Intervista sul design

Lo stile delle moto di domani. Secondo Galluzzi, Lambri e Domenicali

- Che forma avranno le moto di domani? Nico Cereghini lo ha chiesto a Miguel Galluzzi, che da tempo lavora a questo tema, a Marco Lambri, responsabile stile del Gruppo Piaggio, e a Claudio Domenicali, che per la Monster ha coinvolto Walter Da Silva
  • Pellegrino2206, Verona (VR)

    Io sono un giovane...

    …ed ho una visione della moto ispirata al turismo. Sono alto 1,85, quindi per me la moto ideale ha la sella alta, comoda ed ampia per farci stare comodo il passeggero. Deve avere una ottima ciclistica e dei buoni freni. Il manubrio dev'essere alto, cioè impostato come le enduro stradali, per farmi ottenere una postura rilassata e poco faticosa, cioè non troppo caricata in avanti, né troppo seduta. La mia moto deve essere più leggera possibile, con la sella alta ma con il baricentro basso. Ottima l'intuizione del serbatoio sotto la sella come nelle F 800gs e nella honda nc700x. Geniale il vano al posto del serbatoio introdotto dalla nc700x. Il motore deve essere potente il giusto (80 cv per 190-200kg), bicilindrico e con tanta coppia in basso ed ai medi regimi. La trasmissione la vorrei cardanica, ma se serve a contenere i costi vanno bene anche la catena o la cinghia(perché nessuna casa ha raccolto l'idea proposta da bmw con la f800st?). Poiché è una moto che deve poter viaggiare, deve proteggere molto bene dalle intemperie. Qui i designers dovrebbero spaccarsi bene la testa. La moto deve essere semplice e razionale nella meccanica (ottimo il lavoro fatto con la nc700x), avere una manutenzione ridotta e consumare poco, senza però uccidere le prestazioni. Geniale il progetto honda nc700x, il cui motore si esprime al meglio solo con il cambio dct. Cosa le manca allora per essere perfetta? 30 cavalli in più o 20 kg in meno. Brava Honda che ha capito e ci ha provato per prima. Sotto questo specifico profilo, tutte le case italiane sono sorde, senza eccezioni. Tutte troppo concentrate sullo stile e sulle prestazioni(Aprilia, Ducati e MV), oppure sedute sugli allori del passato(Moto Guzzi).

    Comunque a parte questo, cosa trattiene un giovane come me dal comprare la honda in questione? I soldi che mancano e la presenza di alternative di grande semplicità e chiarezza di concetto, magari prossime a diventare storiche, che con 3.500-4.000€ si portano a casa, e con massimo 500-1.000€ di manutenzione straordinaria si portano a casa. Su questo Galluzzi ha proprio ragione, ma non dipende solo da semplicità costruttiva e chiarezza di concetto, dipende anche dalle nostre tasche! E purtroppo oggi la moto è un lusso.

    Case produttrici: fate moto concrete, da vivere! Dovete impegnarvi di più sui segmenti medi sacrificando se necessario i segmenti alti! Voglio vedere delle alternative ITALIANE a Vstrom 650, f800gs, honda nc 700x, triumph tiger 800 XC! Moto guzzi, sveglia (mettete il motore della bellagio su un bel telaio da enduro stradale)! Ducati, voglio qualcosa di più protettivo e comodo della hyperstrada, ma che non costi come un multistrada! KTM brava, una delle case più vive, ma voglio il motore della duke 690 su un telaio adv! Honda, bene così ma migliorami la nc700x e rifammi il transalp e la africa twin come dio comanda!!! Triumph, dai che ci sei ma abbassa il prezzo della tiger 800 !!! Forza! BMW ti prego rifammi la r80 gs!!! Yamaha, mettimi il motore della MT-09 su una enduro!!!!

    Voglio una moto che mi faccia venir voglia di usarla tutti i giorni per andare al lavoro e anche per andare a vedere cosa c'è oltre la siepe nei week end.
  • Andrea.Turconi, Rho (MI)

    Il discorso di Galluzzi che in America

    I motociclisti si comprano le moto dei 80 -90 e le "sistemano" è una cosa che sta accadendo anche qua, io personalmente volevo prendere un GSXR 1100 o un CBR 900 Fireblade 1° serie, perchè lo reputo quasi uno spreco tutta quell' elettronica per limare un sec. in pista, ma io odio lo stress del setting a me piace sistemare un po sospensioni e pressione delle gomme e dare gas ........ anzi solo dare gas ........

    Per la questione sicurezza, li spenderei un po' di soldini per la tuta con air bags, penso che converrebbe investire su questi sistemi piu' che sull' elettronica .......... la moto è la moto ed è il cervello (polso) il miglior sistema di sicurezza.
Inserisci il tuo commento