Stoner: "Impossibile programmare meglio le cose"

Stoner: "Impossibile programmare meglio le cose"
Giovanni Zamagni
Il pilota astraliano che oggi ha conquistato il suo secondo titolo iridato ringrazia il teal. Unico rammarico non aver vinto con Lorenzo in pista | G. Zamagni, Phillip Island
15 ottobre 2011

Punti chiave

 

"Sarebbe stato impossibile programmare le cose meglio di quanto sia successo oggi! - ha dichiarato il neo campione del mondo-. La gara è stata estremamente difficile e le condizioni veramente impegnative. Mi sono portato subito al comando e ho costruito un certo distacco quando ho visto che iniziava a piovere, ma non sapevo quanto questo ci avrebbe condizionato. Praticamente mi sono imbattuto in un muro di pioggia. Non c’era stato nessun avvertimento nella parte dietro del tracciato e quando ho affrontato l’ultima curva è iniziato a piovere forte. Ho quasi perso il controllo e pensavo di finire nella ghiaia. Fortunatamente però sono riuscito a controllare la moto mantenendo anche il margine dagli altri piloti e a portare a casa la vittoria. È stata comunque una bella tensione! Mi dispiace molto per l’incidente di Jorge questa mattina, è un rivale forte e se fosse stato in gara oggi, forse le cose sarebbero andate diversamente. Spero che l’operazione vada bene e che torni a correre quanto prima. Non posso ringraziare abbastanza tutti a partire dal mio Team Repsol Honda, la Repsol, tutti i nostri sponsor e tutti coloro che hanno lavorato tanto durante tutto l’anno, Grazie ancora!”.

 

Ultime da MotoGP

Da Automoto.it

Caricamento commenti...