Dal Forum di Moto.it

"Come vi vestite in moto, d'estate?" Discussione della settimana

- Arrivano i primi caldi e i motociclisti si dividono: quelli del protetto a tutti i costi e quelli del "t-shirt e bermuda". Come la pensiamo lo sapete bene, ma facciamo il punto con la nostra esperta di redazione prima di avere i vostri commenti
Come vi vestite in moto, d'estate? Discussione della settimana

A questo link trovate la discussione, dite la vostra!

TigertanoXC sottolinea sul forum di Moto.it come l'arrivo dell'estate porti inevitabilmente sulle nostre strade motociclisti e scooteristi un po' troppo poco vestiti. Lui invece non rinuncia all'abbigliamento tecnico e al paraschiena, e dovrebbe essere d'esempio per tutti.

Una discussione sempre attuale, segnalata dal moderatore del Forum, Marco Marin e che vogliamo approfondire con la nostra esperta di redazione Cristina Bacchetti, in attesa dei vostri contributi.

"Anche io come TigertanoXC e altri nostri lettori non ho potuto fare a meno di notare, come ogni anno in questo periodo, quanto sia alto il numero di motociclisti che viaggiano in maniche corte, pantaloncini, senza guanti, senza il paraschiena.
E quando noi tutti belli bardati nelle nostre tute di pelle anche ad agosto chiediamo spiegazioni, le risposte sono sempre le stesse: sto facendo solo un giretto di pochi chilometri, non sono mica in moto ma con lo scooter, oppure: fa caldo, non mi concentro alla guida.
Ed è inutile spiegare loro che i pericoli ci sono sulla moto così come sulo scooter, che non serve andare a Capo Nord ma si può incappare in una caduta anche sotto casa, purtroppo.
E per il caldo davvero, non ci sono più scuse: sono più di dieci anni che seguo per Moto.it la parte dedicata agli accessori e all'abbigliamento tecnico, e le case produttrici fanno passi da giganti e lavorano ininterrottamente per coniugare sicurezza e comfort.
Gli ultimi decenni in questo campo sono stati, più che un'evoluzione, una vera e propria rivoluzione: protezioni sempre più morbide e performanti nonostante le regole di omologazione sempre più severe, nuovi tessuti, capi leggeri e... - arriviamo al dunque della nostra discussione - areati!
Ebbene sì, cari motociclisti calorosi, le proposte sul mercato per stare freschi e protetti non mancano, ormai troviamo giacche super traforate con ottime protezioni su spalle, gomiti e schiena. Poi non mettiamo in dubbio che il jeans tecnico sia rigidino e pesante, che il paraschiena d'estate ci costringa a una giornata di sauna, che il casco jet e l'aria in faccia siano più piacevoli di un integrale, ma... senza voler "gufare" come ha accennato qualcuno nel Forum, la nostra pellaccia viene prima di qualsiasi comfort.
E i guanti? Come fate a guidare senza? Per me sono irrinunciabili! Così come le scarpe tecniche.

Qualcun altro ci fa notare come capiti a volte di incrociare un motociclista responsabile e ben vestito, con al seguito passeggera svestita e magari (orrore!) con tacchi e magliettina. Ragazze, niente scuse anche per noi: ormai la scelta di modelli dedicati a motocicliste e passeggere è più che ampia: capi alla moda, leggeri, colorati, jeans con un'ottima vestibilità utilizzabili anche giù dalla moto.
Ultimi ma non ultimi, vogliamo parlare dei ragazzini su cinquantini o 125?
T-Shirt, bermuda, casco jet spesso non allacciato o addirittura di qualche taglia in più. Io a quindici anni, sul mio cinquantino, ci andavo con l'integrale e la giacca di pelle. Infatti i miei amici mi guardavano come un UFO, ma io che già sognavo la moto mi atteggiavo da motociclista navigata e questo mi ha risparmiato, in una banale caduta per brecciolino, conseguenze spiacevoli.
Il capitolo giovani è dunque parecchio delicato: c'è di mezzo la testa dura dei sedici anni, l'immagine con gli amichetti, la leggerezza. Allora forse sta ai genitori pensare alla sicurezza e a far capire ai bikers in erba che col giubbotto tecnico sono anche più fighi.
E voi, come la pensate? Come vi proteggete da caldo e cadute? Come vi comportate, se siete genitori?"

Nota: poiché la discussione è nata sul Forum di Moto.it vi invitiamo a postare lì i vostri commenti servendovi del link qui sotto
A questo link trovate la discussione, dite la vostra!

 

  • emaxt6

    Io personalmente non esco mai almeno senza un minimo di giacca anche se ci fossero 40 gradi.
    Ovviamente niente di pelle, io attualmente uso la giacca Ramsey My Vented 2.0 della Acerbis, ha le protezioni ma è super ventilata e leggera con un ottimo rapporto qualità prezzo.

    Sicuramente poi mai pantaloncini, alla peggio jeans leggeri.
  • alberto.moncalero, Torino (TO)

    Purtroppo la cultura sulla sicurezza nel nostro paese e’ sempre stata molto carente tante’ che la maggior parte della gente pensa sempre che gli incidenti possano succedere solo agli altri. Il fatto stesso che ancora oggi esistono degli automobilisti che convintamente pensano che l’uso delle cinture di sicurezza in città è inutile, che permettono alle loro mogli di viaggiare con neonati in braccio sul sedile anteriore la dice lunga, “tanto devo andare solo fino li”, la risposta piu frequente alle contestazioni che gli vengono mosse. Figuriamoci se nel mondo delle due ruote possiamo incontrare persone diverse. Abbiamo anche qui personaggi convinti che l’abbigliamento tecnico valga solo per i motociclisti e non per gli scuteristi,e che per i brevi spostamenti urbani non servono ignorando come i loro colleghi automobilisti che una grandissima parte di incidenti con esiti fatali avviene proprio nelle nostre città. Tornado al tema dell’articolo, pur comprendendo che d’estate facciamo piu fatica e soffriamo non poco sotto il sole torrido che colpisce il nostro abbigliamento tecnico , la sofferenza non sara’ mai uguale a quello che dovremo patire in caso di caduta dal nostro bene amato mezzo in abiti succinti. Detto questo ognuno è libero di fare ciò che vuole ma usiamo un po’di bun senso! Oggi abbiamo la fortuna di avere una ampia offerta di capi tecnici deicati all’estate ma se proprio non vogliamo spendere, indossiamo almeno i jeans, scarpe allacciate e un giubbottino a manica lunga, anche per i piccoli spostamenti
Inserisci il tuo commento