#myeicma

EICMA 2013: Zero Motorcycles

- La casa californiana Zero Motorcycles porta all’EICMA la gamma di moto a propulsione elettrica. La gamma principale prevede su di una medesima base di telaio e powertrain lo sviluppo di due modelli, uno stradale ed uno d’ispirazione enduristica
EICMA 2013: Zero Motorcycles

La casa californiana Zero Motorcycles porta all’EICMA la propria gamma di moto a propulsione elettrica. La gamma principale prevede su di una medesima base di telaio e powertrain lo sviluppo di due modelli, uno prettamente stradale ed uno d’ispirazione enduristica. Il motore eroga 54 cavalli, con 92 Nm di coppia, che offrono una velocità massima di 153 km/h e, a seconda delle batterie installate, si va da un’autonomia media di 110 km ad una di 185 km. I tempi di ricarica variano tra le sei e le dieci ore in modalità standard, tre le tre ore e mezza e le 6 ore per quella veloce e fino a solo un’ora e 30 minuti con il caricabatterie extra rapido. I costi di ricarica variano da circa 1,80 a 3 euro.


Il modello S si propone come una classica naked sportiva. Sospensioni regolabili a steli rovesciati da 43 mm e freni con dischi a margherita all’anteriore e mono, anch’esso regolabile al posteriore, assecondano al meglio l’abbondante coppia fornita da propulsore e il peso contenuto in 166 Kg per la versione base è garanzia di divertimento nel misto. A seconda delle batterie installate esso può crescere a 181 kg o, con il “Power Tank” opzionale ed installabile anche in un secondo momento, fino a 200 kg. A corollario del modello S viene proposta anche la versione SR, dotata di un potente propulsore da 67 cavalli con l’impressionante coppia di 144 Nm, valore degno di un grosso motore endotermico . La velocità massima cresce fino a 164 Km/h ma è soprattutto l’aumento di oltre il 50% della coppia disponibile a rendere questa versione particolarmente brillante nella guida.


Il modello DS riallaccia il proprio look al mondo dell’enduro con il parafango alto all’anteriore, mentre le sospensioni guadagnano 20 mm in escursione, passando da 160 mm a 180 mm. Il canotto di sterzo vede il proprio angolo aprirsi da 24 a 26,5 gradi e le misure deli cerchi passano dai canonici 17 pollici su entrambe le ruote ad un 19 all’anteriore, mantenendo il 17 pollici al posteriore, con il relativo adeguamento delle misure dei pneumatici. Dai 110 e 140 della stradale ai 100 e 130 della DS.


La gamma Zero comprende anche il modello FX, con telaio e powertrain propri. L’estetica e le caratteristiche della FX sono di chiara ispirazione enduro, ma specialistica. Con soli 127 kg ed una struttura molto snella, la FX è in grado di destreggiarsi egregiamente in qualsiasi condizione. Con i suoi 44cv e, soprattutto, ben 95 Nm di coppia, la velocità massima è di 137 km/h. L’autonomia su ciclo combinato varia da 34 a 68 km, con tempi di ricarica tra le 4 ore e l’ora e mezza.


Per finire i prezzi. La S e la DS costano 13250 euro con batterie base e 15230 con batterie maggiorate. La SR disponibile con le sole batterie maggiorate costa 17140 euro. Per tutte il Power Tank viene offerto a 2400 euro esclusa manodopera. La FX parte da 9870 euro in configurazione standard e arriva a 12270 nella versione con maggiore autonomia.


Mario Tonazzi

  • capriase, Spino d'Adda (CR)

    Davvero splendide

    Le ho viste, sono davvero splendide. Concordo sul recupero in frenata, a mio parere d'obbligo. Non credo sia complesso installarlo, anche se ammetto di non essere un esperto: mi sembra di ricordare che gran parte dei motori elettrici sono reversibili a generatore, quindi basterebbe un minimo di elettronica di controllo ed un interruttore sui freni (tipo quello che attiva gli stop. Forse vado controcorrente ma sono un fan delle moto elettriche. Mi scuseranno i tradizionalisti...
  • Samuele.Quadri, Bologna (BO)

    @northsam

    la soluzione sarebbe un gel elettroaccumulante: vai del benzinaro e lo sostituisci con uno carico. Sarebbe una figata.
Inserisci il tuo commento