Attualità

Coronavirus e Roma Motodays: l’evento è rinviato ad aprile

- La conferma arriva dagli organizzatori della kermesse romana: sarà spostato dal 17 al 19 aprile
Coronavirus e Roma Motodays: l’evento è rinviato ad aprile

La conferma arriva direttamente dagli organizzatori della kermesse romana: sarà spostata dal 17 al 19 aprile. Nessun annullamento, quindi, ma solo un rinvio per andare incontro alle esigenze di molti espositori, soprattutto quelli delle Regioni maggiormente interessate dalle restrizioni tese a ridurre la diffusione del Coronavirus.

Nelle scorse ore erano circolate diverse voci relative a un annullamento, poi smentite dagli organizzatori.

Ora l'ufficialità: la fiera è confermata, ma rinviata in una data individuata assieme a tutti i soggetti interessati.

 “Abbiamo ritenuto, nonostante il protocollo pubblico non prescrivesse il rinvio, che questa fosse la decisione più giusta da prendere, a tutela sia della salute dei nostri visitatori, espositori e lavoratori, sia degli interessi economici delle aziende coinvolte e di Fiera Roma stessa - spiega Pietro Piccinetti, Amministratore unico e Direttore generale di Fiera Roma. - In questo delicato frangente è fondamentale mantenere la calma, evitando di soffiare su facili allarmismi e di alimentare dannose isterie. È responsabile cercare soluzioni che salvaguardino il più possibile  la salute pubblica, ma anche il diritto al lavoro di centinaia e centinaia di famiglie, che il contraccolpo economico legato alla situazione mette a repentaglio. Le nostre istituzioni - sottolinea Piccinetti - stanno affrontando il pericolo del virus con scrupolosità ammirevole, auspichiamo che altrettanto si faccia in Europa, con politiche comuni di controllo del contagio, attualmente non pervenute”.

Questo articolo è stato pubblicato lunedì 24 febbraio e aggiornato martedì 25

  • Friedmann, Acquaviva delle Fonti (BA)

    Nessuno però dice che il 90% dei contagiati guarisce SPONTANEAMENTE curandosi come se fosse un'influenza e che il resto è in condizioni di doversi curare all'ospedale, come in una influenza stagionale.
    Purtroppo il restante 2% muore ANCHE a causa del coronavirus che aggrava la situazione clinica già compromessa da altre patologie.
    La stanno affrontando come se si trattasse di un'epidemia che ci trasforma in zombie, manco fossimo in Walking Dead....

    Se le televisioni e quei maledetti telegiornali la smettessero di diffondere panico incontrollato per una banale influenza più virulenta del solito, forse la situazione migliorerebbe.....

    Maledetti ignoranti, mi ero preso pure dei giorni di ferie per venire a Roma.

    Fra un paio di mesi quando comincerà il caldo nessuno parlerà più di sto cacchio di virus e tutti felici e contenti come se niente fosse, e i politici di nuovo con le loro facce di bronzo a sparare cavolate....
  • lc36Srad750, Empoli (FI)

    Io non capisco perché invece ci deve esser questa paura a fermare tutto x 1 mese...ma che avete paura che succeda...così almeno si da una ridimensionata a tutto il sistema bancario in primis perché è scandaloso sentire che la borsa di Milano brucia 30 miliardi quando ci son tanti che durano fatica a arrivare a fine mese...

    Io propongo una purga per tutti di 3-4 settimane almeno si potrebbe utilizzare il tempo x pensare a riorganizzare la nostra vita...troppe corse e solo x il Diodenaro
    Che alla fine premia sempre la finanza
Inserisci il tuo commento