Test MotoGP

MotoGP. Rossi: “Non ricordo un giorno così nel 2017”

- Pur stando ben attento a non sbilanciarsi, Valentino sembra piuttosto soddisfatto al termine del primo giorno di test. “Ho ritrovato sensazioni positive, perdute nella passata stagione. Con questa moto riesco a guidare meglio, con maggiore fluidità e facilità. Ancora indietro nell’elettronica”
MotoGP. Rossi: “Non ricordo un giorno così nel 2017”

SEPANG – E’ un Valentino Rossi molto differente rispetto a Valencia, decisamente più sereno. «Nel 2017, non avevo mai provato sensazioni così positive» è la sintesi perfetta del suo pensiero. Ovviamente è solo il primo giorno del 2018, c’è tantissimo lavoro da fare, lo stesso Valentino non si sbilancia certo in proclami e trionfalismi, ma il primo impatto è stato buono. Poi si vedrà.
 

«E’ stata una buona giornata, abbiamo lavorato bene: nei test effettuati qui a novembre abbiamo fatto un po’ di chiarezza sul materiale che avevamo a disposizione e in Yamaha hanno lavorato sulla base del telaio 2016. E’ solo il primo giorno, ma è sempre importante iniziare bene: è stata una giornata proficua, anche se questa mattina ha piovuto. Tra l’altro, anche sul bagnato, che qui avevamo fatto una gran fatica durante il GP, sono andato bene: non ricordo un giorno così positivo in tutta la passata stagione…».


Cosa ti trasmette questo telaio?

«Mi sento bene, a mio agio, guido con maggiore facilità e scioltezza, e quando spingo viene il tempo. Finché sono rimasto in pista ero il più veloce, poi mi sono passati davanti in cinque, ma cambia poco. L’importante è avere una buona velocità: ho fatto dei buoni tempi anche con le gomme con più di 20 giri».
 


Avete fatto anche prove di motore?

«Sì, abbiamo testato due differenti configurazioni: ha una buona velocità massima, anche in accelerazione non è male. Mi sembra sia stato fatto un passo in avanti».


E l’elettronica?

«Ecco, lì c’è ancora da lavorare; Honda e, soprattutto, Ducati sono più avanti di noi».


Quest’inverno eri tranquillo, eri convinto che si potesse fare un passo in avanti?

«Tranquillo no, perché non puoi mai sapere cosa succede finché non sali sulla moto. Adesso però guido più come piace a me, ho ritrovato quel feeling che avevo un po’ perso».

  • 900MHReplica, Torino (TO)

    Come disse tanti anni or sono il Drake Enzo Ferrari "Gli italiani perdonano tutto, tranne il successo" Alla faccia di tanti rosiconi, quei poveri minus habens che hanno sempre detto che Ago correva contro nessuno, che Valentino aveva sempre la migliore moto e le gomme "speciali", quei poveretti che sotto sotto pensano "con quella moto li anch'io ......". E' vero, con quelle moto li sarebbero arrivati primi anche loro, se andava tutto bene all Ospedale, se andava male al Cimitero ! Tutti quelli che si sentono ingegneri, manager di squadra e si ispirano a quei milioni di piRloti che in questo paese si sentono allenatori della nazionale di calcio, quelli che ignorano quel saggio proverbio che recita: "Avessi, potessi e fossi sono tre str.. ehm ..tre stupidi che girano per il mondo"
  • masfor, Albiate (MB)

    Un grandissimo smile e buona settimana agli imperituri rosiconi. Forza vecchio Vale!
Inserisci il tuo commento