Sondaggio

La novità più importante degli ultimi 20 anni? La Yamaha R1 del 1998

- E' questo il risultato del sondaggio finale sulla novità moto più significativa dal 1997, anno di nascita di Moto.it, al 2017. I nostri lettori hanno premiato la Yamaha R1 del 1998, davanti a un'altra pietra miliare dello stesso anno: la MV F4 750 Serie Oro
La novità più importante degli ultimi 20 anni? La Yamaha R1 del 1998

Come sapete, Moto.it ha compiuto l'anno scorso i suoi primi vent'anni di vita online. A questo link potete trovare gli articoli, i video e le interviste appositamente creati per questa ricorrenza.
Per quanto riguarda le novità motociclistiche più significative fra quelle in vendita a partire dal 1997, primo anno di vita di Moto.it, al 2017, abbiamo proposto a una serie di sondaggi rivolti ai frequentatori del sito.
Questi venti anni sono stati suddivisi in quattro periodi, nel primo sondaggio (dal 1997 al 2001) ha prevalso la Yamaha YZF-R1, con il 32,5% delle preferenze, al secondo posto si è piazzata la MV Agusta F4 Serie Oro (28,54%) e al terzo la Triumph Speed Triple T509 (6,97%).
Il periodo 2002-2006 ha visto prevalere la Ducati Multistrada (22,5%) davanti all'Aprilia SXV 450-550 (16,05%) e alla Honda CBR 600RR (12,51%). La preferita del periodo 2007-2011 è stata l'Aprilia RSV4 Factory (30,33%), davanti alla BMW S1000RR (18,59%) e alla Ducati Desmosedici RR (16,69%). Infine, la più votata dell'ultimo periodo (2012-2017): la Ducati 1199 Panigale S (20,98%), seconda la Honda Africa Twin (17,85%) e terza la Kawasaki Ninja H2.
In fondo alla pagina trovate tutte le classifiche precedenti.

Nel sondaggio finale abbiamo incluso le prime tre novità classificate di ogni periodo. Una lista di dodici modelli, con una forte prevalenza di moto iper sportive, che nelle motivazioni della nostra selezione iniziale hanno sintetizzato bene i contenuti di innovazione, tecnica, estetica, oppure che sono state anticipatrici di tendenze.

I vostri voti hanno premiato percentualmente due moto su tutte: Yamaha R1 ed MV Agusta F4 750, entrambe super sportive, belle e innovative, entrambe arrivate nel 1998 e che hanno dato il via a delle serie di modelli arrivate fino ai nostri giorni. Al terzo posto, la prima Ducati Multistrada del 2003, un'altra moto che aperto un filone che prosegue tutt'ora. Un podio composto da modelli che hanno lasciato il segno.

Questa la classifica finale:

1° posto: Yamaha YZF 1000 R1, 1998  (con il 26,78% dei voti)

 

2° posto: MV Agusta F4 750, 1998 (16.18%)

 

3° posto: Ducati Multistrada 1000 DS, 2003 (10.38%)

 

4° posto: Aprilia RSV4 Factory,  2009 (9.66%)

 

5° posto: Ducati 1199 Panigale S, 2012 (8.50%)

 

6° posto: Kawasaki Ninja H2, 2015 (5.74%)

 

7° posto: Ducati Desmosedici RR, 2007 (4.69%)

 

8° posto Honda Africa Twin, 2016 (4.64%)

 

9° posto: Triumph Speed Triple T509, 1997 (4.53%)

 

10° posto: BMW S 1000RR, 2009 (3.42%)

 

11° posto: Aprilia SXV 450/550, 2006 (2.81%)

 

12° posto: Honda CBR 600 RR, 2003 (2.70%)

 

Nota: I sondaggi online di Moto.it non hanno valore statistico. Si tratta di sondaggi aperti a tutti, non basati su un campione elaborato scientificamente. Hanno perciò lo scopo di consentire ai lettori di Moto.it di esprimere la propria opinione su argomenti legati all'attualità

 

  • woodstock01, Genova (GE)

    perchè si fa iniziare l'epoca delle scarenate dal monster?
    a metà anni Ottanta c'era la mitica NS, seguita dalla sorella NSR.
    la mito uscì nuda, la carena arrivò solo dopo.
    per carità, altro target rispetto al monster, lo so da me, ma le sportive senza carena c'erano già.
  • Giulio211R, Bassano del Grappa (VI)

    La moto migliore è quella che ci ha fatto innamorare, quella a cui con tenerezza dai del tu, quella che ci metti tempo a capire, che ci fa star svegli la notte prima della pista per capire se è tutto a posto, quella che ci guarda con gli occhioni quando le diamo una coccola alla sera.
    Per me è e sarà sempre la mia moto...non la cambierò mai...magari un'altra la aggiungo per un utilizzo diverso, o per puro piacere....o magari no.
    Ma lei è la Mia.
    La più innovativa non la riesco a votare, a pensare, la tecnica è frutto del tempo...il cuore no.

    Quindi capisco perchè la mia piace a me, e ad un'altra persona piace la propria....DEVE essere così.

    Altrimenti ogni anno la dovremmo cambiare.

    Giulio
Inserisci il tuo commento