Intervista

MotoGP. Marc Marquez: “Quando tornerò? Lo deciderà il mio corpo” [VIDEO e GALLERY]

- Una lunga intervista in cui Marquez parla del suo stato di forma, dello strano campionato 2020, delle prestazioni di HRC e del fratello

Marc Marquez, campione del mondo e favoritissimo anche per il 2020 ha condiviso alcuni dei suoi pensieri sulla stagione 2020, sulle sue condizioni fisiche e mentali e sulle prestazioni del Team Repsol Honda in una lunga intervista condivisa proprio da HRC.
 

Come ti senti fisicamente e mentalmente?
“Riguardo al lato fisico, ora sono in un buon momento. Ma ovviamente sono ancora lontano dal mio livello normale. La scorsa settimana ho iniziato a correre e andare in bicicletta. Dal punto di vista cardio, gambe e braccio sinistro, le mie condizioni sono abbastanza buone. Ma per quanto riguarda il braccio destro, devo ancora fare dei grandi passi, ma ora stiamo iniziando a fare più esercizi. Non vedo l'ora di iniziare a spingere un po 'di più in palestra. Ma al momento dobbiamo rispettare i tempi e solo essere pazienti.

Dal punto di vista mentale è stata dura all'inizio. Non c'era niente da fare a casa, i giorni e persino le ore erano molto, molto lunghi, ma ora abbiamo un piano per ogni giorno. Facciamo due sessioni di fisioterapia e poi ci alleniamo anche in palestra con il mio allenatore, il braccio sinistro, le gambe, insieme a qualche cardio. Quindi ora il lato mentale sta molto meglio, il momento in cui soffro di più è durante il weekend di gara quando guardo tutte le sessioni di prove alla TV e non è facile. A parte questo, possiamo dire che ora sono felice. Sono contento perché sento già che abbiamo fatto dei passi avanti".


Durante gli allenamenti continui a usare una protezione?
“Sì, abbiamo avuto diversi tipi di protezioni. All'inizio era dalla mano alla parte superiore del braccio ed era come se fosse completamente rigido. Quindi passo dopo passo ne abbiamo utilizzata una in carbonio che andava dal gomito alla spalla. Ora sto iniziando a dimenticare le protezioni e spero che la prossima settimana saremo già in grado di rimuovere la protezione in tutte le attività  che faccio".


Come ti senti ora che ti alleni di nuovo?
“Ho iniziato ad allenarmi in bicicletta e a correre. Mi aspettavo che sarebbe stato molto peggio perché per quattro, cinque settimane sono stato completamente fermo sul divano a guardare la TV. La cosa più impegnativa è il muscolo del braccio destro ma anche questo è meglio di quanto mi aspettassi. Il muscolo è ancora lì, funziona bene. La cosa più importante è che tutti i movimenti siano ok e ora passo dopo passo con il mio fisioterapista Carlos, che vive con me a casa mia, inizieremo a lavorare sodo per migliorare, facendo i passi giusti al momento giusto".


Ti manca l'allenamento di prima?
“Sì, ma quello che mi manca di più è andare in moto. Ora sono in una situazione in cui spero di tornare presto su una moto di piccola cilindrata o qualcosa del genere ma al momento dobbiamo solo rispettare i tempi dei medici. Ora comincio a sentirmi pronto e questo è il momento pericoloso perché proprio quando ti senti pronto vuoi sempre di più senza ascoltare il proprio corpo".

 

L'ultima gara a Misano HRC si è avvicinata un po’ alle posizioni di testa.
“Il Repsol Honda Team è, credo, in una situazione difficile. C’è un pilota debuttante e io sono fuori dalla prima gara, è comprensibile perdere un po’ la direzione. Ma il test del martedì a Misano è stato molto importante perché hanno trovato qualcosa e poi da quel momento Nakagami e mio fratello Alex hanno fatto un grande passo. Non vedo l'ora di tornare il prima possibile per aiutare la squadra, ma al momento sto solo aiutando dall'esterno".


Pensi che Alex abbia già fatto questo passo?
“Alex sta imparando e avere due gare di fila nello stesso circuito è una cosa molto importante per i piloti esordienti. Questo aiuta molto, la cosa più difficile in MotoGP è arrivare su un circuito con una MotoGP e cercare di aggiustare tutto. Alex arriverà a Montmelò sul circuito di Catalunya e ricomincerà da capo. Ma vedremo anche se ha fatto un passo avanti".


Pensi che sia più difficile per un rookie debuttare in questa stagione in cui la differenza dal primo al 20esimo è di un secondo?
“È difficile per un debuttante, ma anche per tutti gli altri. I tempi sono davvero vicini, voglio dire in un secondo ci sono 17 piloti, 18 piloti e questo è qualcosa di incredibile perché penso che il livello in MotoGP sia davvero uguale. È una stagione difficile per tutti, ma soprattutto per un debuttante perché è difficile affrontare tante gare di fila. Quando corri poi vai a casa e allora il corpo può capire come migliorare, ma ora sta accadendo tutto molto velocemente, troppo velocemente per un pilota principiante. E non abbiamo i test: hanno fatto un giorno di test a Misano e normalmente durante una stagione abbiamo quattro o cinque giorni di test che aiutano molto ".


Essendo a casa, sei diventato il coach di Alex?
“Cerco di aiutare Alex e giovedì quando hanno l'assegnazione delle gomme, mi manda la foto e cerco di dare qualche consiglio. Ma poi abbiamo una regola, lui deve lavorare con la sua squadra, dobbiamo essere professionali e lui sta lavorando con la sua squadra. Se ha un dubbio sullo stile di guida o qualcosa del genere, mi chiama, ma io non lo chiamo mai. Ha bisogno di chiamarmi perché è in circuito a lavorare con la sua squadra e lì ha Alberto, che ha anche molta esperienza, ed Emilio. Ma ovviamente ogni giorno abbiamo due, a volte tre telefonate".


Non si parla di un tuo ritorno prima di due o tre mesi...
“Tre mesi sono tanti. Abbiamo cercato di capire e ascoltare opinioni diverse, medici diversi e hanno detto circa tre mesi. All'inizio è uno shock per un pilota. Adesso sono nel momento in cui comincio a sentire i grandi passi che il mio corpo sta facendo. Quindi ora ogni giorno, ogni settimana, sento qualcosa di diverso. Le prime tre settimane non ho sentito alcun miglioramento, ma ora comincio a sentire dei miglioramenti, iniziamo a lavorare in palestra, comincio ad allenarmi. So che sto bene, ma non so se tra un mese, due settimane o due mesi sarò in sella. Non lo so; questo è qualcosa a cui il mio corpo risponderà".

Com’è guardare le gare da casa?
“È la cosa più difficile, guardare le gare a casa è la cosa più difficile perché sei lì a guardare le prove, a guardare le gare, vorresti essere lì. Poi quando vedi che è così uguale, tanti vincitori diversi durante una stagione e vedi che hanno solo 84 punti dopo così tante gare, diventi ancora più motivato a tornare. È una stagione strana, nessun pilota sta facendo una grande differenza rispetto agli altri. Sembra che nessuno voglia vincere! Nessuno vuole essere al top, voglio dire è difficile da capire ma se sei un pilota puoi capirlo. Una cosa è essere un pilota che quando vince è una grande festa, un’altra è essere il pilota che deve vincere. Qualcosa cambia, hai molti più dubbi: non sai se dovresti attaccare o se dovresti difendere. Quando sei il pilota che rimonta dal secondo, terzo, quarto posto e hai qualcuno davanti a te, non hai niente da perdere, attacchi e guidi con più sicurezza perché non hai nulla da perdere, ma quando sei in cima e devi vincere, è allora che i dubbi iniziano ad essere nella tua mente”

Hai detto che i favoriti sarebbero Dovi e Quartararo...
“In Austria ho detto Quartararo o Dovizioso ma, sinceramente, mi aspettavo di più da loro. Soprattutto da Quartararo, mi aspetto molto di più perché ha vinto le prime due gare con un livello incredibile e ora non so cosa gli stia succedendo. Fatica molto, anche in uno dei suoi punti di forza: le qualifiche. Dovizioso è coerente, c'è ma ha bisogno di più velocità se vuole vincere il titolo e poi ci sono anche Viñales, Mir… Abbiamo otto, nove piloti in 25 punti quindi sarà interessante vedere la fine della stagione. E sì, proveremo a vivere lo spettacolo dall'interno!"


Gara di casa a Barcellona questa settimana, sarai a casa?
“La MotoGP correrà a solo un'ora da casa mia. Sarà strano, ma sai, è una situazione strana. È la prima volta che faccio questa esperienza nella mia carriera."


Dal 2013 hai vinto sei titoli, ora è un momento difficile per la Honda. Molti dicono che la moto non è facile e la strategia è sbagliata. Cosa ne pensi?
“Ho molto tempo adesso e leggo tante cose ma, alla fine, se prendi gli ultimi dieci anni, la Honda ha avuto una strategia perfetta. Perché? Perché è la squadra che ha vinto più titoli, più titoli di squadra e più campionati costruttori. Penso che la Honda stia facendo un ottimo lavoro. Non vediamo l'ora di migliorare la situazione per il prossimo anno perché mi sento parte della Honda e sento che è parte della mia responsabilità essere lì per portare la Honda al top".


Una MotoGP deve essere una moto facile come dice la gente?
“Ovviamente una MotoGP è una MotoGP. Voglio dire che ogni MotoGP ha un carattere diverso e quindi i piloti devono adattarsi alla moto. Honda ha questa filosofia da molti anni nelle classi 500cc e MotoGP. Ad esempio, quando parlo con Doohan, con Criville, la filosofia era la stessa. La Honda ha una buona moto, ma devi essere in forma al 100%, devi spingere molto la moto ma poi quando hai il feeling con la moto, puoi essere davvero veloce. Poi quando ho letto "no, la moto è fatta solo per lo stile Marquez e bla bla", non è così. Io sono il primo che vuole una moto più veloce e più facile, perché sarà più facile anche per me. Ma non è così, è una moto competitiva e nell'ultima gara ad esempio hanno concluso P6 con Nakagami e P7 con un pilota debuttante, Alex. Quindi è una buona moto, ha del potenziale, ma se vuoi capire la moto devi cadere molte volte".

Riguardo all'ultima gara, un nuovo circuito, Portimao, cosa ne pensi di questa pista?
“Portimao sarà interessante per finire la stagione. Spero di esserci, spero di correre lì con la MotoGP perché ho provato lì con una Moto2 nel 2012 - molto tempo fa, ma ricordo il circuito ed è stato molto bello. Molti alti e bassi, seguendo la conformazione naturale del terreno, è stato davvero bello, ed è stato molto divertente gareggiare lì. Spero di poter provare ad esserci e di finire la stagione in modo positivo".


Infine, un messaggio a tutti i fan?
“Voglio solo dire grazie, soprattutto a tutto il Team Repsol Honda e anche a tutti i tifosi. Ho ricevuto molti, molti messaggi. Ho letto tante, tante domande: "quando tornerai?" Non lo so, non so quando tornerò. Spero di tornare il prima possibile, torneremo al top ”.

  • 76diablo, Napoli (NA)

    Il tuo corpo è proprietà Honda. Oltre che se ti rompi di nuovi finisce la carriera. Torna l anno prossimo, non strafare di nuovo.
  • Alessandro200958, Mogliano Veneto (TV)

    Il gesto che molti avevano osannato e idolatrato si è rivelato una follia.
    Come del resto molti dicevano.

    E' stata una cosa contro natura che purtroppo, e lo dico davvero, lo sta penalizzando moltissimo.

    E' stata una rottura molto più grave del previsto, questo è chiaro visti i tempi di recupero e visto il tutore importante per uno sportivo che ha una palcca.
    Certamente la responsabilità è anche dei medici, ma io ritengo che sia stata una follia, tant'è che anche Pecco ha aspettato quasi un mese per rientrare dopo la rottura della gamba.

    Ora fa bene a dire che rientrerà quando lo deciderà il suo corpo, è una cosa sacrosanta e non può essere criticato per questo.
Inserisci il tuo commento