GP DELL'AUSTRIA

MotoGP 2020, GP dell'Austria. Yamaha chiede modifiche, Msma dice no

- La Casa di Iwata ha chiesto all’associazione dei costruttori di poter aprire il 4 cilindri e intervenire su un parametro (pare le valvole) per motivi di sicurezza. Per farlo, però, ci vuole l’unanimità, che al momento non c’è. Limitato il numero dei giri: 300 in meno
MotoGP 2020, GP dell'Austria. Yamaha chiede modifiche, Msma dice no

C’è un problema motori Yamaha: lo si sapeva già, adesso è ufficiale. Dopo aver avuto tre problemi tecnici (a Rossi, Vinales e Morbidelli), dopo aver spedito due motori in Giappone, dopo aver già punzonato cinque motori (su 5) sia per Vinales sia per Morbidelli, la Casa di Iwata ha fatto una richiesta scritta alla MSMA - l’associazione dei costruttori - per poter intervenire sul particolare difettoso, individuato nelle valvole.

Lo si può fare solo per motivi di sicurezza e si può intervenire solo se si ha il consenso unanime di tutti gli altri costruttori. Al momento, il consenso unanime non c’è - si sarebbero opposte Honda e Ducati - e così la Yamaha ha dovuto limitare il numero di giri del motore, levandone, a quanto si dice, circa 300. “Sì, è vero, c’è stata una limitazione, ma la velocità massima è sempre stato un nostro limite” si è limitato a commentare Valentino Rossi.

L'opinione di Davide Brivio

Nella nostra diretta delle 18 (la trovate qui, sul canale YouTube e sulla pagina Facebook di Moto.it), Davide Brivio, team manager Suzuki, ha detto:

“Non commento questa notizia, però è vero che è arrivata una lettera di richiesta: se ne discuterà”. Non è la prima volta che accade: in questa stagione, per esempio, l’ha fatto anche l’Aprilia. Brivio specifica cosa è successo: “Avevano fatto una richiesta, ma poi è stata concessa all’Aprilia (e alla KTM, nda) la possibilità di “congelare” il motore il 29 giugno: così hanno avuto il tempo di intervenire e modificare il componente”.

C’era anche stato un caso con la Ducati. Sempre Brivio: “Tre anni fa, mi sembra, Ducati aveva un problema per i motori di un team satellite e la MSMA aveva consentito loro di modificare qualcosa sui motori non ancora punzonati”.

Ci sarà battaglia.

  • Fox93V

    Una piccola considerazione. Se ricordo bene i motori sono stati congelati sino al 2021, quindi un mancato assenso alla richiesta Yamaha, se ho ben inteso, vorrebbe dire andare a compromettere anche la prossima stagione per la casa di Iwata?
  • bastone18, Buja (UD)

    Eh vabbè uno si fa male aprendo la finestra, quell'altro falsa il campionato aprendo i motori, l'altro ancora si licenzia dopo tre gare ma che è una telenovelas quest'anno la MotoGP???
Inserisci il tuo commento