Eventi

Moto Guzzi Fast Endurance Misano: ecco com’è andata la gara

- Moto.it ha corso l’ultimo round del trofeo Moto Guzzi dedicato alle V7 III preparate dai fratelli Guareschi. Ecco come è andata la gara, la prima endurance per i nostri Maurizio Vettor e Luca Frigerio

Il 12 e 13 ottobre, il circuito della riviera romagnola ha ospitato il Misano Classic Weekend, evento dedicato alle moto storiche e classiche. Tra i numerosi trofei e gare in programma si è corsa anche l’ultima tappa del Moto Guzzi Fast Endurance 2019, trofeo monomarca alla sua primissima edizione.

Dopo aver provato in anteprima la V7 III preparata dai fratelli Guareschi per il campionato, potevamo perderci la gara sulla pista più bella in calendario? Assolutamente no! Con la moto n°49, l’equipaggio giallo/nero di Moto.it composto dall’esperto Maurizio Vettor e da Luca Frigerio: volete sapere come è andata la loro prima gara di (mini)endurance? Guardate il video in copertina.

La partenza della Moto Guzzi Fast Endurance 2019 a Misano
La partenza della Moto Guzzi Fast Endurance 2019 a Misano

La preparazione

Come in una vera gara (perché il Moto Guzzi Fast Endurance è una competizione ufficiale FMI), bisogna presentarsi con la licenza da velocità e con la moto in regola. Fortunatamente alla V7 ci ha pensato direttamente Moto Guzzi e, da “bravi piloti”, noi ci siamo dovuti preoccupare solamente di portare il borsone completo di tuta, casco, guanti, stivali e paraschiena.

Arriviamo in circuito il sabato. Neanche il tempo di fare le verifiche e di ritirare i tagliandini dai commissari tecnici (obbligatori per affrontare le prime prove ufficiali) e già è il momento delle Qualifiche-1. La moto mette subito a proprio agio, il bicilindrico a V di Mandello è bello pacioccone e con gli scarichi Zard fa sentire appieno la sua voce. Quindi, ottenere tempi interessanti è stata questione di qualche giro: 2’08”, 2’07”, 2’06” e anche qualche 2’05”. Niente male, ci siamo guadagnati la prima metà della classifica: peccato che là davanti si giri in 2’00”. Tenere il passo di chi ha già affrontato 4 round in sella al Guzzone o in mezzo alle wild card, come i Rovelli (Team ParkinGO), che di cordoli ne hanno visti parecchi, è un altro conto. Ma io e Maurizio siamo competitivi, e non molliamo.

La novità

Un primo inconveniente tecnico con il motore nelle Q1 e poi con il rifornimento nelle Q2 ci hanno tolto giri importanti, ma al termine della giornata di sabato ci siamo guadagnati l’undicesima casella con un tempo combinato di 2’05”898. Niente male, la Top10 è li a un passo. La gara però è un’altra storia: la partenza è in stile Le Mans, e il cambio pilota è programmato (ogni 15 minuti, più un massimo di 2 giri). Ci sono un po’ di novità a cui bisogna stare attenti, se non si vuole prendere penalità e compromettere il risultato finale.

I semafori si spengono alle 15,30. La domenica non passa più e tra un (lungo) momento di silenzio e l’altro, ci si “allena” sui cambi e sull’insolita partenza di questa competizione: nel paddock sembriamo un po’ due giullari, che saltano su e giù dalla moto ferma sul cavalletto. Ma per la gara non si deve tralasciare nessun dettaglio.

E arriva il momento.

Maurizio Vettor alla guida della Moto Guzzi V7 III preparata dai fratelli Guareschi
Maurizio Vettor alla guida della Moto Guzzi V7 III preparata dai fratelli Guareschi

La gara

Parte Maurizio. Io tengo in piedi la moto. Pronti… via! Si comincia. Il mio compagno di squadra è partito bene, ha guadagnato due posizioni già in partenza. Il ritmo gara non è male: là davanti sono sul 2’02”, noi sul 2’06”. Perdiamo una posizione, ma la gara è lunga e preferiamo gestire.

È quasi il mio turno: respira Luca, respira. Vedo Maurizio entrare in pit lane. Mi preparo… Mauri scende, io mi lancio sulla moto, tiro la frizione, prima dentro… e bum. Si spegne. Dannazione a me, dovevo dare un po’ di gas. Perdo qualche secondo, ma riesco a ripartire. Ritrovare la concentrazione non è facile. La moto sembra più dura, difficile, ma in realtà non lo è. È tutta testa. Perdo qualche giro con crono in 2’06” alto, quasi 07” e, purtroppo, è il momento di dare il cambio. Stessa procedura: 60 km/h, folle, rallento, scendo a destra e parte Maurizio. Giriamo in solitaria, la moto davanti ha il nostro passo, quella dietro è più veloce, ma ha 12 secondi di ritardo.

È il mio turno, ancora. L’ultimo. Questa volta non sbaglio. Entro dentro, quasi come se fosse una qualifica. Questa volta riconosco la Guzzi che ho guidato il sabato e con cui mi sono trovato. Curva dopo curva, aspetto solo la bandiera a scacchi. Il ritmo, però, è di 2’04”, con un best lap in 2’03”8. L’ultimo run sembra durare un’infinità. Poi lo scadere del tempo, l’ultimo passaggio, il traguardo e il giro d’onore con i saluti ai commissari che, come in MotoGP, si avvicinano alla pista per congratularsi con tutti i piloti.

Il trofeo Moto Guzzi Fast Endurance è un monomarca dedicato alle V7 III
Il trofeo Moto Guzzi Fast Endurance è un monomarca dedicato alle V7 III

La classifica

Ma quanto siamo arrivati? La commissione gara ci mette un po’ più del previsto a completare la classifica, e alla fine chiudiamo in ottava posizione. Due equipaggi davanti a noi sono stati penalizzati per aver sbagliato il cambio pilota. Le gare di endurance sono anche questo, ed è la classifica finale quella che conta. I nostri complimenti all’equipaggio vincitore del quinto round, il Team ParkinGO (23) composto da Giuliano ed Edoardo Rovelli, e ai campioni di quest’anno, Samuele Sardi e Oreste Zaccarelli del Team Biker’s Island (93).

Torniamo a casa soddisfatti, anche se lontani dal podio. L’esperienza, però, è stata unica: la passione e la voglia di andare in moto sono lo spirito di questa competizione firmata Moto Guzzi. Ed essere nel contesto del Misano Classic Weekend ha creato un’atmosfera indimenticabile.

Sono queste le gare che mettono voglia di andare in moto. Come si dice in questi casi? “Poca spesa, tanta resa!”. Noi di Moto.it aspettiamo la conferma delle novità e del calendario Moto Guzzi Fast Endurance 2020, che dovrebbero essere svelati a EICMA 2019.

 

  1. (23) ParkinGO Team
  2. (90) 117 Racing Team
  3. (93) Biker’s Island
  4. (750) Canottieri Moto Guzzi 2
  5. (71) 598 Corse
  6. (127) Guaracing Factory
  7. (166) Scuderia Aquile Millenarie
  8. (49) Moto.it (wild card)
  9. (76) Circuito Internazionale d’Abruzzo
  10. (48) Team Proraso
  11. (19) Team ChiMoto
  12. (12) Team Zard
  13. (993) “Gaffe”
  14. (69) Fab Four Racing
  15. (41) Moto dei Miti
  16. (45) Team Spirit of 4.5 – PMR Moto
  17. (57) The Clan
  18. (00) Virgin Radio
  19. (850) Moto Guzzi World Club
  20. (13) Luporacing
  21. (29) Ballerini-Tramontano (wild card)
  • FABIKE1971, Nova Milanese (MB)

    Bravissimi i "nostri" tester.
    Mi avete messo un pathos pazzesco, più della motogp.
    Aspettiamo il prossimo evento, non so se il regolamento lo consente ma sarebbe bello se poteste montare una on board camera ( go pro o come si chiamano ).
    Ancora più bello se riusciste a fare due equipaggi per estendere la sfida ai colleghi...
  • kodiak59, Bergamo (BG)

    bella formula, entusiasmante e bravi i due piloti Moto.it! solo un appunto, la prossima volta sarebbe bello ascoltare di più il rombo delle V7 e un pò meno il pur gasantissimo rock duro di sottofondo.
Inserisci il tuo commento