Dal Forum di Moto.it

“Perché la Superbike non attira più come un tempo?”. Discussione della settimana

- Se lo chiede “DrManetta” lanciando la discussione sul forum di Moto.it. “Fino a non molto tempo fa la SBK era la specialità più seguita dagli smanettoni – dice – ora non è così. Perché?”. Risponde l'esperto della redazione, e poi spazio ai vostri contributi
“Perché la Superbike non attira più come un tempo?”. Discussione della settimana

A questo link trovate la discussione, dite la vostra!

 

“Fino a non molto tempo fa la Superbike era per gli smanettoni della domenica (e del sabato) il campionato da seguire, quello dove le moto di tutti i giorni si sfidavano all'ultima staccata e all'ultima curva. Una vera goduria e se ne parlava tanto. Ora non più...". E' questo il sunto della discussione aperta sul Forum di Moto.it da “DrManetta”, che ammette per primo di guardare le gare solo registrate. E chiede agli altri utenti se ci sia ancora pubblico per questa categoria. 

Ogni settimana sottoponiamo alla vostra attenzione le discussioni più interessanti e utili provenienti dal nostro forum, ed evidenziate dal moderatore Marco Marin.
Un'approfondimento iniziale al tema lo propone stavolta l'esperto della redazione, Carlo Baldi, inviato al mondiale Superbike, poi la palla passa a voi!

«La Superbike era il campionato degli smanettoni, di chi andava in circuito a vedere correre la propria "ipersportiva". Ora che il mercato delle sportive ha subito un drastico calo delle vendite il campionato delle derivate dalla serie ha ancora un senso ed un seguito? "Vinci la domenica e vendi il lunedì". Questo era il concetto che regolava la Superbike sino a qualche anno fa. Ora il lunedì le maxi sportive si vendono in numeri limitati anche se vincono la domenica. Però la Superbike attira ancora molti appassionati, per lo più motociclisti, gente che la moto la usa, grande o piccola che sia, e che vede il campionato delle derivate come l'ultimo baluardo della passione. Solitamente l’appassionato di Superbike non segue solo la classe regina, ma anche le due Supersport, 600 e 300, e la Stock 1000, dove le moto sono rimaste molto simili a quelle che possiamo trovare dal concessionario.

Certo i motociclisti ormai sono pochi, e rappresentano una razza quasi in estinzione. Anche per questo, almeno in Italia, la Superbike non ha un grandissimo seguito, sopraffatta dalla MotoGP che, anche grazie al “fenomeno” Rossi, ha incontrato il favore delle masse. Ma questo ridotto numero di seguaci, se confrontato con la GP, ha pro e contro. Se da una parte la Superbike fatica ad avere un largo seguito, e di conseguenza a trovare sponsor e visibilità, dall’altro mantiene molte delle regole e dei valori che sempre caratterizzano il motociclismo. Prima tra tutte quella del rispetto per i piloti. Nel recente round di Imola, che ha visto la doppia vittoria di Rea proprio sul circuito di casa della Ducati, non si sono sentiti fischi, ma solo applausi. Nessuno ha tifato “contro”, ma solo a favore. Da parte dei piloti c’è sempre la massima disponibilità nei confronti dei tifosi che affollano il paddock, e che cercano comunque un contatto con i loro beniamini.

Forse, quando Valentino appenderà il casco al fatidico chiodo, molti tifosi italiani smetteranno di seguire il motociclismo, proprio come è avvenuto anni fa con Tomba e lo sci, mentre gli appassionati della Superbike rimarranno gli stessi. La Superbike non è una moda, ma la naturale passione di chi va in moto e apprezza il motociclismo ed i suoi valori. Ecco perché c’è ancora pubblico per questa categoria, e ce ne sarà anche in futuro».

Nota: poiché la discussione è nata sul Forum di Moto.it vi invitiamo a postare lì i vostri commenti servendovi del link qui sotto

A questo link trovate la discussione, dite la vostra!

 

Leggi tutti i commenti 146

Commenti

  • babau551

    La Superbike NON è morta, la Sbk negli altri paesi sta benissimo...e, per fortuna, l'Italia non significa il mondo. Anche nel nostro paesello di nazionalismi da bar, comunque, i dati ufficiali parlano di 1,8 milioni di spettatori per il round di Aragon (dati ufficiali mediaset),uno dei dati di ascolto più alti mai registrati, con un'affluenza in circuito di 25.382 spettatori, questi si in leggera flessione rispetto all'anno precedente dove erano 27.720.
    Il round di Donington ha registrato 1.359.000 spettatori (sempre fonti ufficiali mediaset)...quindi?? Chi ha ragione? Chi mente? Da una parte il terrorismo continuo di questi petulanti menagrami che la danno per morta, dall'altra i dati ufficiali (anche in Italia) parlano di ascolti tutt'altro che irrisori.Vorrei dunque sottolineare che NON sono i numeri dei commenti o dei commentatori su Moto.it che decretano o meno il successo della Sbk. NON è vero che se ai tifosetti ducatari da fastidio che non vince qualcosa di itaGliano e dunque non commentano, questo disinteresse riguardi anche il resto del mondo! Mettetevi l'animo in pace e, per piacere, smettetela!
  • pippo.moto, Como (CO)

    Concordo con tutti quelli che dicono di tornare alle vecchie regole,in particolare sullo svolgimento delle due gare in un unica giornata e sulla superpol.Riguardo il cambiamento del mercato delle vendite,molte persone ,secondo me , non è vero che non comprano più ss per mancanza di soldi , basta guardarsi in giro e vedere come i maxi enduro più venduti sono il Gs o il Multistrada moto da più di 20K euro. Effettivamente tra varie restrizioni e controlli di limiti di velocità e soprattutto x le condizioni delle strade penso che in maxi enduro sia effettivamente più comodo.Cilindrate per i giovani ce ne sono basti vedere i 300 ss e le relative gare che fanno nei vari trofei e WorldSSP300.Guardate quanto piloti ci sono in griglia.
Leggi tutti i commenti 146

Commenti

Inserisci il tuo commento