mercato

Triumph Street Triple 2012 standard e R. Le prime immagini

- Dopo la nuova Speed Triple ora arriva anche un importante restyling anche per la sorellina minore che eredita gli stessi gruppi ottici. In commercio a breve, prezzi invariati
Triumph Street Triple 2012 standard e R. Le prime immagini

 

L’effetto MV probabilmente ha messo le ali ai piedi ai signori della Triumph. Alludiamo chiaramente all’annunciata presentazione settembrina della “Brutalina” a tre cilindri, anch’essa col motore da 675 cc, quindi direttissima - e sulla carta commercialmente pericolosissima - concorrente per la rampante inglesina, visto non solo il blasone del marchio MV Agusta nel mondo, ma anche il prezzo di vendita, che si annuncia decisamente aggressivo.

Non a caso Triumph anticipa di un bel po’ la presentazione del Model Year 2012 di Street Triple e Street Triple R, e, presumibilmente, anche le consegne. Non crediamo che ci vorranno mesi, insomma, per vederle dai concessionari Triumph, anzi… E nemmeno ne conosciamo ufficialmente i prezzi, che però potrebbero anche rimanere invariati. Che anche la Street Triple sarebbe stata oggetto del lifting apportato alla sorella maggior Street era chiaro come l’acqua. E infatti, ecco comparire anche qui il medesimo doppio faro a elementi trapezoidali che tanto hanno fatto discutere lo zoccolo duro dei triumphisti. Il nuovo gruppo ottico dal look più aggressivo si abbina alle nuove finiture di alcune componenti, che, secondo il comunicato ufficiale, “eleva di molto il valore percepito della qualità del prodotto”. Ma ecco in sintesi le altre principali novità.

Innanzitutto, la cosiddetta finitura “dechromed”: quindi via le cromature su impianto di scarico, pedane pilota, riser e contrappesi manubrio, ora tutti in acciaio satinato. Su serbatoi e fianchetti di entrambe le versioni, inoltre, campeggiano i nuovi loghi “sport”, come quelli utilizzati sulla Daytona 675R. La strumentazione è la medesima che compare sulle ultimissime versioni della delle 675, e anche qui ora troviamo il manubrio in alluminio a sezione variabile precedentemente installato solo sulla Street R; dietro gli steli della forcella, inoltre, campeggiano nuove paratie.

Nuove pure le colorazioni: Crystal White, Phantom Black e il nuovo Imperial Purple per la Street, mentre per la Street R ecco Diablo Red, Crystal White e Phantom Black.
Per il resto, tecnicamente le due motociclette restano invariate, con il medesimo telaio in alluminio e, ovviamente, lo stesso motore tre cilindri da 675 cc, bialbero a 12 valvole, con 106 cv (78 kW) a 11.700giri/min e un valore di coppia massima di 6,9 kgm (68Nm) a 9.200giri/min. Immutate anche le sospensioni che, come sulle precedenti versioni, sono regolabili solo nel precarico del mono sulla Street Triple e
completamente sulla Street Triple R.

  • jurij, AGRIGENTO (AG)

    triumph triumph cosa hai fatto??

    Io nn capisco questa nuova modifica..?? capisco che la triumph è una casa piccola e non abbia tanti fondi x rinnovare una moto così dall'oggi al domani,tra l'altro una moto che dopo 4 anni è ancora tra le più competitive.. ma perchè cambiare una moto dallo stile unico allora..??quei fari tondi a molti nn piacevano proprio ma erano unici uno stile inconfondibile...questi fari adesso oltre ad essere brutti (sembra un alieno)...sono dalle forme scopiazzate delle altre moto..!!!vi erano molte migliorie da fare su questa moto impianto elettrico da rivedere specie che quasi tutte quelle del 2010 avevano un alternatore di tensione che si rompeva subito..o andare a migliorare la mappatura magari dando alla street qualche cavallo in più..rivedere un pò le sospensioni che specie per la versione standard non permettono alla moto di scaricare tutta la potenza nonostante il buon telaio..!!!ora con una concorrenza diretta cm quella della Mv ci sarà un flop......specie se le doti della nuova piccola della casa MV si mostrano cm quelle annunciate...parlo da un contento possessore di una street triple 2010..!!!!
  • hunbert1022, Torino (TO)

    Nuova Street?

    Premetto che la nuova Speed non mi fa impazzire esteticamente, e non solo per i fari, ma e' un versione ben differente dalla precedente per estetica e comportamento dinamico (decisamente migliore). Qua hanno semplicemente appiccicato i nuovi fari della Speed per continuare ad avere l'aria di famiglia e satinato i particolari cromati, sai che roba! La moto e' e rimane ottima ma mi sembra solo marketing.
Inserisci il tuo commento