prova

Zontes 125 U TEST anteprima

- Zontes arriva sul mercato con il secondo modello 125 dedicato ai giovani e alle persone che si avvicinano al mondo delle due ruote. La Zontes 125 U infatti si può guidare con la patente A1. Vediamo come è fatta e come va questa moto costruita in Cina, importata da Distribike

La 125 U, che ha la piattaforma in comune con la sorella 125 G1, è costruita in Cina dalla Tayo Motorcycle Technology Co, azienda che produce più di un milione di motociclette all'anno. L'importatore italiano è la Distribike, società legata a Betamotor.
La naked dedicata ai sedicenni è venduta a 2.790 euro franco concessionario, a cui vanno aggiunte le spese di immatricolazione. Il motore della U è un monocilindrico di 124,7cc Euro 5, che eroga una potenza di 15 cv a 8.500 giri, con una coppia massima di 13 Nm a 7.000 giri.

Un particolare che va a impreziosire la tecnica costruttiva della moto è il cilindro in lega di alluminio. Dalla fusione alla lavorazione del cilindro in puro alluminio, la parete interna del cilindro senza rivestimento diventa più sottile, permettendo così di impiegare lo spazio risparmiato per ingrandire il canale e dissipare rapidamente il calore all’interno del cilindro. Una buona dissipazione del calore è importante poiché garantisce migliori prestazioni e maggiore durata del motore. Il raffreddamento è ad acqua, il sistema di alimentazione a iniezione della Bosch e la trasmissione è a 6 rapporti con frizione multidisco a bagno d'olio. La Zontes utilizza la Bosch anche per quanto riguarda il sistema ABS, che garantisce una buona frenata grazie anche a un disco anteriore da 240 mm.

Il telaio è d’acciaio ad alta resistenza ed è accoppiato a un forcellone posteriore in lega di alluminio. La flessibilità della lega di alluminio è simile a quella dei tubi in acciaio. I cerchi sono in lega di alluminio da 17 pollici con interno cavo e gli pneumatici misurano 110/70-17 all'anteriore e 130/70-17 al posteriore. Il peso netto è di 128 kg, con i liquidi si raggiungono i 138 kg. L'altezza della sella pilota è di 780 mm, mentre il serbatoio ha una capienza di 12,5 litri di carburante.

Una particolarità della 125 U è l’utilizzo del sistema keyless. La chiave della Zontes è un comodo braccialetto in gomma. Esso agisce sbloccando la moto già a 1,5 metri di distanza, il funzionamento è lo stesso anche dopo l’utilizzo: basta allontanarsi e la moto non può più essere avviata. Ad attivazione elettrica anche l’apertura del sellino, del serbatoio e l’inserimento del bloccasterzo. Altro pulsante integrato sul manubrio è quello denominato eco. Premendolo si passa dalla modalità sportiva a quella economy. A completare la dotazione tecnica ci sono i fari di tipo LED, il doppio jack di carica rapida USB, il terminale marmitta in acciaio inox e le protezioni per le leve.

Dettaglio del forcellone in alluminio
Dettaglio del forcellone in alluminio

Come va

Abbiamo testato la Zontes 125 U in ambito cittadino, a Milano. La prima sensazione è di salire su una moto compatta, che non intimidisce, complice anche l’altezza della sella ridotta. La sella è spaziosa per il pilota e di dimensioni ridotte per il passeggero, come di consuetudine sulle naked. Le pedane sono alte, infatti si è seduti in posizione piuttosto raccolta. Le persone che superano il metro e ottanta di altezza potrebbero soffrire sulle lunghe percorrenze. Il manubrio è largo e con una piega media che agevola una buona postura. Il peso infatti è ben bilanciato e non è caricata né troppo sull'anteriore né sul posteriore.

Una volta accesa la Zontes 125 U produce un gran bel suono, si parte e subito si nota la brillantezza e la spinta che ha ai bassi regimi. In città è uno spasso da guidare tra i semafori e tra le curve si viaggia con agilità. Il cambio è morbido e non ha incertezze. L'impianto frenante è ben dimensionato rispetto a peso e dimensione della moto, abbiamo provato diverse frenate d'emergenza e coadiuvati dall' ABS Bosch ci siamo sempre fermati in sicurezza. La ciclistica è precisa, si sente la rigidità del telaio di acciaio che viene aiutato dalle sospensioni, che non sono né troppo morbide né troppo rigide.

I comandi al manubrio, retroilluminati, sono intuitivi e posti esattamente dove ci si aspetta. Le leve sono facili da attuare e di tipo regolabile. La strumentazione, di tipo LCD, è essenziale con tutte le informazioni che servono e facile da leggere anche quando si passa da delle zone di luce ha delle zone d'ombra. La Zontes 125 U ci ha convinto, come pure la sorella G1, che abbiamo provato alla fine del 2020. Qualità costruttiva, doti ciclistiche e motore ne fanno un ottimo mezzo per i sedicenni che diventeranno futuri motociclisti.

La strumentazione è completa
La strumentazione è completa

Maggiori info

Luogo: Milano
Meteo: 6 gradi, coperto
Tester: Enrico De Conti (168 cm, 74 kg)

Abbigliamento:
Giacca: Alpinestars Yokohama
Guanti: Alpinestars sp-x air
Pantaloni: Alpinestars Barton riding cargo
Casco: Xlite X-551
Stivali: Alpinestars Belize drystar

Pro e Contro

  • Facile, buona coppia in basso, tecnologica
  • Abitabilità per i più alti
  • wallaceegromit, Como (CO)

    Va bene il telefono, la tv, la lavapiatti, la lavastoviglie, e tutto l'oggettume inutile cinese, ma la MOTO no per favore.
    Quando rilasceranno dalle carceri tutti quelli che non la pensano come il lider xi, non la comprerò lo stesso.
    Viva il mondo libero.
  • virtu_ale, Santa Maria di Sala (VE)

    Un bialbero 4 valvole raffreddato a liquido, con iniezione e ABS "vero" della Bosch, keyless e tutte le lucine alla moda a neanche tremila euro. China is coming.
Inserisci il tuo commento

Nuovo: Zontes ZT 125 U

Vedi tutti
Indietro Avanti

Confronta moto

Confronta la moto selezionata con quella che vuoi, sia nuova che uscita dai listini.

Ad esempio puoi confrontare la moto che desideri acquistare con quella da te posseduta in questo momento e vedere le differenze.

Confronta