mostra aiuto
Accedi o registrati
test

MotoGP. Test Sepang 2017. Stoner è il più veloce del Day 1

- Dopo la prima giornata di test a Sepang in testa c'è un certo Casey Stoner. Notizie, tempi, commenti e tutto quello che è successo oggi nella cronaca di Giovanni Zamagni

SEPANG – Vola la Ducati con il collaudatore Casey Stoner, ma anche con Andrea Dovizioso e Alvaro Bautista, ma arranca con Jorge Lorenzo. Maverick Viñales è nuovamente più veloce di Valentino Rossi: nel complesso, la Yamaha sembra competitiva. Bene Andrea Iannone con la Suzuki, prove di motore per la Honda in una giornata interrotta alle 16 per il solito acquazzone.

C’era tanta attesa per il primo giorno di test del 2017 e, fortunatamente, il meteo ha dato una mano: dalle 10 alle 16 si è potuto girare in condizioni quasi ottimali (per Sepang), con anche una temperatura relativamente accettabile. Ecco, in sintesi, cosa è emerso oggi, stando ovviamente bene attenti a non eccedere con i giudizi: è solo il primo giorno, difficile sapere esattamente che tipo di lavoro hanno fatto i piloti.

 

STONER: MISTER VELOCITA’

Il primo tempo di Stoner è sorprendente, ma fino a un certo punto. Come, obietterà qualcuno, un “collaudatore” davanti a campionissimi super pagati? In assoluto è un’anomalia, ma non nel caso specifico, perché stiamo parlando di Stoner, il pilota più veloce forse mai esistito. Inoltre, Casey aveva provato (poco, per la verità) nei due giorni precedenti e ha sempre usato le gomme morbide. Insomma, più che un’anomalia, la sua prestazione è una conferma.

 

DUCATI VELOCE. MA DIFFERENTE

La Ducati – che qui aveva vinto nel 2016, seppure sul bagnato – si conferma moto dal grande potenziale. Dovizioso è andato subito molto bene («i tempi sono venuti con facilità») provando esclusivamente la GP16 configurata per sopperire alla mancanza delle appendici aerodinamiche; poi, quando Andrea è uscito con la GP17 è iniziato a piovere. Nel complesso Dovizioso è andato bene, così come Alvaro Bautista, protagonista di una giornata davvero positiva, con ben 14 giri sotto i 2’01”. Così, stride ancora di più il 17esimo posto finale di Jorge Lorenzo, apparso un po’ “scioccato” a fine turno: «Non mi aspettavo tante difficoltà, questa moto va guidata in maniera completamente differente rispetto a quello che ho pilotato nei nove anni precedenti: con la Yamaha puoi mollare i freni prima e fare più scorrevolezza in curva, con la Ducati devi staccare molto più aggressivo», ha spiegato Lorenzo, confortato leggermente dia progressi fatti nelle ultime uscite. Insomma, una storia nota: il potenziale c’è, ma sfruttarlo è tutt’altro che semplice anche per un campionissimo come Lorenzo.

 

YAMAHA: COMPETITIVA. E CHE VINALES

Per la terza volta ufficialmente – per la quinta considerando i due giorni effettuati sempre a Sepang a novembre, dei quali però non si sa nulla -, Maverick Viñales è stato più veloce di Valentino Rossi, arrivato in ritardo in circuito perché non stava bene («avevo un gran mal di testa, sono stato in camera al buio e in silenzio, ho perso un paio d’ore»). Al di là del singolo giro, entrambi i piloti hanno messo in mostra un buon passo e una costanza di alto livello (eccellente quella di Maverick), con soddisfazione per il lavoro svolto durante l’inverno. «Visivamente cambia poco, in realtà le modifiche sono parecchie: in Yamaha hanno preso la direzione giusta» è stato il primo positivo commento di Rossi. La M1, quindi, sembra cresciuta.

 

HONDA: ANCORA ALL’INSEGUIMENTO

Marquez e Pedrosa si sono concentrati sul nuovo motore, distinguibile chiaramente dallo scarico laterale “lungo” e da un suono decisamente differente (cambia l’ordine degli scoppi, adesso regolare?). Ma, secondo il campione del mondo i benefici non sono così evidenti: «In accelerazione siamo ancora indietro rispetto agli altri, ma è anche vero che c’è parecchio lavoro da fare a livello di messa a punto dell’elettronica. Domani lavoreremo solo sue due RC213V 2017, poi vedremo com’è la situazione».

 

IANNONE: BENE CON LA SUZUKI

Su questa pista, la GSX-RR va davvero forte («nel 2016 qui eravamo molto competitivi» sottolinea Viñales), ma è confortante vedere Iannone sempre nelle prime posizioni, con un buon ritmo e una relativa facilità a fare i tempi: sembra un “pacchetto” che funziona.

 

SORPRESE POSITIVE E NEGATIVE

Oltre a Bautista, davvero incisivo, la sorpresa della giornata è stato Folger (settimo, davanti a Rossi) con la Yamaha del team Tech3, mentre dopo il tempone di Valencia ci si aspettava un pochino di più dall’Aprilia, 15esima con Aleix Espargaro, solo 66 millesimi più rapido del fratello Pol con la KTM. Ma, come detto, è solo il primo giorno.

 

Classifica Day 1

Pos   Rider Team Fastest lap Lead. Gap Prev. Gap Laps
1   STONER, Casey Ducati Test Team 1:59.681     26 / 33
2   DOVIZIOSO, Andrea Ducati Team 1:59.796 0.115 0.115 24 / 33
3   VIÑALES, Maverick Movistar Yamaha MotoGP 2:00.128 0.447 0.332 35 / 55
4   BAUTISTA, Alvaro Pull&Bear Aspar Team 2:00.134 0.453 0.006 38 / 54
5   IANNONE, Andrea Team SUZUKI ECSTAR 2:00.490 0.809 0.356 23 / 45
6   CRUTCHLOW, Cal LCR Honda 2:00.570 0.889 0.080 28 / 45
7   FOLGER, Jonas Monster Yamaha Tech 3 2:00.643 0.962 0.073 24 / 41
8   ROSSI, Valentino Movistar Yamaha MotoGP 2:00.695 1.014 0.052 21 / 28
9   MARQUEZ, Marc Repsol Honda Team 2:00.737 1.056 0.042 26 / 57
10   BARBERA, Hector Avintia Racing 2:00.744 1.063 0.007 25 / 39
11   PETRUCCI, Danilo OCTO Pramac Yakhnich 2:00.850 1.169 0.106 28 / 35
12   REDDING, Scott OCTO Pramac Yakhnich 2:00.852 1.171 0.002 29 / 45
13   PEDROSA, Dani Repsol Honda Team 2:00.970 1.289 0.118 27 / 46
14   ZARCO, Johann Monster Yamaha Tech 3 2:01.224 1.543 0.254 47 / 70
15   ESPARGARO, Aleix Aprilia Racing Team Gresini 2:01.271 1.590 0.047 24 / 37
16   ESPARGARO, Pol Red Bull KTM Factory Racing 2:01.338 1.657 0.067 46 / 59
17   LORENZO, Jorge Ducati Team 2:01.350 1.669 0.012 41 / 46
18   BAZ, Loris Avintia Racing 2:01.351 1.670 0.001 48 / 49
19   TSUDA, Takuya Suzuki Test Team 2:01.812 2.131 0.461 29 / 80
20   RINS, Alex Team SUZUKI ECSTAR 2:01.889 2.208 0.077 50 / 53
21   ABRAHAM, Karel Pull&Bear Aspar Team 2:01.926 2.245 0.037 41 / 46
22   MILLER, Jack Team EG 0,0 Marc VDS 2:01.942 2.261 0.016 50 / 52
23   NOZANE, Kohta Yamaha Factory Racing 2:02.187 2.506 0.245 34 / 37
24   NAKASUGA, Katsuyuki Yamaha Factory Racing 2:02.290 2.609 0.103 25 / 46
25   RABAT, Tito Team EG 0,0 Marc VDS 2:02.315 2.634 0.025 23 / 38
26   LOWES, Sam Aprilia Racing Team Gresini 2:02.942 3.261 0.627 34 / 51
27   SMITH, Bradley Red Bull KTM Factory Racing 2:03.034 3.353 0.092 48 / 50
NC   PIRRO, Michele Ducati Test Team
 

 

Cronaca live

Live concluso. Di seguito tutti gli aggiornamenti.
  • 30/1/2017 11:21
  • 30/1/2017 11:20
  • 30/1/2017 11:18 Dovizioso: «Molto contento per come è iniziato il 2017: oggi è venuto tutto facilmente. Per il momento abbiamo lavorato solo sulla GP16, cambiando il set up per adattarla alla perdita delle ali. Ero un po’ preoccupato sotto questo aspetto, temevo che i “contro” fossero di più dei “pro”, invece, per il momento, ho avuto riscontri positivi.Stoner? Fa prove che servono anche a noi e aveva già il ritmo, ma sua velocità non è una sorpresa. Lorenzo? Ha avuto più difficoltà rispetto a Valencia, ma è normale che sia così, ci vuole tempo. Domani, tempo permettendo, proveremo la 2017».
  • 30/1/2017 11:15 Vinales: “Meglio delle aspettative, abbiamo fatto un buon lavoro: ci stiamo concentrando soprattutto sul passo gara. Stoner? Non capisco perché non corra…”
  • 30/1/2017 10:53 Rossi: "Yamaha ha fatto un buon lavoro"
  • 30/1/2017 10:34 Iannone:" ho usato due moto molto simili, ancora non abbiamo capito qual è la migliore. Fino adesso non abbiamo toccato una vite, nei prox giorni dobbiamo adattare di più la suzuki al mio stile. Ma non c'è fretta, per il momento sta andando tutto molto bene"
  • 30/1/2017 10:16
  • 30/1/2017 10:16 Lorenzo: «più difficoltà del previsto: la Ducati va guidata in maniera completamente differente rispetto alla Yamaha. A Valencia avevo guidato con il mio stile, qui non va bene, bisogna frenare molto più tardi». A seguire l’intervista completa
  • 30/1/2017 09:54 in pista con le rain anche bautista, zarco, folger p.espargaro e il collaudatore suzuki tsuda
    =
  • 30/1/2017 09:49 marquez, 9 in 2’00”738, entra in pista con le “rain”, le gomme da bagnato
  • 30/1/2017 09:45 Lorenzo parla alle 17 locali, le 10 in Italia: ha chiuso la giornata al 17esimo posto in 2’01”349 a 1”669 da Stoner e a 1”5 dal compagno di squadra Andrea Dovizioso, secondo in 1’59”797. Conferenza stampa di Andrea alle 18 (le 11 in Italia)
  • 30/1/2017 09:42 Maio Meregalli (Team Principal Yamaha): «I due piloti hanno 4 M1 in configurazione 2017, in pratica quella deliberata nei test di novembre. Ma il lavoro non manca: c’è un telaio leggermente diverso da provare e tanti piccoli “aggiustamenti” di messa a punto».
  • 30/1/2017 09:39 Bautista: «Il feeling è molto buono. Su questa pista, si sente tanto la differenza di motore rispetto alla moto dell’anno scorso (Aprilia, NDA), ma anche la maneggevolezza è sorprendente. Bisogna sfruttare al meglio il carattere del quattro cilindri, ma è solo il primo giorno, devo conoscere meglio la moto». Guardate il passo di Alvaro: è davvero buono.
  • 30/1/2017 09:33 A meno di cambiamenti dell’ultimo minuto, Rossi per oggi ha finito: alle 1730 (locali, le 1030 in Italia) è prevista la conferenza stampa
  • 30/1/2017 09:30 Brivio (team manager Suzuki): «Rins risaliva in moto dopo tanto tempo, per lui è tutto nuovo, ha bisogno di adattarsi, ma poco alla volta migliora. Iannone ha fatto un po’ di prove comparative tra le diverse specifiche di telaio, sta raccogliendo tanti dati, anche per il motore»
  • 30/1/2017 09:20 Adesso piove fortissimo
  • 30/1/2017 09:15 Considerato quanto ci mette l’asfalto ad asciugare, è quasi sicuro che non si potranno più migliorare i tempi. Quindi la prima giornata di test del 2017 si potrebbe chiudere con un collaudatore davanti a tutti, un certo Casey Stoner…
  • 30/1/2017 09:11 Ecco la ktm: il cupolino sembra più largo degli altri

  • 30/1/2017 09:05 Come non detto, ecco la pioggia

  • 30/1/2017 09:05 Le nuvole nere si sono un po' allontanate. Intanto Valentino Rossi è sempre ai box

  • 30/1/2017 09:04
  • 30/1/2017 09:04 Forse è solo suggestione dovuta al colore nero, ma la carenatura della Yamaha m1 del collaudatore nakasuga sembra differente

  • 30/1/2017 09:04
  • 30/1/2017 08:23 Il cielo non promette nulla di buono...

  • 30/1/2017 08:15 Impressionante il passo di Alvaro Bautista (con la GP16): 14 giri sotto i 2’01”, altri due giri sotto i 2’01”5. Si può dire che, fino adesso, è la sorpresa positiva della giornata.
  • 30/1/2017 08:10 Lorenzo è 15 in 2’01”349 (40 di 41). Al 27esimo giro, Lorenzo aveva ottenuto 2’02”283, poi migliorato nell’ultima uscita. Ecco gli ultimi giri realizzati dal campione spagnolo della ducati:
    2’01”662, 2’01”562, 2’01”897. Box. 2’01”722, 2’01”349.

  • 30/1/2017 08:01 Anche Rossi è piuttosto costante:
    8 in 2’00”694 (20 di 27). Altri giri veloci: 2’00”837, 2’00”993, 2’00”751, altri 6 giri sotto i 2’01”5. Giri consecutivi (massimo) 5
  • 30/1/2017 07:58 Vinales, quindi, al momento è nettamente il più costantemente veloce. Vediamo gli altri protagonisti:
    Iannone 5 in 2’00”489 (22 di 30). Altri giri veloci: 2’00”952, 2’00”934, 2’00”804, 2’00”914, altri 3 giri sotto i 2’01”5. Giri consecutivi (massimo): 6.
    Anche Iannone, quindi, è molto costante e veloce.
  • 30/1/2017 07:52 Sfruttiamo la pausa per analizzare un po’ il passo.
    Stoner, miglior tempo in 1’59”680 (al 25° di 26 giri). Altri giri vellocii: 2’00”972, 2’00”018, altri 5 giri sotto i 2’01”5. Giri consecutivi (massimo): 4
    Dovizioso, 1’59”797 (23 di 24). Altri giri veloci: 2’01”454, 2’01”247, altri due giri in 2’01”alto (sopra i 2’01”5). Giri consecutivi (massimo): 5
    Vinales 2’00”129 (34 di 42). Altri giri veloci: 2’00”766, 2’00”887, 2’00”918, 2’00”926, altri 7 giri sotto i 2’01”5. Giri consecutivi (massimo): 6.
  • 30/1/2017 07:34 pausa pranzo, probabilmente non si girerà per un po’. Confronto tra compagni di squadra:
    Honda:
    Marquez 9 in 2’00”738 (34 giri)
    Pedrosa 13 in 2’00”970 (30 giri)

    Yamaha:
    Vinales 3 in 2’00”129 (42)
    Rossi 8 in 2’00”694 (27)

    Ducati:
    Stoner 1 in 1’59”680 (26)
    Dovizioso 2 in 1’59”797 (24)
    Lorenzo 15 in 2’01”349 (41)

    Suzuki:
    Iannone 5 in 2’00”489 (30)
    Rins 26 in 2’03”061 (37)

    Aprilia:
    A.Espargaro 14 in 2’01”272 (33)
    Lowes 24 in 2’02”943 (39)

    KTM
    P.Espargaro 19 in 2’02”066 (35)
    Smith 26 in 2’03”442 (38)
  • 30/1/2017 07:17
  • 30/1/2017 07:13
  • 30/1/2017 07:12
  • 30/1/2017 07:09 Ecco i tempi alle 14 locali

  • 30/1/2017 07:07 Foger: «Dalla Moto2 alla MotoGP cambia completamente lo stile di guida. Nel pomeriggio cominceremo a lavorare sulla messa a punto, per il momento abbiamo una buona base». Il tedesco sta andando forte: è 7 in 2’00”643 a 0”963 da stoner
  • 30/1/2017 07:02 in pista in questo momento solo barbera e petrucci. a breve l’ultimo aggiornamento dei tempi
  • 30/1/2017 06:24 rossi sale all’ottavo posto in 2’00”694 a 1”014 da stoner
  • 30/1/2017 06:21
  • 30/1/2017 06:19
  • 30/1/2017 06:14 I tempi alle 13 (locali)

  • 30/1/2017 06:09 Ecco la Honda con gli scarichi lunghi: nel box hrc entrambi i piloti hanno due versioni di scarichi, quelli tradizionali e questi più lunghi in maniera evidente

  • 30/1/2017 06:05 Davide Tardozzi, team manager Ducati: «Dovizioso e Lorenzo hanno entrambi due moto differenti, una con il forcellone “vecchio” e un forcellone “nuovo”. Jorge, però, più che altro sta facendo prove di “ergonomia”, non sta assolutamente pensando ai tempi sul giro. Stoner ha una GP17 ulteriormente evoluta»
  • 30/1/2017 06:04 Miglior tempo per casey stoner, primo in 1’59”680, 0”117 più veloce di andrea dovizioso. sempre veloce maverick vinales con la yamaha, terzo a 0”449, decimo valentino rossi a 1”157=
  • 30/1/2017 06:01 Come sempre, casco invernale per Valentino Rossi: questa volta, la sua tavullia sotto la neve

  • 30/1/2017 05:59 Mentre dovizioso sale al primo posto in 1'59"797 (ottimo tempo in assoluto) Lorenzo fatica in 21esima posizione. Al box Lorenzo fa evidenti segni con le mani di problemi all'anteriore

  • 30/1/2017 05:04 I tempi alle 12 locali, dopo due ore di test

  • 30/1/2017 04:57 iannone si porta in prima posizione in 2’00”489, 141 millesimi più rapido di bautista. Aoki, storico collaudatore suzuki: «Andrea mi piace molto è davvero velocissimo».
  • 30/1/2017 04:55 Al terzo giro, Rossi sale in 11esima posizione in 2’01”668, a 1”038 da Bautista. Il suo compagno di squadra, Mavericks Vinales, ha effettuato 25 giri ed è 2 in 2’00”766 a 0”136 da bautista
  • 30/1/2017 04:47 Cosa stanno provando i piloti?
    Honda: due configurazioni di motore, una anche a scoppi regolari;
    Yamaha: la moto in versione 2017, deliberata qui a novembre;
    Ducati: il nuovo forcellone posteriore;
    Suzuki: un’evoluzione di motore e qualche piccolo aggiustamento di ciclistica;
    Aprilia: motore nuovo.
    KTM: ci sono tre versioni del quattro cilindri.
  • 30/1/2017 04:43 Valentino Rossi ai box, è pronto a entrare in pista

  • 30/1/2017 04:10 Il collaudatore Ducati Casey stoner sale al secondo posto in 2’00”972, a 0”342 dalla Ducati (GP15) di Alvaro Bautista
  • 30/1/2017 04:07 Rossi è l’unico a non essere ancora sceso in pista
  • 30/1/2017 04:00 Ecco la Honda rc213v

  • 30/1/2017 03:57 Lorenzo al momento è 16esimo a 1"679 da bautista. Al box, intanto, si lavora sui dettagli

  • 30/1/2017 03:32 Situazione dopo 29 minuti: bautista 2’00”925 marquez petrucci crutchlow vinales redding iannone stoner dovizioso barbera e via via tutti gli altri. Come aveva preannunciato l’ing Dall’Igna durante la presentazione a Borgo Panigale, Stoner gira assieme ai piloti ufficiali
  • 30/1/2017 03:28 Iniziati i primi test del 2017: dopo 25 minuti sono scesi in pista quasi tutti i piloti. C’è un bel sole, la pista è in buone condizioni
Leggi tutti i commenti 110

Commenti

  • abuetto, Bergamo (BG)

    Nulla da dire per il tempo fatto da Stoner..
    Soprattutto nulla da dire sul pilota e le sue doti..

    Per "nulla" intendo anche dire nulla di sorprendente..
    E' stato velocissimo nel giro secco.. E dunque ? Non si sapeva già questo?

    Ha poco più di 30 anni, la moto la conosce e il talento c'è da sempre e sempre ci sarà..
    Dunque, dove sta la sorpresa ?

    Cioè, se prendessi una palla anche ovale e la lanciassi tra i piedi di Maradona che ha più di 50 anni e pesa oltre 100 KG dovrei stupirmi se questo si mette a palleggiare o calciare punizioni o fare giochetti da prestigiatore in campo ?

    Ma se dicessi al buon Diego Armando di disputare una partita in serie A probabilmente cambia tutto..

    Non me ne vogliano i tifosi di Stoner, ma a 4 anni di distanza che non disputa una gara, leggere alcune smielate dichiarazioni d'amore immenso per questi giochetti, che null'altro servono se non a ricordare lo strepitoso pilota del passato, sebbene comprensibile il vostro smodato e nostalgico apprezzamento, rischia di sfociare nel grottesco rendendovi più simili a dei bambinoni cresciuti che provano stupore su qualcosa di normale...

    E poi il tifoso di Rossi dovrebbe sentirsi richiamato all'ordine dai tifosi del canguro quando dispensa lodi verso il 46 ?
    Eccheccazzo... il 46 oltre a essere più vecchio di 6-7 anni, disputa gare, affronta avversari tosti e soprattutto si mette in gioco in tutto e per tutto..
    In tal caso, sarebbe davvero come guardare il Maradona che non si limita a palleggiare per ottenere applausi, ma è ancora in trincea a sudarsi faticosamente il risultato...

    Un pò di onestà sportiva non farebbe male in certe occasioni...
  • PLINIOSETTE50, Castel San Giovanni (PC)

    Grande Stoner.
    Grande Dovizioso che con la gomma meno performante arriva in scia all'australiano dimostrando se ancora ce ne fosse bisogno che lui la moto la sa portare, considerando poi che il giro secco non è mai stato il suo forte al contrario di Stoner.
    Grande Ducati che ha fatto una gran moto che va forte se guidata come piace a lei e che prova ad innovare in settori che le giapponesi non esplorano, d'altronde se copi i giapponesi sei sempre un passo indietro.
    La mia preoccupazione come al solito è la gestione della squadra, ok Stoner con la sua velocità può dare utili informazioni, ma può anche rendere la vita impossibile a Lorenzo.
    Non a Dovizioso che già l'anno scorso ha dimostrato di non temere il confronto.
    In pratica gli unici che non hanno nulla da perdere sono Stoner, Dovizioso e Pirro.
    Chi ci guadagna tanti soldi e tanto stress è Lorenzo.
Leggi tutti i commenti 110

Commenti

Inserisci il tuo commento