DAY 3

MotoGP test. Rossi: "Preoccupato se la gara fosse domani"

- Valentino è decimo, ma, in realtà, è messo meglio di quanto dica la classifica: “Ho sbagliato con le gomme nuove, mentre con quelle usate siamo più vicini”. Ma non basta: “Gli avversari sono più avanti”. La situazione, però, sta migliorando: “Si è mosso qualcosa, adesso in Yamaha c’è un bel gruppo di lavoro”
MotoGP test. Rossi: Preoccupato se la gara fosse domani

SEPANG – Secondo Andrea Dovizioso la classifica non è così veritiera: lo pensa anche Valentino Rossi, convinto che il decimo posto a nove decimi non rispecchi i miglioramenti della Yamaha. Anche se Valentino sa perfettamente che c’è ancora da fare.


«La posizione non è fantastica, ma nel giro buono ho sbagliato. Ma poco importa. Abbiamo lavorato tanto, trovando alcune cose positive e altre meno: speravo un po’ meglio. Sicuramente abbiamo fatto un passo in avanti, ma è ancora lunga per essere competitivi. Qualcosa però si è mosso, e questo è l’aspetto più importante».

 

La classifica cosa dice?

«Tutti hanno spinto al massimo, tutti hanno espresso il loro potenziale: quattro Ducati ai primi quattro posti confermano la competitività della loro moto. Ma il nostro gruppo di lavoro è buono, ci sono delle idee, ma ci vuole pazienza, perché la differenza da colmare è grande».
 

Nel passo, però, non sembrate messi così male.

«Sì, è vero, sul ritmo gara siamo più vicini, ma dobbiamo migliorare, soprattutto in accelerazione».

 

Come avevano fatto ieri i piloti Ducati, oggi anche tu e Viñales avete fatto qualche giro insieme: come è nata questa cosa?

«Ci siamo parlati ieri e siamo stati d’accordo nel farla, credo sia importante per far crescere la moto. Abbiamo fatto qualche giro insieme (7-8, NDA) sono stato un po’ davanti io, un po’ lui. E’ un buon modo di lavorare».

 

Lui si è detto molto soddisfatto, tu, come era già successo a Jerez, sei più tiepido nei commenti. Come mai questa differenza?

«Lui qui ha guidato veramente forte, la sua simulazione gara è stata buona. Ma è comunque quinto: personalmente, sarei preoccupato se la gara fosse domani, saremmo ancora dietro».

 

Quindi è come l’anno scorso?

«No, tutt’altro. Finalmente abbiamo provato del materiale nuovo, c’è molto movimento in Yamaha».

 

Hai provato le nuove gomme della Michelin?

«Sì, mi sembrano buone».

 

Cosa dici di Bagnaia e Morbidelli?

«Quando abbiamo iniziato il progetto con l’Academy, non avrei mai pensato di dover lottare con i miei piloti. Da una parte mi rende orgoglioso, dall’altra sono un po’ preoccupato: non sarà facile batterli».

 

  • tummyache, Ispra (VA)

    Sebbene i numeri non siano più dalla sua parte, è sempre il numero uno perché ancora tante cose girano intorno a lui.
    E questo si nota chiaramente anche nei blog a lui dedicati e dal numero di persone che lo commentano, nel bene e nel patetico.
  • MM1974, Prato (PO)

    ...io non sono sicuramente un fan di vr46 peró, in risposta ad alcuni utenti del forum, credo che in effettivamente i punti in yamaha li abbia sempre portati...ovvio che ci siano logiche (anche) di marketing nel tenerlo in un top team. Ma nel motorsport ci sono sempre state. Faccio un esempio fuori dal motomondiale: Jacke Villeneve. Bravo per caritá...ma non da mondiale. Eppure... Quindi ci sta che VR46, adesso, sia li anche per meriti pregressi e perchè porta consenso. Ovviamente se vincesse il decimo, Yamaha sbancherebbe...nei commenti di VR46 comunque ci leggo piú che altro un anticipo di rammarico per la stagione che potrebbe essere quella "giusta" per lui. Che probabilmente si augura uno scozzo tra i 2 galli in hrc, una ducati spuntata e un compagno di squadra forte ma ancora acerbo...peró gli serve la moto...io la leggo cosi. Comunque sarà una stagiine interessante...
Inserisci il tuo commento