velocità

CIV. Terzo e quarto round a Vallelunga

- Terzo e quarto appuntamento a Vallelunga per il Campionato Italiano Velocità. La Marra domina con una strepitosa doppietta
CIV. Terzo e quarto round a Vallelunga

Sabato


SUPERBIKE: LA MARRA, CHE GARA!

Partito dalla pole position, il laziale Eddi La Marra (Ducati – Barni Racing Team) ha conquistato una gara dominata sin dalla prima curva e interrotta all’ultimo giro dalla bandiera rossa a causa della forte pioggia. Cinque i secondi di vantaggio al secondo giro sul primo inseguitore, il marchigiano Michele Magnoni (BMW - GM Racing by Tutapista), che alla fine si è dovuto arrendere per 6”159. Terzo, con un bel sorpasso nel finale ai danni del leader Leandro Mercado (Kawasaki – Team Pedercini) ha chiuso Ivan Goi (Ducati Barni Racing Team, a 13”380). Quinto Vizziello, che ha vinto una “battaglia” a cinque con Conforti, Massei, Andreozzi e Lai, giunti nell’ordine.


MOTO3: VALTULINI, PRIMA VITTORIA

Stefano Valtulini (Honda) centra il primo posto sul circuito di casa del suo team Five Racing AX52 e si porta in testa al campionato. Il lombardo ha avuto la meglio sul marchigiano Luca Marini (Twelve Racing) per 0”649, in una gara interrotta a cinque giri dalla fine a causa di una caduta. I due hanno corso una gara “fotocopia”, prendendo subito un buon vantaggio con Manzi (poi quinto). In terza piazza Michael Ruben Rinaldi (Mahindra), a 4”496 e bravo a risalire forte dalle retrovie, seguito da Andrea Caravella (Honda – Team Minimoto), Manzi e dal vincitore del Mugello, Locatelli.


STOCK 600: TUCCI VINCE UNA BATTAGLIA A 5

E’ stata la gara più incerta della giornata. Alla fine è stato Luca Salvadori (Yamaha) ad avere la meglio grazie ad una prestazione perfetta ma in sede di verifica è stato squalificato a causa della benzina irregolare. A vincere, quindi, è stato Andrea Tucci (Honda), bravo a correre al top e a mettersi alle spalle il campano Gennaro Sabatino (Yamaha, a 0”232), ancora una volta sul podio, e Nicola J. Morrentino (Yamaha Mottini Corse). Mattia Cassani (Yamaha – Team PA.SA.MA. Rayo) ha chiuso quarto e sempre nel gruppo che si è giocato la vittoria fino all’ultimo metro, davanti a Luigi Brignoli (Yamaha, Byrt by Extreme Racing) capace di chiudere nella top five.


SUPERSPORT: MAGNIFICI 4, LA SPUNTA CRUCIANI

La sfida più bella: in quattro se la sono giocata fino all’ultimo metro ma sul traguardo ad esultare è stato Stefano Cruciani. Nel giorno del suo compleanno, l’alfiere marchigiano del Team Kawasaki Puccetti ha chiuso tutte le “porte” all’ultimo giro al rivale storico Ilario Dionisi, lasciando al laziale alfiere Honda Scuderia Improve la piazza d’onore per 0”119 e facendosi come regalo la seconda vittoria su tre round. In terza piazza l’ottimo Marco Faccani (Honda, a 0”521), che con i due rivali per il titolo 2012 e con Giuliano Gregorini (Yamaha Team Rosso e Nero, quarto alla fine con 0”621 di ritardo) ha formato il gruppetto di testa. Quinto di giornata, Giansanti (Kawasaki Puccetti).

Eddi La Marra
Eddi La Marra


Domenica

SUPERBIKE: NESSUNO FERMA LA MARRA

Un Eddi La Marra strepitoso in sella alla Ducati del Barni Racing Team ha dominato anche il quarto round. Scattato forte dalla pole il giovane laziale è riuscito ad imprimere un ritmo insostenibile per gli altri, facendo doppietta e portandosi così in testa al campionato con sei punti di vantaggio su Mercado. A contrastarlo, anche questa volta, ci ha provato Michele Magnoni. Il marchigiano, alla guida della BMW del Team GM Racing by Tutapista ha tentato fino a metà gara di prendergli la scia (è arrivato anche ad un secondo e mezzo dal leader) ma nella seconda parte ha poi desistito, chiudendo a 5”865 dal vincitore. Terzo, in solitaria, il mantovano Ivan Goi che non è riuscito nell’intento di attaccare il suo compagno di squadra nel Barni Racing Team (14”967 il suo ritardo finale da La Marra) con questo doppio podio guadagna posizioni importanti in classifica generale. Nella top five di giornata anche un Leandro Mercado (Kawasaki Team Pedercini, a 16”996) non in grado di ripetere lo splendido week-end del Mugello e un ritrovato Gianluca Vizziello (BMW Moto X Racing, a 25”879.

MOTO3: SORPRESA MANZI MA... CHE GARA!

Gara pazzesca, quella della Moto3. In quattro si sono giocati la vittoria fino all’ultimo centimetro: Stefano Manzi e Luca Marini del Twelve Racing, Miroslav Popov del Team Oral Cruciani Racing e Stefano Valtulini (Honda – Fiveracing AX52) hanno spettacolo, arrivando all’ultima tornata che ha deciso le sorti di questo quarto round. Dopo un contatto tra Popov e Valtulini (che ha fatto perdere metri preziosi all’italiano, vincitore del round di ieri) e la successiva scivolata del ceco alla curva Soratte, in lotta per il primo gradino del podio sono rimasti i due team mate Marini e Manzi: ad avere la meglio, per 0”051, è stato il romagnolo Manzi, bravo a centrare la prima vittoria al CIV. Terzo secondo posto stagionale per il marchigiano Marini, che è stato il più “attivo” del gruppetto, accontentandosi poi della piazza d’onore sia in gara che in campionato (è ora a sei punti da Valtulini). Terzo, a 2”071, il lombardo Valtulini, che dopo la vittoria di ieri è ancora sul podio e festeggia la tabella tricolore di leader della classifica. Alle sue spalle, Michael Ruben Rinaldi (Mahindra Racing, a 4”579) mentre nella top five anche l’altro romagnolo, Enea Bastianini (Elle 2 Ciatti).

STOCK 600: TRA NOVE, SABATINO!

La gara si è svolta su 9 giri per una bandiera rossa esposta in seguito alla caduta di Oppedisano al Tornantino. Sistemata la pista, i protagonisti della Stock 600 hanno dato vita allo spettacolo più bello del week-end. In nove, infatti, si sono giocati la vittoria, dimostrando ancora una volta la qualità della categoria tricolore con contatti, staccate e sorpassi nei limiti della correttezza. A fare il pieno di emozioni è stato il numeroso pubblico romano, che alla fine ha festeggiato la vittoria di Gennaro Sabatino, bravo a portarsi in testa nel giro decisivo e a difendere la posizione, centrando il primo trionfo del 2013.

Secondo si è piazzato Andrea Tucci (Honda) che dopo la vittoria di ieri l’ha sfiorata per soli 0”060. In terza piazza Nicola J. Morrentino (Yamaha Mottini Corse, a 0”171), che nella prima frazione aveva dimostrato di avere qualcosa in più rispetto agli altri prendendo 50 metri di margine sugli avversari, annullati dall’esposizione della bandiera rossa. Dietro il terzetto, nell’ordine, Federico Monti (Yamaha Bike Center, a 0”382), Luca Salvadori (Yamaha, a 0”737), poi Caloroso, Vitali, Benini e Oppedisano, bravi comunque a correre nel gruppetto di testa e a lottare per il podio, arrivando ad un soffio dai primi.

SUPERSPORT: COLPACCIO CRUCIANI

Due vittorie in “casa” del rivale Dionisi lo proiettano da solo in vetta alla classifica. Stefano Cruciani vince di forza anche il quarto round, facendo doppietta a Vallelunga e lanciando un segnale al laziale. Partito forte, il marchigiano del Team Kawasaki Puccetti ha gestito le forze fino a metà gara, quando ha iniziato un forcing a cui nessuno degli avversari è riuscito a resistere.

Ottimo secondo, il ravennate Marco Faccani (Honda, a 1”616), che dopo il terzo posto di ieri migliora ancora il suo best score stagionale, dimostrando di essere uno dei protagonisti assoluto della stagione.Terzo, il compagno di squadra di Cruciani, Mirko Giansanti. L’umbro ha chiuso a 3”856 dal vincitore, conquistando il primo podio stagionale e tornando a casa con il morale alto in vista dei prossimi appuntamenti. Ilario Dionisi (Honda, Scuderia Improve) non è riuscito ad andare oltre il quarto posto: il campione in carica ha avuto la meglio a fatica su Giuliano Gregorini (quinto con la Yamaha del Team Rosso e Nero) ma ha “pagato” 5”920 da Cruciani, chiudendo in ombra un week-end difficile.

  • monti999, Rimini (RN)

    Vai Eddy....

Inserisci il tuo commento