raduno invernale

Agnellotreffen 2018: vi raccontiamo un'edizione fantastica!

- Siamo stati al raduno dell'Agnello, che ha richiamato in Valle Varaita oltre 2.000 moto. Un successo premiato dal sole, dalla neve e dalla compagnia di motociclisti simpaticissimi

Casteldelfino (CN) - Siamo stati al raduno dell'Agnello, che ha richiamato in Valle Varaita oltre 2.000 moto. Un successo premiato dal sole, dalla neve e dalla compagnia di motociclisti simpaticissimi
Sulle prime ti chiedi chi te lo abbia fatto fare (di accettare l'invito). Poi, a motori spenti in redazione, rimpiangi il tempo che è volato via incurante del freddo e della neve.
Siamo stati alla quinta edizione del mitico Agnellotreffen, il raduno in Valle Varaita organizzato da Moto Ride Experience (dietro questo nome ci sono i tre magnifici: Manuel Podetti, Claudio Giacosa e Rino Fissore) con il benestare dei Comuni interessati (in particolare del sindaco di Casteldelfino, Alberto Anello).

Il raduno invernale piemontese è cresciuto a vista d'occhio in soli cinque anni e già nel 2018 si conferma il raduno invernale motociclistico più amato in Italia
Il raduno invernale piemontese è cresciuto a vista d'occhio in soli cinque anni e già nel 2018 si conferma il raduno invernale motociclistico più amato in Italia

Cos'è l'Agnellotreffen

Come nasce. Nel gennaio del 2014 un gruppo di amici si dà appuntamento per festeggiare l’anno nuovo sulle alpi italo-francesi e brindare davanti a un piatto di ottimi ravioles. Il ritrovo è fissato a Saluzzo per poi affrontare insieme gli ultimi 60 km risalendo la Valle Varaita. Ma, una volta arrivati a Pontechianale, si scopre che non c’è posto in hotel per tutti. L’opzione tenda non è stata considerata seriamente, ma tutti ne sono provvisti. Così, dopo aver proseguito fino a Chianale e aver trovato un buon posto per cenare, gli animi si riscaldano e si valuta con coraggio e rassgnazione l’idea della tenda. Nasce così l'Agnellotreffen!

Dal 2015 è il motoraduno invernale più alto d’Italia; si tiene ogni anno in gennaio ai piedi del Colle dell’Agnello, a 1615 metri slm. Recentemente l’evento stato premiato dalle autorità locali per l’alto impatto sui flussi turistici. La prima edizione ufficiale (la seconda in assoluto) si tiene un weekend di gennaio del 2015 a Pontechianale, Già il venerdì i primi si installano nel bivacco e cominciano ad animare con focolari e musica il piccolo borgo. L’evento registra oltre 1.000 iscritti, con numeri in costante crescita, arrivando a più di 1.500 partecipanti due anni dopo, nell’edizione 2017. I motoradunisti arrivano da tutta Italia ma anche da Francia, Spagna, Svizzera, Regno Unito, Belgio e Germania. Momento clou è la motoparata che il sabato sera parte dal borgo di Chianale, a 1.800 metri slm, e raggiunge nuovamente il paese di Pontechianale.

Il raduno invernale piemontese è cresciuto a vista d'occhio in soli cinque anni e già nel 2018 si conferma il raduno invernale motociclistico più amato in Italia. Sono arrivati motociclisti dalla Sicilia e da ogni regione della penisola in sella a ogni tipi di mezzo (moto, scooter, trike). Il paesaggio ci ha regalato uno spettacolo meraviglioso, fatto di neve, metri di neve, e di uno splendido sole. 

Tantissimi amici hanno dormito in tenda, coperti da un cielo di stelle luminose (con temperature prossime ai - 6°). Le strade si sono presentate in condizioni ottimali, pulite dal gelo e protette dal sale. Risultato? Sono arrivati oltre 2.000 motociclisti da ogni regione d'Italia e da diversi Paesi d'Europa (Inghilterra, Croazia, Francia, Spagna e altro ancora).

La suggestiva parata serale
La suggestiva parata serale


Siamo andati al raduno, partendo da Torino, e abbiamo preso parte alla parata serale sulla cima del Colle. O, meglio, sin dove la neve ci ha permesso di andare. Abbiamo guidato una Suzuki V-Strom 1000 gommata Anlas (Winter Plus), che si è comportata in modo perfetto anche sui fondi nevosi, grazie al peso giusto e alle lamelle del battistrada. E, se non abbiamo avuto freddo, il merito è stato di Tucano Urbano, che ha sponsorizzato l'evento e ci ha dato l'abbigliamento completo per affrontare il viaggio (scudo e moffole sulla moto, giacca, pantaloni e guanti sul pilota). 

Eccoci in azione sul Ciao. Altro che maxi enduro!
Eccoci in azione sul Ciao. Altro che maxi enduro!


La domenica mattina c'è stata infine la spassosa gara- gara vera - con i Ciao dotati di gomme chiodate. Velocità quasi da mountain bike, ma divertimento a mille. Non potevo tirarmi indietro e ho rimediato un glorioso secondo posto (primo tra i giornalisti), con cui potrò pavoneggiarmi tra amici e colleghi per tutto il 2018. O forse saranno loro a sfottere me, questo lo capiremo più avanti.
L'Agnello s'è chiuso in un clima di festa totale, senza gli inutili eccessi da raduno che talvolta esasperano gli abitanti del posto. 
Quindi ancora bravi agli organizzatori, ma soprattutto ai motociclisti venuti fin quassù. Il freddo? Solo un dettaglio

Riprese di A. Perfetti
Montaggio di Luca Catasta
Foto: B. Moscato, L. Cola, A. Roma, N. Andreetto, F. Gillone, A.P. 

  • ValeChiaru, Quarrata (PT)

    Eh eh, troppo facile partire con il sole, fate come noi dalla toscana, 400 Km 300 dei quali sotto l' acqua alle 5 del Sabato mattina (e chi è arrivato il Venerdì ancora peggio, sotto la neve).
    Posso dire la mia? Per me è stata la prima volta e forse anche l' ultima.. dico qesto perchè far pagare 18 euro (cifra irrisoria) per poter mettere una tenda in un piazzale, ricevere una patch, un adesivo ed una spilletta con sopra scritto l' evento e l' anno, e stop, ci siamo sentiti (in molti dei presenti) dei polli da spennare.. legna e paglia disponibile ma a caro prezzo, bagni insufficienti, 3-4 ridicoli stand che sono stati fin troppo pubblicizzati qui dentro.
    Eravamo al centro di un carrozzone.
    Decisamente meglio l' Elefanten, lì senza iscrizone non entri (qui nessuno ti vietava di non fare l' iscirzione ma accamparti).
    Ormai è moda e le persone ci vanno (quest' anno molte meno anche per colpa delle previsioni).
    Anche quella poi.. se il meteo è bello ci vado e mi vanto altrimenti sto al calduccio a casa.. troppo facile così; si deve partire a prescindere.
    Vogliamo parlare poi della "carta di identità" con la "Repubblica degli Escarton"? Potevano spenderli in modo migliore quei soldi.
    Non sono in tono di polemica ma così non ci siamo..
  • Jonh Mura, Tortona (AL)

    Che spettacolo, io ho una sportiva carenata e vedere quel R6.....farò il possibile per esserci il prossimo anno.
    Bellissimo lavoro, complimenti!
Inserisci il tuo commento

Scheda tecnica

Suzuki V-Strom 1000 XT (2017 - 18)
  • Informazioni generali
  • Misure
  • Motore
  • Ciclistica
  • Batteria
  • Marca Suzuki
  • Modello V-Strom 1000
  • Allestimento V-Strom 1000 XT (2017 - 18)
  • Categoria Enduro Stradale
  • Inizio produzione 2017
  • Fine produzione n.d.
  • Prezzo da 13.190 - franco concessionario
  • Garanzia n.d.
  • Optional n.d.
  • Lunghezza 2.285 mm
  • Larghezza 865 mm
  • Altezza 1.410 mm
  • Altezza minima da terra n.d.
  • Altezza sella da terra MIN 850 mm
  • Altezza sella da terra MAX n.d.
  • Interasse 1.555 mm
  • Peso a secco 208 Kg
  • Peso in ordine di marcia 228 Kg
  • Cilindrata 1.037 cc
  • Tipo motore termico
  • Tempi 4
  • Cilindri 2
  • Configurazione cilindri a V
  • Disposizione cilindri longitudinale
  • Inclinazione cilindri n.d.
  • Inclinazione cilindri a V 90
  • Raffreddamento a liquido
  • Avviamento elettrico
  • Alimentazione iniezione
  • Alesaggio 100 mm
  • Corsa 66 mm
  • Frizione multidisco
  • Numero valvole 2
  • Distribuzione bialbero
  • Ride by Wire
  • Controllo trazione
  • Mappe motore 3
  • Potenza 100 cv - 74 kw - 8.000 rpm
  • Coppia 10 kgm - 101 nm - 4.000 rpm
  • Emissioni Euro 4
  • Depotenziata
  • Tipologia cambio meccanico
  • Numero marce 6
  • Presenza retromarcia No
  • Consumo medio VMTC n.d.
  • Capacità serbatoio carburante 20 lt
  • Capacità riserva carburante n.d.
  • Trasmissione finale catena
  • Telaio Telaio a doppia trave in lega leggera d’alluminio
  • Sospensione anteriore Forcella Kayaba, a steli rovesciati da 43 mm completamente regolabile
  • Escursione anteriore n.d.
  • Sospensione posteriore Monoammortizzatore regolabile
  • Escursione posteriore n.d.
  • Tipo freno anteriore doppio disco
  • Misura freno anteriore 310 mm
  • Tipo freno posteriore disco
  • Misura freno posteriore 260 mm
  • ABS
  • Tipo ruote raggi
  • Misura cerchio anteriore 19 pollici
  • Pneumatico anteriore 110/80 R19M/C (59V)
  • Misura cerchio posteriore 17 pollici
  • Pneumatico posteriore 150/70 R17M/C (69V)
  • Batteria n.d.
  • Capacità n.d.
  • Autonomia e durata n.d.
  • Batteria secondaria n.d.
Suzuki
  • Suzuki Italia S.p.A. C.so Fratelli Kennedy, 12
    10070 Robassomero (TO) - Italia
    011 9213711   www.suzuki.it

Confronta moto

Confronta la moto selezionata con quella che vuoi, sia nuova che uscita dai listini.

Ad esempio puoi confrontare la moto che desideri acquistare con quella da te posseduta in questo momento e vedere le differenze.

Confronta