Intermot 2016

Mondial a Intermot 2016 con le 125 HPS, Supermoto e Enduro

- Dopo aver presentato la HPS 125 allo scorso Salone di Milano, Mondial porta a Colonia la Supermoto 125. A EICMA anche l'Enduro
Mondial a Intermot 2016 con le 125 HPS, Supermoto e Enduro

“Get Going Again”, questo è il motto con cui torna alla ribalta lo storico marchio italiano. Era poco meno di un anno fa quando ad EICMA fu svelata la piccola HPS, una scrambler con motore monocilindric da 125 cc e una linea tutta moda.
Ora, dopo un anno di lavoro, FB Mondial, nata nel 1948 e 10 volte Campione del Mondo (5 piloti e 5 costruttori) tra il 1949 e il 1957, sarà presente a Intermot di Colonia con una nuova linea di motociclette sulla base del medesimo propulsore da 125 cc, pronte per l'asfalto, ma non solo.
Mondial presenta dunque la versione definitiva della HPS Hipster 125 e due nuovi progetti: Supermoto, che vedremo a Colonia, ed Enduro 125, alla quale sarà tolto il velo alla prossima EICMA. Due progetti che continuano la tradizione nel campo delle piccole cilindrate, in cui lo storico marchio italiano è stato protagonista durante le competizioni mondiali.

Tutti i modelli pesano 130 chili, si propongono dunque come più che facili e aperti ad un ampio spettro di motociclisti.
La HPS 125 sarà disponibile entro fine anno per l’acquisto presso i rivenditori di tutta europa, Enduro e Supermoto debutteranno invece sul mercato a inizio 2017. I nuovi modelli FB Mondial sono stati studiati per offrire appeal estetico ed efficacia di guida a livello gran turismo, in grado di rispondere sia alle necessità delle giovani generazioni, alla ricerca di mezzi stilosi e in grado di distinguersi dalla massa.
Questo ambizioso progetto nasce dall’amicizia tra il Conte Boselli (tutt'oggi proprietario del marchio FB Mondial) e Cesare Galli (titolare PELPI International, che in Italia distribuisce i prodotti Aeon e Overbike).

  • Marco Pisa, Pisa (PI)

    No,in questo caso il motore é italiano,credo quello montato sulle Moto del gruppo Piaggio,con raffreddamento a liquido e 4 valvole.Credo anche il resto sia italiano
  • Utente_qualsiasi, Faenza (RA)

    Credo si tratti di una politica alla "MASH". Sbaglio ?
    Dovrebbero essere mezzi cinesi modificati esteticamente secondo le specifiche Mondial e poi proposti in Europa. In pratica la casa è più un importatore che non un produttore. La stessa cosa accade con le Benelli della serie piccola.
Inserisci il tuo commento