video intervista

Davide Ciceri, "Dal settimo cielo al settimo piano". Nella vita ci vuole cuore!

- Davide Ciceri è un ragazzo di 20 anni con una forza di volontà e un sorriso che spostano le montagne. Ama il motocross. Ma a 16 anni deve fare i conti con il cancro, che colpisce la sua gamba, costringendolo all'amputazione e a dolorose cure. Ma Davide è forte, prende in mano la sua vita, ci racconta le sue giornate e affronta le cure col sorriso. E scrive un libro-capolavoro: "Dal settimo cielo al settimo piano"

Quando vi dicono che i supereroi non esistono, mentono. Ci sono, e talvolta si nascondono dietro le sembianze dei nostri amici, dei nostri fratelli, dei nostri figli o dei nostri genitori. Io ne ho conosciuto fantastico, che in confronto gli X-men sono delle mammolette. Uno che combatte con la forza e con il sorriso. Così incredibile che non potevo certo tenerlo segreto, tutto per me. Non vedo l'ora di farvelo conoscere con l'intervista video che vedete qui sopra. Sì, perché il nostro supereroe è pure buono e ha accettato di venire a trovarci in redazione. Si chiama Davide Ciceri, vive in provincia di Milano e ha 20 anni.
Davide ha scritto un libro che è una magia (Dal settimo cielo al settimo piano). Le sue parole entrano dirette nel cuore dalla porta principale e lì resteranno per tutta la vita. Sappiatelo, se decidete di leggerlo. Vi farà piangere, ridere, gridare la gioia e il dolore vissuti dal suo protagonista, che siate grandi o piccini (lo consiglio anche ai più giovani: molto meglio dello smartphone, fidatevi). Il libro racconta la vita un adolescente felice e spensierato, che va a scuola e che impazzisce per il Motocross. Che a 16 anni scopre di avere un tumore alle ossa. Passa in un lampo dal settimo cielo al settimo piano, quello del reparto pediatrico di oncologia dell'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. Ma non si arrende, non abbassa mai la testa. Lo sguardo va lontano e i gomiti sono alti, come nelle gare di Motocross. Davide soffre, affronta cure insopportabili. Ma oggi è di nuovo in moto, senza una gamba, per dare fiducia ai piccoli pazienti in cura. E a tutti noi.

Davide partecipa oggi agli eventi organizzati da Vanni Oddera e da Daboot negli ospedali, per i pazienti più giovani. Ed è senza dubbbio il testimonial più credibile, positivo ed entusiasta.

Davide coi ragazzi di una scuola
Davide coi ragazzi di una scuola

Il Progetto Giovani

Davide Ciceri ha trovato il sostegno meraviglioso di cui aveva bisogno in un progetto voluto dall'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano e promosso attivamente dall'Associazione Bianca Garavaglia. Si chiama Progetto Giovani ed è coordinato dal dottor Andrea Ferrari all’interno della Pediatria Oncologica (diretta dalla dottoressa Maura Massimino). Il Progetto si rivolge agli adolescenti malati di cancro, e mira a portare dentro il reparto (al settimo piano) la normalità e tutte le attenzioni che vanno date a ragazzi che vivono una fase delicatissima della loro crescita. Fase che viene sconvolta dalla scoperta del tumore. Il progetto spinge i giovanissimi a manifestare in libertà la loro creatività, a creare rapporti di amicizia tra di loro e coi medici, che li curano con le medicine ma anche e soprattutto con l'amore. 

E da qui è nato il desiderio di Davide di scrivere il suo libro, intitolato Dal settimo cielo al settimo piano. Dalla routine della scuola e dello sport, a quella delle cure e dei dottori. E' un libro magico, che racconta la sofferenza e le speranze di un ragazzo di 19 anni colpito dal tumore. Più forte della malattia è la speranza di guarigione e la voglia di tornare a fare le cose di prima. Anzi, ancora di più, come testimoniano le foto di Davide in sella alla sua moto.

Vi invitiamo a scoprire la vita e il messaggio di Davide sia guardando il video sopra, sia acquistando una copia del suo libro. 
Possiamo inoltre sostenere tutti l'Associazione Insieme per Fily che aiuta Davide e i bambini in cura cliccando qui
 

Grazie Davide, Martina e Marco per il tempo che ci avete dedicato. 

 

  • jek19, Trescore Balneario (BG)

    Davide un abbraccio forte anche io sono stato ricoverato al secondo piano dell'Istituto Tumori Milano ed ho pianto nel vedere il tuo video.
  • francojs

    Grandissimo Davide !!
Inserisci il tuo commento