gp delle Americhe

Márquez: "Prima o poi ci sarà la sfida con Viñales"

- Nove vittorie su nove GP disputati, quinto successo consecutivo ad Austin: non si batte Marc Márquez negli Stati Uniti. «Chiederò alla Dorna di mettere in calendario più gare qui»
Márquez: Prima o poi ci sarà la sfida con Viñales

AUSTIN – Nove vittorie su nove GP disputati, quinto successo consecutivo ad Austin: non si batte Marc Márquez negli Stati Uniti. «Chiederò alla Dorna di mettere in calendario più gare qui» scherza Marc, che pensava di doversi giocare la vittoria con Maverick Viñales, invece ha avuto in Dani Pedrosa l’unico pilota in grado di contrastarlo.


«Dall’esterno è sembrata una gara facile, ma non è così. Montando la gomma dura all’anteriore, mi sono imposto di stare calmo, non sapevo esattamente quale fosse la reazione della moto. Inoltre, la caduta in Argentina mi ha inevitabilmente influenzato un po’: perdi sicurezza, stai attento a non ripetere gli stessi errori. E’ stato importante tornare subito sul podio, anzi, alla vittoria, il GP successivo allo sbaglio di Termas. La moto sta crescendo, dobbiamo sistemare ancora qualche piccolo problema, ma, nel complesso, siamo competitivi».


Sei stato volutamente dietro a Pedrosa?

«Ho pensato di poter ripetere la tattica del 2013, e attaccarlo a metà gara. Avendo la dura anteriore, sapevo di avere un vantaggio da gestire».


La tua strategia è cambiata dopo la caduta di Viñales?

«Non più di tanto: con la dura anteriore potevo solo controllare all’inizio e attaccare alla fine. Forse, però, con Maverick in pista bisognava spingere un po’ di più all’inizio. Ma non vi preoccupate, prima o poi ci sarà la sfida diretta tra noi due».


Intanto, però, in testa alla classifica c’è Rossi.

«Meritatamente, anche se non ha vinto ancora una gara: ma è il più costante».


Valentino dice che Zarco è stato troppo aggressivo: qual è la tua valutazione?

«Anch’io sono un pilota aggressivo e lo è anche Rossi…Credo però che la penalizzazione non sia stata giusta, perché Valentino non ha guadagnato nulla da quella manovra».


Sentivi la pressione di dover vincere a tutti i costi?

«Da una parte sapevo di non poter sbagliare, ma dall’altra sapevo anche che questa è una pista a me favorevole, anche se venerdì abbiamo iniziato con più difficoltà del previsto. Era sicuramente un appuntamento importante, ma come lo sono tutti i GP».

  • ghero, bergamo (BG)

    ogni volta che marquez viene messo in discussione sulla pressione psicologica che subirebbe dagli avversari di turno,poi ti picchia il gp perfetto e rizzittisce tutti,almeno fino alle prossime prestazioni un pò sottotono,dove si ricomicnerà a fare sondaggi ecc ecc
  • abuetto, Bergamo (BG)

    Veramente Marquez qui, corpo a corpo o meno, la vittoria sarebbe stata comunque sua..

    Secondo me Vinales ha fatto un errore madornale.. Non mi riferisco alla caduta perché poteva accadere comunque.. Caduta da Michelin.

    Il suo errore è certamente di approccio mentale alla gara, Questa in particolare.
    Se Marquez in Argentina sbagliò a spingere nei primi giri per la pressione che gli metteva Vinales, oggi Maverick ha sbagliato per la troppa voglia di volersi ripetere e raggiungere al più presto Marquez.
    Il suo obiettivo pareva soltanto quello. Voler battere Marquez anche a casa sua.
    Errore da 22enne che troppo sicuro di sé per le precedenti gare, test e libere si è messo in testa di voler primeggiare anche nell'Warm-up se necessario..

    Tatticamente lo ritengo un errore molto pesante.
    Il fatto che fosse tanto vicino in qualifica, che nelle FP3 è stato l'unico a cercare il crono e battere Marquez, una pressione e forse più preoccupazione già gliel'aveva messa. In gara nemmeno guardava che prima di arrivare a Marquez c'era Valentino.. Con 20 punti, via da qui, sapeva di andare a Jerez e Le Mans, piste in cui hanno vinto nell'ordina Rossi con dietro Lorenzo e poi Lorenzo con dietro Rossi. Marquez, dopo le qualifiche sapeva già che pur vincendo qui lo aspettano 2 piste non del tutto facili.
    Adesso Vinales con questo errore, si è caricato di una certa insicurezza per la caduta e ha rinforzato Marquez che ora si trova a 18 punti...
    Con questa mentalità di voler dominare sempre in ogni sessione, prima o poi l'avrebbe pagata. Ora non ha ancora fatto un corpo a corpo con Marquez, ma quando arriverà il momento, se perde la sfida sarà un'altra bella mazzata..

    Ha soltanto 22 anni e gli faranno bene anche queste bastonate..
Inserisci il tuo commento