MOTOGP

Pasini: incidente in pitlane al Sachsenring!

- Mattia Pasini ha travolto un tecnico del team Cardion AB che attraversava la corsia box senza guardare. Dramma sfiorato al Sachsenring
Pasini: incidente in pitlane al Sachsenring!

Poco dopo l'inizio della prima sessione di libere per la MotoGP sul tracciato del Sachsenring, in corsia boxMattia Pasini ha travolto un meccanico del team Cardion AB (qui a supporto di Franco Battaini, in assenza del titolare Karel Abraham che sta recuperando dall'infortunio di Assen) che ha attraversato la pitlane dal muretto al box senza controllare prima che non stessero passando moto. Mattia lo ha colpito di striscio, ribaltandosi in avanti e battendo la testa. Sono accorsi immediatamente gli uomini del team Ducati, davanti al cui box è avvenuto l'impatto, prima che Mattia si rialzasse e potesse allontanarsi sulle sue gambe.

 

E' andata bene, e paiono scongiurate conseguenze gravi: il tecnico ha riportato solamente ferite di lieve entità, mentre Pasini è stato precauzionalmente visitato in Clinica Mobile per accertamenti. Il pilota riccionese ha battuto la testa, ma sembrano escluse lesioni rilevanti anche se, prudenzialmente, Mattia è stato trasportato in ospedale per effettuare una TAC. Pasini non ricorda la dinamica dell'incidente, è dolorante al collo e in stato confusionale.

 

La dinamica dell'incidente è pressoché identica a quella costata la vita a Nobuyuki Wakai, pilota giapponese della Suzuki 250 deceduto durante le prove del GP di Spagna 1993 a Jerez de la Frontera, dove investì uno spettatore (Fabio Ravaioli, amico ed ospite dell'allora pilota Loris Reggiani) autore dello stesso errore. Wakai morì a seguito dell'impatto contro il muretto box; gli venne dedicata una statua in bronzo a tuttora presente nel paddock del tracciato andaluso. L'incidente portò all'introduzione di unlimite di velocità in corsia box e il divieto di provarvi la partenza, pratica allora abbastanza diffusa.

 

 

  • libidiman, Inverigo (CO)

    povero addetto ai lavori

    ragazzi se uno deve correre al cesso non sta a controllare se passa una moto ... altrimenti lascia lui una sgommata...
  • bassplayer84, Forli' (FC)

    @Andrea Torricelli

    Andrea guarda che la velocità a volte non centra nulla.
    Come mai in città ai 50-60km/h ci sono degli incidenti spesso purtroppo mortali? Il pericolo sono gli ostacoli contro cui c'è il rischio di impattare, e da li spesso nascono gli infortuni più gravi.
    cadere in pista ai 200km/h spesso e volentieri coincide solo (grazie al cielo) ad una scivolata con una tuta sull'asfalto o sulla ghiaia, non impattare contro qualcosa.
    la differenza è tutta li
Inserisci il tuo commento