MotoGP

MotoGP. Alex fa il Marc Marquez, tre cadute in due giorni per cercare il limite

- Il più piccolo dei due fratelli di Cervera ha assaggiato per ben tre volte l’asfalto del Qatar, cercando di capire il limite della sua RC213V
MotoGP. Alex fa il Marc Marquez, tre cadute in due giorni per cercare il limite

Cercare la performance fino a cadere, così da capire dove sta il limite. E’ un modo di lavorare, sicuramente pericoloso ma altrettanto sicuramente efficace e se c’è un pilota che fino ad ora ha interpretato al meglio questo approccio è stato proprio Marc Marquez. Il fratello Alex, in occasione dei primi due giorni di test in Qatar, ha provato ad imitarlo sul circuito di Losail, stendendosi per ben tre volte in due soli giorni.

Ma, come ha spiegato il più piccolo dei due fratelli di Cervera, è tutto sotto controllo. "La caduta di sabato - ha raccontato - è stata un grosso errore, perché l’impatto è stato molto violento ed ho riportato diverse contusioni (anche al volto, ndr), ma è stato un mio errore. Le due di domenica sono state per capire cosa non andasse. Perché è chiaro che qualcosa non stava funzionando in generale ed è altrettanto chiaro che dobbiamo migliorare. Non stavo avendo un buon feeling con la gomma Ci stavo provando e stavo forzando. Sono piccoli errori che ci sono costati cadute, ma è meglio trovare i limiti qui che durante un gran premio"

  • Gibix, Casnate con Bernate (CO)

    Povero Lucio, é il suo destino :-)
  • Piano ma sicuro, Lucca (LU)

    Penso che Cecchinello stia ringraziando tutti i santi del Paradiso di non avere Marquez Jr. e Crutchlow contemporaneamente in squadra...!!!

    Si scherza, eh!!!
Inserisci il tuo commento