Mercato indiano

Video: Hero Hastur 620 Concept

- La partnership fra la Casa indiana ed Erik Buell Racing sforna un altro modello - una concept di media cilindrata che punta dritta ai mercati occidentali


 Hero sembra proprio lavorare senza tregua: dopo la HXR250R che vi abbiamo presentato qualche giorno fa stavolta è il turno di una concept - non troppo lontana dalla produzione di serie, se volete la nostra opinione - di ben altro spessore: una bicilindrica parallela da 620 cc che dovrebbe erogare un'ottantina di cavalli a fronte di un peso in ordine di marcia di soli 160kg. Numeri piuttosto interessanti.

 

La sua destinazione primaria è evidentemente il mercato interno, anche se la scheda tecnica lascia intendere come si tratti di un modello appetibile anche in paesi ben più evoluti, dove potrebbe esserci addirittura più ricettività che in patria. E' facile intuire come Hero punti diretta agli Stati Uniti, dove le streetfighter stanno facendo furore e la collaborazione con Erik Buell (anche in questo caso sottolineata ma non illustrata nei dettagli specifici) può essere spesa con maggior profitto, anche e soprattutto considerando il ruolo di importatore che EBR svolgerà sul territorio statunitense.

 
La linea è palesemente ispirata ai design più aggressivi sul mercato, partendo dalla Kawasaki Z1000 ma con grandi citazioni anche per le KTM di Gerald Kiska. Attendiamo di saperne di più in merito ad un eventuale arrivo in Europa: la produzione indiana potrebbe consentire di proporla ad un prezzo a cui è impossibile dire di no.

 

  • Philip.c, Cerea (VR)

    Bellissima

    Cinese, indiana o europea, lo stile non si discute. Questa è veramente una bella moto. Ovviamente bisognerà toccarla con mano per testare la qualità, ma quella si sa ha un prezzo piuttosto elevato.
  • riccardo.frizzarin, Conselve (PD)

    MOTO BELLA MA IL DECLINO è' COLPA NOSTRA

    moto secondo me molto bella ma non dice niente di nuovo rimescola semplicemente carte già giocate da altri costruttori vedi KTM Kawa ecc... Purtroppo questi mercati emersi ( perché emergenti lo erano 10 anni fa), sono emersi grazie alla tendenza di tutti ma in particolare nostra di volere cose fighe a poco prezzo. Loro le sanno fare quindi noi ce ne stiamo col sorriso ebete per aver comprato un Suv a un prezzo "sfacciatamente basso" tanto per citare uno spot, e quelli ci prendono per il naso, comprano i nostri marchi che hanno inventato il prodotto e portato le tecnologie a livelli da urlo ma che non vendono più, e ci fanno proprio le scarpe.
    MORALE, mi tengo una scassata fiat punto di dieci anni fa e se compro una macchina nuova non prendo Dacia KIA ecc, di certo appetibili ma con una politica di mercato che alla lunga porta danni solo a noi, ma prendo un auto fatta in italia o almeno in europa ( qui pure fiat ormai è da prendere con le pinze), idem per le moto, per tagliarsi i capelli dal parrucchiere cinese, per i vestiti e tutte le cose che possiamo prendere da gente delle nostre parti... eddai..volemmose bbene!
Inserisci il tuo commento