Brevetti

Ducati brevetta il cambio seamless per le sportive di serie

- Impiegati nella MotoGP, i cambi seamless (senza soluzione di continuità) mancano ancora nella produzione di serie, Honda DCT a parte. Il brevetto Ducati è per un cambio meccanico e con singola frizione, che non aumenta i pesi
Ducati brevetta il cambio seamless per le sportive di serie

Dall'applicazione nella MotoGP alla produzione di serie ci sono stati diversi travasi negli ultimi anni, le ali aerodinamiche sono soltanto l'ultimo esempio.

Una soluzione tipica dei motori MotoGP sono i cambi di tipo seamless, che consentono di variare i rapporti praticamente senza soluzione di continuità: si tratta di non perdere millesimi preziosi a ogni cambiata, ma soprattutto di non influire sull'assetto della moto percorrendo le curve lunghe.

Sui motori delle moto di serie esistono le trasmissioni con variatore continuo, inadatte a potenze ancora molto lontane dai 100 cavalli, oppure la soluzione Honda DCT con doppia frizione (una gestisce le marce dispari e l'altra quelle pari) e asservimento elettronico: una soluzione ottima per le applicazioni stradali, come ci è capitato più volte di verificare, ma che comporta un un aggravio di peso al motore.

Il fatto che in MotoGP siano vietati i comandi elettronici, e soprattutto sono vietate la due frizioni, ha imposto lo sviluppo di cambi seamless di tipo meccanico, che ogni costruttore ha interpretato a suo modo e dei quali poco si conosce.

Ducati ha però depositato di recente il brevetto di un cambio seamless destinato alla produzione di serie: non sappiamo quanto sia vicino alla versione della Desmosedici da MotoGP, ma è molto probabile che quell'esperienza si stata di grande aiuto.
Nei documenti, scovati dal collega Ben Purvis, Ducati scrive che è possibile "integrare un meccanismo di cambio seamless in un cambio tradizionale, che sia adatto alla produzione di serie come alle corse".

Da rilevare che oltre ad alcuni disegni del brevetto, sono state depositate le fotografie di un gruppo cambio reale, a conferma che il progetto è in una fase avanzata.

Il sistema prevede una sola frizione e l'albero primario del cambio in due parti (di cui la seconda, quella più vicina alla frizione, è scorrevole) e sono utilizzati cuscinetti a rulli bloccabili per trasmettere o interrompere il moto. Una parte dell'albero primario è dedicato alle marce pari e l'altra a quelle dispari, come nel DCT Honda, ma in questo caso il sistema è puramente meccanico, con meno componenti e senza aumentare l'ingombro e il peso della trasmissione.

Il selettore funziona innestando brevemente i due rapporti vicini mentre si esegue la cambiata, ovvero si innesta già il successivo rapporto ancora prima di staccare il precedente. L'operazione è possibile grazie alla diversa pressione esercitata sui rulli di scorrimento del semi albero, che li blocca o li libera (vedi qui sotto).

Può avere senso un cambio seamless su una supersportiva di serie? Probabilmente sì progredendo nella salita prestazionale che ha visto le potenze di un attuale motore mille di serie avvicinare quelle delle prime MotoGP, che vede affinare gestioni elettroniche sempre più vaste e applicare un'aerodinamica via ivia più efficiente.

Lo vedremo su una prossima Ducati? Difficile dirlo, ma a questo punto non ci stupiremmo se questo accadesse.

fonte cycleworld.com

  • patatino1226, Fosso' (VE)

    peccato non aver soldi e tempo da poter provare tutto quello che i vari costruttori propongono sulle loro moto. sarebbe bellissimo essere figlio di papà ricchissimo e saltare da una Ducati, ad una Kawasaki, ad un'Honda ad una BMW e così via...
  • quagliodromo, Telgate (BG)

    Spettacolo! Bravi!
Inserisci il tuo commento