prova pneumatici

Dunlop SportSmart², confort e prestazioni

- La storica Casa produttrice di pneumatici presenta lo SportSmart² evoluzione dello SportSmart, ma con importanti novità che ne migliorano le doti di confort e le prestazioni su asfalto bagnato
Dunlop  SportSmart², confort e prestazioni

 
SportSmart x SportSmart = SportSmart² (si legge square), con questa semplice formula Dunlop descrive il nuovo pneumatico dedicato alle moto sportive, e ai loro possessori, che pur prediligendo la guida su strada, in qualsiasi condizione di guida, non disdegnano o non si vogliono far mancare qualche puntata pista.

Sviluppato nell'arco di 18 mesi dal Dipartimento di Ricerca e Sviluppo europeo lo SportSmart² tiene conto dei pregi, ma soprattutto dei difetti (a dire il vero davvero trascurabili) del suo predecessore. Allo SportSmart si imputava in particolare, lo scarso confort offerto su strada, ebbene il miglioramento di tale aspetto è stato uno degli obbiettivi dei tecnici, che hanno anche lavorato sulle prestazioni e la tenuta su asfalto bagnato, grazie all'utilizzo di una mescola 100% silice per la spalla del pneumatico posteriore (che come per il predecessore è bi-mescola). A tale scopo serve anche il nuovo disegno della scolpitura del battistrada, con superiori capacità drenanti (+20% il dato dichiarato), che per il pneumatico anteriore prevede il “rovesciamento” della scolpitura dalla tipica forma a V, che nello SportSmart aveva il vertice rivolto verso l'alto, mentre ora punta verso terra. Il pneumatico posteriore è anch'esso stato modificato nel disegno del battistrada, e a un primo esame visivo mostra degli intagli di maggiore larghezza.


Le migliorate capacità di smorzamento delle sollecitazioni tipiche dell'asfalto sconnesso, sono state ottenute lavorando in particolar modo sulle carcasse dei due pneumatici, anteriore e posteriore, che ricordiamo sfruttano le tecnologie JLB (JointLess Belt) e JLT (JointLess Tread). La prima consiste nel posizionamento di una serie di “cinture” longitudinali che permettono un controllo ottimale delle deformazioni della carcassa, la seconda consente il posizionamento di mescole di diverso tipo sulla superficie del pneumatico. Da rilevare che il nuovo SportSmart² risparmia in termini di peso, rispettivamente un -7% sull'anteriore e -8% per il posteriore, con tutti i vantaggi in termini di guidabilità e inerzia.
Anche il profilo è stato rivisto, con l’anteriore che assomiglia esteticamente, e non solo come leggerete più avanti, al D 212 GP.


Messi alla prova

Come consuetudine, Dunlop è solita invitare un manipolo di giornalisti sul tracciato di sua proprietà, lo spettacolare saliscendi di Mireval nel sud della Francia, nei pressi di Montpellier tanto per capirci, per far provare le novità auto e moto. Naturalmente non poteva mancare il test su asfalto bagnato, o meglio allagato (6/8 mm di acqua sono davvero degni di un nubifragio estivo), e la prova su strada, che poi è quella più indicativa.

Il test ha inizio con un paio di turni in sella a due Honda CBR 600 RR gommate SportSmart e SportSmart², tanto per fare un confronto diretto delle rispettive prestazioni, in questo caso, al limite nell’uso in pista. Le prime impressioni sono positive, e non stiamo parlando del nuovo prodotto, ma dello SportSmart, che ancora adesso convince per le prestazioni offerte anche nell’uso esasperato. Considerando che le pressioni dei pneumatici sono quelle standard, 2.5 ant 2.9 post, le “vecchie” Dunlop non sfigurano, ma è stato sufficiente montare in sella alla CBR 600 RR gommata SportSmart² per rivedere almeno in parte il giudizio.


La prima cosa che si percepisce, è la maggiore rapidità nella fase d’inserimento in curva (i tecnici Dunlop hanno stimato in un +23% la velocità di discesa in piega rispetto allo SportSmart), caratteristica da ricondurre al minor peso del pneumatico, ma soprattutto al profilo “più svelto” dell’anteriore, che in questo ricorda davvero da vicino il D212 GP. Il grip offerto in fase di frenata e inserimento è un gradino sopra al predecessore, e permette di entrare in curva con i freni ancora pinzati, potendo contare su una tenuta davvero notevole, e con una tendenza al raddrizzamento nulla. I cambi di direzione necessitano di minore impegno fisico, mentre aprire o chiudere una traiettoria in curva, appare certamente più facile e meno impegnativo. Il grip offerto dal posteriore è in linea con quello offerto dallo SportSmart, e quindi certamente elevato, mentre è apprezzabile il fatto che anche dopo svariati turni in pista, e nelle mani di personaggi poco raccomandabili, l’aspetto del battistrada non mostri segni di sofferenza, e il consumo appare limitato e uniforme, d'altronde le doti di durata, a detta degli uomini Dunlop, sono un altro punto forte di questo pneumatico.

 

Prese le misure e fatta conoscenza con il pneumatico, ci aspetta una coppia di moto decisamente più impegnativa. Le SportSmart², e relativi piloti, sono ora alle prese con le Yamaha YZF R1, moto più impegnative del punto di vista ciclistico e dotate di un propulsore che, almeno tra i cordoli di una pista, potrebbero mettere in difficoltà un pneumatico “stradale” come lo SportSmart². 

Per l’occasione le pressioni dei pneumatici sono state abbassate, in questo specifico caso a 2.1 e 1.9, rispettivamente anteriori e posteriori, per garantire prestazioni superiori in presenza di coppia e cavalleria davvero “impegnative”. Le buone impressioni avvertite con la Honda CBR 600 RR sono confermate anche sulla R1, che nel passaggio, “vecchio” “nuovo”, guadagna in rapidità d’inserimento in curva e maneggevolezza nei cambi di direzione. Chiudere la traiettoria di una curva affrontata in maniera sbagliata, non è più “cosa per pochi”, ma è più semplice e meno impegnativo sia fisicamente sia mentalmente.

Dove la natura stradale delle SportSmart² emerge in maniera più consistente, è quando “si prende in mano” la manopola del gas in uscita di curva. La risposta piuttosto brusca della mappa”A” della quattro cilindri giapponese, tanto per capirci quella che garantisce una risposta immediata del motore, tende a mettere in crisi l’aderenza dello SportSmart², al quale viene in soccorso il controllo di trazione. Spostando la mappatura su “Standard”, e quindi rendendo meno aggressiva la risposta del motore, le cose migliorano notevolmente, con la conseguenza che riusciamo anche ad abbassare la soglia d’intervento del controllo di trazione. In compenso le perdite di aderenza sono sempre progressive, e a lungo andare ci si prende anche gusto a fare scodare la superbike di Iwata.

A mollo

Adesso è arrivato il test che amiamo di più, quello che prevede delle “umide” sessioni in pista, poiché il tracciato è quello completamente allagato che serve a saggiare le doti di tenuta e drenaggio dei nuovi pneumatici. Le moto scelte per la prova sono delle Suzuki GSR 750, naturalmente dotate di ABS, giusto per evitare spiacevoli scivolate, equipaggiate sia con le nuove SportSmart² sia con le precedenti SportSmart. Se tra gli obiettivi della Dunlop c’era quello di migliorare le prestazioni sul bagnato, bisogna dare atto che il feeling con le nuove SportSmart² è superiore, che l’anteriore fenda meglio la pellicola d’acqua è forse più una certezza che non una sensazione, mentre la nuova mescola del posteriore permette di accelerare con più aggressività. In frenata proviamo più volte a richiamare all’ordine l’ABS, e con lo SportSmart² la cosa è davvero difficile, il grip dell’anteriore è  di prima grandezza, e un gradino più in alto del pur ottimo predecessore.


Dopo l’obiettivo della maneggevolezza, anche il miglioramento delle prestazioni sul bagnato è stato raggiunto. Adesso tocca vedere e toccare con mano se le nuove SportSmart² hanno perso quella cattiva abitudine di trasmettere le sollecitazioni dell’asfalto sconnesso alle terga del pilota.

Per questa prova sono previsti 300 km di test, un terzo del quale da percorrere in autostrada, i restanti sono invece strade di montagna. Più volte scambiamo le moto, quindi possiamo apprezzare le differenze tra le due generazioni di pneumatici. L’obiettivo dell’innalzamento del confort a quanto pare sembra raggiunto, le sconnessioni che troviamo lungo il percorso, evidenziano una maggiore propensione a filtrare le sollecitazioni, sia davanti sia dietro, questa caratteristica potrebbe far pensare a una struttura della carcassa meno rigida e quindi meno precisa. Sbagliato, le SportSmart² si distinguono per reattività e precisione anche sul veloce, mentre lasciano indietro le precedenti SportSmart quando il misto si fa stretto e i cambi di direzione si susseguono, o almeno richiedono meno impegno fisico da parte del pilota.

Si può in pratica confermare quanto i tecnici ci avevano riferito, e quanto avevamo letto in cartella stampa, le nuove SportSmart² ereditano le ottime qualità e i pregi delle SportSmart, eliminandone quasi totalmente i difetti.


Disponibilità


Disponibili da Ottobre
120/60ZR17 (55W) TL SX SPORTSMART²
120/70ZR17 (58W) TL SX SPORTSMART²
160/60ZR17 (69W) TL SX SPORTSMART²
180/55ZR17 (73W) TL SX SPORTSMART²
190/50ZR17 (73W) TL SX SPORTSMART²
190/55ZR17 (75W) TL SX SPORTSMART²

Disponibile da Gennaio 2014
180/60ZR17 (75W) TL SX SPORTSMART²

Da Giugno 2014:
200/55ZR17 (78W) TL SX SPORTSMART²

Da Maggio 2014:
110/70R17 54H TL SX SPORTSMART²
120/70R17 58H TL SX SPORTSMART²
150/60R17 66H TL SX SPORTSMART²
160/60R17 69H TL SX SPORTSMART²

  • miky5036, Lonate Pozzolo (VA)

    Korova

    grazie per l'informazione. infatti avevo sono in dubbio se comprare le sportsmart o battlax S20. penso che entrambe abbiano un profilo sportivo. E solo che ho letto da qualche parte che per le moto come le nostre una gomma troppo maneggevole la fa rendere instabile.
  • korova, Genova (GE)

    miky

    ti rispondo io visto che la redazione non risponde.... sulla mia hyper sp è montata di serie le supercorsa SP che sono stra a punta. Rimane stabile la moto. Poi se sullo stesso modello di moto (hyper) montano sia scorpion (hyperstrada), rosso corsa (hyper base) supercorsa sp (hyper sp) vuol dire che siamo come tutte le altre moto...
Inserisci il tuo commento