GP DI ARAGONA

Lorenzo: "Impossibile battere Pedrosa"

- Dani si compiace per un successo al termine di un fine settimana difficile. Jorge ammette: "in questo momento lui e la honda sono superiori" | G. Zamagni, Alcanitz
Lorenzo: Impossibile battere Pedrosa

ALCANIZ – Non c’è stata sfida: troppo netta la superiorità di Dani Pedrosa. Eppure, Jorge Lorenzo era scattato meglio dalla pole position e nei primi giri aveva tentato la fuga, senza però riuscirci. Poi, quando Pedrosa l’ha passato alla grande al settimo giro, Lorenzo si è arreso, complice anche una paurosa sbandata nel passaggio successivo. Molto meglio accontentarsi del secondo posto, che comunque gli garantisce un margine in classifica di 33 punti. Certo è che questo Pedrosa va davvero forte ed è un vero peccato che quanto successo a Misano – di cui Dani non ha nessuna colpa – abbia tolto parecchia incertezza al finale del mondiale.


PEDROSA: “NON VOGLIO AIUTI”


Pedrosa ripercorre un fine settimana difficile, ma concluso alla grande.
“E’ stata molto dura, perché da quando sono arrivato in circuito giovedì, tutti mi facevano le stesse domande, si è continuato a parlare di quanto accaduto a Misano. Non era facile per me rimanere concentrato e la situazione è peggiorata sabato dopo la caduta: ho distrutto una moto, costringendo i meccanici a fare gli straordinari. Ho cercato di mantenere la calma, ma non era facile, anche perché qui c’era tutta la mia famiglia e un sacco di gente per festeggiare il compleanno: insomma, c’erano tutti gli elementi per perdere la concentrazione, c’era troppa confusione attorno a me. Lorenzo è partito forte, ma sono riuscito a stare con lui, passarlo e prendere un po’ di margine. La moto scivolava tanto, non era perfetta, ma era comunque più che competitiva”.


Trentatre punti da recuperare sono troppi?

“Non ci penso. Devo continuare come nelle ultime gare, pensare solo a guidare e a divertirmi. Non sono assolutamente frustrato per quanto successo a Misano, penso solamente a fare meglio che posso”.


In Giappone dovrebbe rientrare Stoner: ti aspetti un aiuto?

“Il campionato lo vinci se sei più bravo, non perché un altro ti aiuta. Non so quando tornerà Stoner, ma lui è un vincente e vorrà chiudere al meglio la sua carriera: va bene se mi aiuterà, ma io sicuramente non gli chiedo nulla”.


Durante la gara non hai mai pensato di rallentare per cercare di mettere in mezzo qualcuno tra te e Lorenzo?

“Questa tattica la puoi fare in Moto3 e Moto2, ma non in MotoGP”.


Quando la Bridgestone ha portato la nuova gomma anteriore, voi piloti Honda eravate molto critici; adesso si può dire che è competitiva anche per voi?

“Sicuramente va meglio, ma non ci si può dimenticare che noi abbiamo cambiato telaio per sfruttare meglio la copertura”.

 

Nella prima parte della stagione avevamo una moto di 4 kg più pesante rispetto a quella dei test

Non è che forse quest’anno sei partito troppo prudente? Forse hai compromesso il mondiale.
“Nella prima parte della stagione avevamo una moto di 4 kg più pesante rispetto a quella dei test (per un cambio regolamentare, NDA), con tanto chattering. Poi è cambiata la gomma anteriore e, complessivamente, Lorenzo era più veloce di noi. Passo dopo passo abbiamo modificato il bilanciamento della moto, abbiamo cambiato telaio e siamo diventati più competitivi. All’inizio del mondiale, inoltre, non volevo commettere errori, l’ho presa con calma, mentre adesso spingo al massimo”.


LORENZO: “IMPOSSIBILE BATTERLO”


Come suo solito, Jorge Lorenzo non cerca scuse per giustificare la sconfitta subita.
“In questo momento, Pedrosa e la Honda sono più forti di noi: era impossibile batterlo. Ho provato a prendere un po’ di vantaggio, ma non è stato possibile, perché la moto scivolava tanto dietro. Quando mi ha passato ho provato a seguirlo, ma dato che era impossibile mi sono detto: ok, va bene il secondo posto. Adesso il vantaggio in classifica si è un po’ ridotto, ma io devo continuare sempre come ho fatto fino adesso, provando a vincere e accontentandosi di un piazzamento quando non è possibile”.
 

  • Pacco1198, Genova (GE)

    sergionet66

    Concordo con la tua massima ma la rovescio, se hai due cavalli ma uno lo carichi come un asino l'altro sarà comunque avantaggiato.
    Non voglio paragonare i due piloti Stoner Pedrosa, ma lo scorso anno le gomme favorivano il primo; causa la minor prestanza fisica e la sfiga che caratterizza Daniel direi che hrc abbia fornito a Stoner non la miglior moto ma magari i migliori tecnici; oggi tutte le attenzioni sono sullo spagnolo ed i risultati si vedono (oltre ad aver fatto meglio dell' australiano ad inizio campionato).
    Come pilota mi piace più Lorenzo, ma se Daniel dovesse vincere questo mondiale se lo sarà ampiamente meritato-
  • sergionet66, Genova (GE)

    Grande Dany!!

    ha fatto una gran bella gara e merita di vincere per tutto l'impegno ed il sacrificio fatti in questo anni.

    @nuvolatuonante

    sulla prima parte del tuo post mi permetto di dire che sara' quel che sara; invece perfettamente e completamente sulla seconda, anche io pensavo ci fossero piu' sportivi in moto....

    @pacco999

    senza voler associare Dany ad un ciuco, dalle mie parti si dice che "se non abbiamo cavalli, allora facciamo correre gli asini"!!
    Quindi mi sembra scontato che tutto il meglio, che prima magari andava equamente spartito (!!!), adesso venga messo sulla moto di Pedrosa.......
Inserisci il tuo commento