inserisci il tuo commento